Bitcoin, Bolle, Tempeste e Coronavirus

Scritto il alle 15:01 da Marco Dal Prà

Mentre l’Italia è pervasa dal timore per il coronavirus, probabilmente anche eccessivo, negli Stati Uniti continuano ad uscire analisi di mercato su Bitcoin che prendono spunto anche da questo evento “drammatico” per vedere i possibili risvolti sulle criptovalute.

A questo proposito un amico che risiede a Boston mi ha gentilmente segnalato un articolo pubblicato da Marc van der Chijs, imprenditore di origine olandese che ha operato fino al 2013 in Cina e successivamente si è spostato in Canada nel mondo Fintech e delle Criptovalute fondando varie aziende tra le quali una importante mining farm.

 

The Perfect Storm:

Perché Bitcoin a 10.000$ del 2020 è diverso da Bitcoin a 10.000$ nel 2017

13.2.2020 – di Marc van der Chijs

Stasera stavo passeggiando nel lungomare di Vancouver, cosa che faccio regolarmente in questi giorni. Camminavo e guardavo il mare, le barche, le onde e le foche che occasionalmente saltano fuori dall’acqua, ma principalmente pensavo a nuove idee. Mi sentivo un po ansioso, il che è insolito per me, quindi ho cercato di capire perché mi sentissi in quel modo. Improvvisamente mi sono reso conto che la causa è Bitcoin. Ma  non per le sue recenti performance (BTC è aumentato del 45% nelle ultime 6 settimane), ma perché ho capito che siamo finalmente nel punto in cui Bitcoin è pronto per scatenarsi.

Lasciatemi spiegare.

Il 7 Febbraio, Bitcoin ha superato $ 10.000, un’importante barriera psicologica per molti investitori. Ero a cena con amici e guardavo il prezzo. All’inizio della cena ero più concentrato sul prezzo che sulle conversazioni e sono riuscito a catturare la schermata del momento esatto in cui Bitcoin ha raggiunto $ 10.000.

Ovviamente l’argomento è cambiato subito in Bitcoin (la maggior parte delle persone aveva già una certa esposizione in Bitcoin) ed ho spiegato perché questo è stato un momento importante per la criptovaluta. Non perché Bitcoin non scendesse mai più sotto i 10.000 $ (in realtà è sceso a $ 9850 qualche giorno dopo), ma perché questa è stata la prima volta che Bitcoin è stato scambiato ad oltre 10.000 $ mentre pensavo che fosse la sua corretta valutazione.

Rompere 10.000 $ ai fondamentali attuali e ad alti volumi significa che il valore di 20.000 $ quest’anno è diventato improvvisamente molto probabile e le mie previsioni di almeno 100-200K$ per Bitcoin in pochi anni sembrano sempre più probabili.

Nei giorni scorsi ero più concentrato sugli investimenti non crypto e sulle nuove iniziative imprenditoriali, quindi non mi sono davvero preso il tempo di mettere insieme i miei pensieri su questo argomento. Ma mentre camminavo mi sono reso conto che la mia mente aveva già fatto il lavoro. Quindi ho scritto i miei pensieri in un post sul mio blog.

Nel 2017 BTC è salito ad un massimo storico di quasi 20.000 $, ma ciò che la gente dimentica è che la “corsa” da 10.000 $ a 20.000 $ è durata poco più di una settimana e da 14.000 $ a 20.000 $ è avvenuta in soli 2 giorni. Quasi nessuno ha acquistato o venduto al di sopra del prezzo attuale, il che significa che il prezzo di oggi di 10.000 $ è in realtà abbastanza simile a un massimo storico.

Ricordo che il 6 dicembre 2017 eravamo a un road show a Wall Street e che non potevamo credere a quello che stava succedendo a Bitcoin quando abbiamo controllato i nostri telefoni durante le presentazioni degli investitori. Nel tardo pomeriggio dopo la fine delle nostre presentazioni, Mike Novogratz ci ha invitato a tornare a Toronto con il suo jet privato e durante il volo abbiamo continuato a controllare i nostri telefoni invece di goderci cibo e bevande. Penso che abbiamo raggiunto $ 16.000 $ mentre eravamo in aria e l’ho fatto vedere a Mike quando è arrivato al massimo. Ha detto che era tempo di iniziare a guadagnare, qualcosa di cui in quel momento non ero ancora così sicuro.

