ITALIA e BANCHE: Giganti dai piedi di Argilla

Scritto il alle 09:22 da Danilo DT

Crisi-economica-italia

Dopo aver visto i saliscendi (più “scendi” che “sali”) causati dall’aumento di capitale della Banca Popolare di Vicenza, sottoscritto quasi interamente dal fondo Atlante, ecco che torna alta la tensione a Piazza Affari. Non che ci siano state sedute poi così tranquille e poco volatili. Ma il mercato stava iniziando a digerire il boccone indigesto della Vicenza ed ecco che ora arriva il secondo mappone da digerire. E questo mappone si chiama Veneto Banca.
Infatti proprio oggi si terrà il CdA di Veneto Banca,dove gli amministratori approveranno il piano per la quotazione in Borsa, candidando quindi Veneto Banca allo sbarco a Piazza Affari. Ma la quotazione non sarà “Indolore” in quanto è previsto prima, come per la Popolare Vicenza, un aumento di capitale, questa volta da un miliardo di Euro.
Inutile giocare al toto-scommesse, al momento non sappiamo ancora quali saranno le condizioni e se si replicherà la grande truffa dell’aumento di capitale a 0.1 €. Lo scopriremo in giornata. Certo è che le sorti e soprattutto il sentiment delle prossime giornate di borsa rischiano di girare attorno all’ennesimo bubbone bancario italico. Probabilmente l’ultimo (fino ad oggi conosciuto) ma non cantiamo troppo presto vittoria. Il mercato ha fatto chiaramente capire che la fiducia sul settore bancario è vicina allo zero (vedi i crolli di BPM e Banco Popolare da quando hanno annunciato la fusione) in quanto, malgrado le mille assicurazioni sullo stato di salute degli istituti di credito nostrani, sembra alquanto evidente che il peso degli NPL obblighi molte banche a delle ricapitalizzazioni.

Dai, Signori, siamo onesti. La Banca d’Italia e l’Abi sostengono che le nostre banche siano sufficientemente solide. Però i mercati, e non solo loro, la pensano diversamente. Anche perché il rapporto tra i deteriorati ed i concessi (parliamo di crediti) è mediamente pari a 16,7% (secondo gli ultimi dati), mentre in Europa si viaggia ad una media di 5%.

banche-italiane-crediti-deteriorati-npl
Senza poi dimenticare l’esposizione sul debito pubblico italiano degli istituti stessi.
Sommate questi due elementi e capirete come mai i fondamentali tradizionali (P/E o P/BV) servono a nulla per fare delle valutazioni coerenti delle nostre banche.
L’unica grande verità è che il nostro sistema finanziario sta migliorando ma è solo apparentemente solido.

Lo capisce anche un bambino. Se un 100 € dati in prestito, posso pensare di averne buttati via 16.7 €, vuol dire che ho fatto un disastro. Se poi paragonato ai tassi di mercato attuali, vuol dire che ho fatto un disastro elevato al cubo.
E poi…sul debito pubblico in pancia alle banche si sono dette già tante cosa anche a Bruxelles. Si vuol sicuramente fare qualcosa. Ma non adesso, sarebbe sistemicamente inaccettabile. Ma abbiate fede, qualcosa lo faranno fare. Anche perché l’Italia rappresenta sempre di più un rischio sistemico. Malgrado i tassi sotto zero, continuiamo a far lievitare il nostro debito pubblico circa 1.833 euro al secondo, o se preferite 160 milioni di Euro al giorno, con un accollo a persona che ormai è pari a 37.150 €.

Bankitalia: a marzo lo stock a 2.228,7 mld –
L’incremento del debito, si legge nel supplemento al Bollettino statistico della Banca d’Italia, è stato inferiore al fabbisogno del mese (21,5 miliardi), grazie alla riduzione di 4,7 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a fine marzo pari a 70 miliardi; 78,9 miliardi nello stesso periodo del 2015) e all’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e del deprezzamento dell’euro (2,9 miliardi). Con riferimento ai sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 13,9 miliardi; quello delle amministrazioni locali e degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. (IS24h) 

