E intanto il Dollar Index arriva ai suoi massimi

Scritto il alle 09:35 da Danilo DT

us dollar commodity

A volte ci sono degli scenari tecnici che si incrociano quasi in modo “magico” con gli eventi e con la macroeconomia.
E’ noto che giovedì sarà il “giorno del giudizio” per la BCE. Come ho scritto nel post di sabato (cliccate qui per riprenderlo) è evidente che il mercato ha già scontato molto. Ma attenzione, non bisogna focalizzarsi solo sulla curva dei tassi. Anzi, per certi versi quanto accadrà in questo ambito è decisamente meno interessante di quanto invece potrebbe accadere nel mondo del forex.
Infatti è sicuramente da monitorare con attenzione il comportamento del Dollaro USA e del cross EURUSD.
Una manovra sui tassi ed una forward guidance “che sorprende” (in positivo o in negativo) potrebbe avere riprecussioni importanti sulla moneta USA. E perché parlo di “magia”? Perché se guardiamo il grafico del Dollar Index, notiamo che il Dollaro USA si trova proprio in questo momento ad un livello topico.

Grafico Dollar Index

dxy-dollar-index-chart

Come potete vedere è chiarissimo che il Dollar Index è a livello dei massimi precedenti fatti registrare a marzo di quest’anno. Area 100.34 è ad un passo, ed il rally è avvenuto con una certa rapidità e difatti alcuni indicatori sono in situazione di forte tensione. Mettiamoci per un attimo il “cappello” da analista tecnico. Spegniamo la TV e scolleghiamoci dalla rete. Evitiamo qualsiasi contatto esterno ed analizziamo il grafico così, freddo ed austero. Il messaggio che suggerisce è chiaro. Il “sell on news” per il Dollaro USA è un’ipotesi che non è da scartare.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
E intanto il Dollar Index arriva ai suoi massimi, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
3 commenti Commenta
kry
Scritto il 30 novembre 2015 at 10:10

E chi se ne frega se il debito USA diventa momumentale sempre più …
sempre più in alto … come la torre di babilonia … finchè c’è la FED(E) c’è speranza.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Scritto il 30 novembre 2015 at 17:25

Eh ma la FED(E) non sarà più quella di una volta….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Lukas
Scritto il 30 novembre 2015 at 17:32

Ormai Gli usa sono rassegnati a subire la rivalutazione della loro moneta…..perchè sanno che i problemi stanno fuori dai loro confini, come dimostra il grafico seguente, …….e se non risolti prima o poi gli arrivano in casa…….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+