Il giorno successivo stavo parlando a una conferenza a Toronto e stavo letteralmente controllando il prezzo mentre ero sul palco (annunciando al pubblico che il prezzo era salito a 18.000 $). Guardando indietro avrei dovuto rendermi conto che era follia e non poteva continuare così. In effetti non è stato sostenibile e non molto tempo dopo il prezzo del Bitcoin ha iniziato a crollare pesantemente.

Oggi però è molto diverso. Il 2017 è stato principalmente un mercato degli investitori al dettaglio, ma da allora la maggior parte di questi investitori ha lasciato il mercato. Non capivano davvero in cosa stessero investendo, quindi hanno venduto in perdita o si sono completamente dimenticati del loro investimento.

Bitcoin: Prezzo US$ e Volumi 2018-2020

Il 2020 è diverso; penso che l’attuale mercato rialzista sia guidato da istituzioni e family office. Investitori ben informati che investono perché vedono Bitcoin come una potenziale riserva di valore in tempi di volatilità. Non erano sul mercato alla fine del 2017 perché non erano ancora autorizzati a farne parte (ad esempio non c’erano depositari approvati) o perché non sapevano come investire in Bitcoin. Da allora abbiamo fatto molta strada, ma non è ancora facile acquistare e detenere Bitoin (un motivo per cui siamo molto lontani da un nuovo top). La narrativa però è cambiata e molte persone iniziano a vedere Bitcoin come una vera nuova asset class.

Un fattore importante è che esiste finalmente un modello per valutare Bitcoin. Quando Sean e io abbiamo fatto un roadshow in tutto il Canada per l’FBC Bitcoin Trust a settembre 2017, abbiamo sempre fatto il confronto con l’oro, spiegando che se Bitcoin diventasse una riserva di valore e la sua capitalizzazione di mercato sarebbe solo il 10% dell’oro, il prezzo sarebbe di circa 50.000-60.000 $ (questo si basa sulla capitalizzazione di mercato BTC di oggi inferiore a $ 200 miliardi, mentre l’oro vale oltre $ 8 trilioni).

Ho anche spiegato il valore di Bitcoin come valuta potenziale e il valore della sua blockchain come il database più sicuro al mondo, che renderebbe Bitcoin ancora più prezioso, ma la maggior parte delle persone non lo capiva. Volevano vedere un modello.

E ora ce n’è uno, è il modello stock to flow, sviluppato dal collega olandese Plan B (che vuole restare anonimo nell’account twitter 100trillionUSD). Il modello si basa sulla scarsità di Bitcoin e può essere utilizzato per calcolare i futuri prezzi dei Bitcoin. Finora ha resistito molto bene e prevede un prezzo Bitcoin di almeno 50.000 $ l’anno prossimo e forse fino a 100.000$. Da lì continua fino a 1 milione entro il 2028-29. Pensiero speranzoso? Forse, ma 7 anni fa Bitcoin era 100 volte inferiore a quello di oggi, quindi potrebbe facilmente salire di un altro fattore 100 nei prossimi 7 anni. Molte persone hanno cercato di falsificare il modello, ma finora nessuno è riuscito, il che per me è un segnale molto forte.

Perché “The Perfect Storm”

Il titolo di questo post è La Tempesta Perfetta perché credo che il mondo stia andando nella direzione sbagliata mentre Bitcoin sta diventando sempre più importante; prima di tutto a causa del Coronavirus (un altro argomento di cui dovrei scrivere presto).

Nel 2017 non era chiaro cosa sarebbe stato Bitcoin: una valuta, una riserva di valore o qualcos’altro. In questo periodo invece BTC ha dimostrato un paio di volte che potrebbe essere principalmente una riserva di valore (anche se in futuro potrebbe avere altre funzioni).