record-italia-debito-pubblico-2016

Per carità, nulla di nuovo sotto il sole, ormai siamo abituati ad un debito pubblico perennemente in salita. Ma siamo certi che possiamo continuare a stare tranquilli e sereni? Scusatemi… avete ragone. La pianto subito sennò poi Matteo mi scrive che sono un “gufo” e mi bacchetta…
Intanto godiamoci la seconda puntata della storia “Atlante dai piedi di Argilla”. E magari ci ritroveremo con un nuovo azionista di riferimento anche in Veneto Banca, chissà.
Se poi però penso invece al tradizionale “Gigante coi piedi di argilla”, non so perché ma non posso non pensare anche all’Italia. Speriamo che le forti piogge di questi ultimi giorni non ne abbiamo condizionato la stabilità, già di per sé molto relativa.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (9 votes cast)
ITALIA e BANCHE: Giganti dai piedi di Argilla, 10.0 out of 10 based on 9 ratings
3 commenti Commenta
draziz
Scritto il 16 maggio 2016 at 12:49

Ssssstt!! Non disturbare, dai!
Eccheccavolo! Già stiamo pensando al ponte del 2 Giugno, per una grandiosa festa della Repubblica, per commemorare la fortuna di aver scampato una dittatura ed aver “creato” una nazione libera dai condizionamenti, retta solo dalla libera azione dei partiti dopo la necessaria raccolta del consenso popolare …
Che? Ci vuoi guastare la festa?
Tra l’altro siamo già in area pagamento tasse…
Non puoi spaventare il pollo, ehm… il cittadino medio, dopo tutto il lavoro fatto dal non eletto Governo per “donare” stabilità al sistema! Si rischia che il pol…cittadino non spenda più…
Anche perchè, grazie ad un tal “professore” (dei mé cai qualcuno dice…) abbiamo un aumento dell’IVA garantito per l’anno prossimo, così l’Europa è contenta e non si scatenerà (…??) il finimondo sui nostri BTP e così trasferiremo ancora più soldi nelle casse comuni (mi suona come un triste paragone con le fosse…) dell’Europa…

Il problema è che tu non sei capace di vedere le cose in prospettiva…di essere ottimista…
Sempre a scavare su quello che hanno fatto nel passato…E mettiamoci una pietra sopra!!
Un bel tombale sulle cagate combinate da partiti, partitini e qualche furfantello garantito dall’immunità…e viaaaa…si riparte, per un radioso futuro! Tanto c’abbiamo ‘O sole, ‘O mare…e che vuoi di più? Non vorrai forse insegnare a governare un gregge? Ma dai…

Come dici? Tra imposte sul reddito e contributi INPS lasci allo Stato il 60% di quanto intaschi ?
E quando poi devi mangiare, vestirti, spostarti, un altro 16% (in media) a causa dell’IVA ?
Lasci i soldi sul conto corrente? Ma perchè non vuoi pagare l’imposta di bollo? Ma, scusa, allora vuoi evadere?
Aahh….scusa, ho dimenticato le imposte locali…
Eehhh, però, anche tu…ma non vuoi pagare la tassa sui rifiuti che produci?
Non vuoi pagare la sosta della tua auto sul suolo pubblico?

E dopo aver bruciato tutti i tuoi risparmi per partecipare allo “sforzo collettivo” ed essere un bravo contribuente che consuma ti avvicini all’età della pensione e, porca la miseria…, il fisico non ti tiene
più e ti diventa impossibile lavorare (caspita…però durante la tua libera vita avevi il tempo per andare una o due volte a settimana in palestra ad allenarti e fare ginnastica…)…
Quindi chiedi la pensione anticipata, prima dei 70 anni (aahhh…sfruttatore della cosa pubblica…)
…e per fortuna che ci sono le Banche…che ti aiuteranno…dietro un piccolo ma doveroso compenso…
Così potrai continuare a goderti 25 Aprile, 2 Giugno ed anche la “Festa dell’Europa Unita” che un giorno proclameranno per ricordarci di aver scampato quella brutta dittatura che ci voleva tutti uguali, omologati ed asserviti ad un solo volere…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)

Scritto il 16 maggio 2016 at 13:13

HAHAHAHAHAH! Che pirillo che sei…. :D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 16 maggio 2016 at 16:45

dra­ziz@fi­nan­za,
–che un giorno proclameranno per ricordarci di aver scampato quella brutta dittatura che ci voleva tutti uguali, omologati ed asserviti ad un solo volere…–

Caspita che pollo che sono.
Ho sempre creduto che fossimo sotto il regime del MULTINAZIONALISMO dal 2000 quando lo hanno chiamato globalizzazione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+