Nel frattempo il Coronavirus potrebbe essere il catalizzatore di una nuova crisi. La Cina è letteralmente arrivata ad un punto morto. Le persone non possono uscire di casa o, anche se possono, non vogliono; la maggior parte dei negozi e dei ristoranti sono chiusi e l’economia al dettaglio si è fermata. Ma ancora più importante, le fabbriche sono chiuse e rimarranno chiuse ancora per un po. Ciò significa che le catene di approvvigionamento in tutto il mondo presto si fermeranno. Anche se un prodotto ha solo una piccola parte proveniente dalla Cina, non è possibile costruirlo. Le persone in Nord America ed Europa non ne vedono ancora gli effetti reali e secondo me è difficile che gli affari andranno avanti come sono sempre andati. Credo che tutto ciò cambierà rapidamente e questo potrebbe essere il cigno nero che porterà a un pesante crollo del mercato azionario. Quando ciò accadrà, potrebbe indurre le persone a investire in Bitcoin come bene rifugio.

Anche se il Coronavirus non sarà così grave come penso, abbiamo ancora il problema che molti paesi hanno così tanto debito che non saranno mai in grado di ripagarlo. Qualunque cosa tu lo chiami o qualunque cosa sia, Quantitative Easign, prestiti a breve termine, pronti contro termine o semplicemente stampa di denaro, gli effetti sono tutti uguali. Questa situazione non è sostenibile. I poteri in essere, vogliono che lo stato attuale duri il più a lungo possibile, perché fanno soldi a tonnellate. Ma non durerà. Il coronavirus potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso e che porterà al collasso i mercati finanziari. Ma anche se non sarà così, accadrà presto qualcos’altro che spingerà Bitcoin ad essere visto come un investimento sicuro.

Nel 2017 il mercato delle criptovalute è stato guidato da investitori al dettaglio, ma non molti sono ancora sul mercato. Tuttavia, stanno tornando rapidamente. L’ho notato su Twitter dove improvvisamente ho molte più conversazioni su Bitcoin rispetto a poche settimane fa. Lo vedo nei mercati delle Altcoin, dove le monete che secondo me hanno valore zero improvvisamente aumentano con percentuali a doppia cifra. E ricominciano le email da persone che vogliono acquistare grandi quantità di BTC. Sta succedendo qualcosa, lo sento. E immagino che sia da lì che proviene la mia ansia. Voglio essere dietro al mio laptop sapendo cosa sta succedendo nei mercati e facendone parte. Ma camminare sul lungomare è probabilmente più salutare e un uso migliore del mio tempo per un’ora al giorno.

Conclusioni

Negli ultimi 7 anni di Bitcoin mi sono sentito così solamente due volte. Una volta nell’ottobre 2013, quando ero partner di un fondo di venture capital e non avevo letteralmente interesse a guardare nuove società semplicemente perché credevo che investire denaro in BTC avrebbe portato a rendimenti molto migliori (peccato che non abbia seguito il mio istinto, questo è stato quando Bitcoin aveva appena superato 100 $, due mesi dopo ha raggiunto 1000 $). La volta successiva fu all’inizio del 2017 quando Bitcoin iniziò la sua nuova corsa da 1.000 $ a quasi 20.000 $ e sentivo che finalmente BTC era più o meno senza rischio.

Ora è febbraio 2020, Bitcoin viene scambiato a poco più di 10.000 $ e sembra più forte che mai. Il dimezzamento della ricompensa ai minatori sta arrivando (che riduce l’offerta del 50%, il che significa un potenziale raddoppio del prezzo BTC), i governi sembrano dare il loro “OK” a Bitcoin ed al mining Bitcoin, ed il modello Stock to Flow prevede un aumento del prezzo di 5-10 volte prima la fine del 2021.

I mercati finanziari sono a massimi storici insostenibili, un virus sta minacciando il mondo e il cambiamento climatico sta rallentando ma sicuramente sta rendendo il mondo un posto molto peggiore in cui vivere. Mi sembra una tempesta perfetta e potrebbe essere il momento in cui Bitcoin faccia la sua prossima grande mossa.

 

[Traduzione e adattamento a cura di Marco Dal Prà]

Link Utili

Modello Stock-to-Flow di Bitcoin (Qui su Intermarketandmore)

Articolo originale (Link Qui)

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.1/10 (9 votes cast)
Bitcoin, Bolle, Tempeste e Coronavirus, 7.1 out of 10 based on 9 ratings
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+