Trading classico o opzionismo?

Scritto il alle 10:45 da gremlin

1. Trader classico
Il trader classico è in grado di implementare solo strategie direzionali affidandosi alla sua bravura. Poi, una volta entrato in posizione, SPERA di non finire in stoploss perchè contabilizzerebbe una perdita. Ma che strumenti ha questo trader per recuperare la perdita? Uno solo: continuare a tradare come gli suggerisce il suo sistema SPERANDO di chiudere in guadagno. Ricordo che un trader classico è bravo non perchè le sue chiusure in guadagno superano quelle in perdita, ma perchè i suoi guadagni complessivi superano le perdite, anno dopo anno. Questo presuppone regolarità della performance e utilizzo di tecniche di money management ripetibili con rapporto risk/reward di almeno 1:1,5. E ovviamente presuppone un sistema qualsiasi, replicabile e ottimizzabile, per determinare segnali di entrata e di uscita long/short in fasi di mercato con volatilità differenti.

2. Opzionista
L’operatività in opzioni rappresenta un approccio razionale al trading, all’investimento e alla protezione valutaria o di singoli asset o di portafogli complessi. Si lavora a termine con scadenze temporali note e con strategie non solo direzionali ma anche (e soprattutto) con strategie pseudo-direzionali e neutrali rispetto all’andamento dei prezzi del sottostante.
Lo scopertista (writer) farà maggiore attenzione al decadimento temporale che è l’unica variabile certa nel processo di trading e lui è l’unico che può trarne vantaggio.
Il compratore invece cercherà di approfittare dall’aumento di volatilità. Entrambi poi dovranno fare i conti  – al pari del trader classico – con l’evoluzione prezzi del sottostante.

3. Diseducazione e ignoranza
Uno dei tanti motivi per cui perdura il classicismo e stenta ad emergere l’opzionismo è la meticolosa diseducazione organizzata dall’industria finanziaria e non certo con un piano precostituito ad hoc, ma semplicemente attraverso il mantenimento all’ignoranza  della gran parte delle persone che vi lavorano. Quindi la diseducazione inizia col far ignorare l’esistenza delle opzioni quotate nei mercati regolamentati.
Però quando qualcuno decide di “spiegare” le opzioni spesso capita di ascoltare/leggere “conoscitori” che mai hanno operato coi loro soldi, e quelli che l’hanno fatto spesso hanno avuto esperienze tanto limitate da ignorare che esistono opzioni su tutte le quattro asset class (azioni, bond, valute e commodity). L’apoteosi di questa vulgata si raggiunge quando si esaminano le vendite allo scoperto.
Non tutti sanno cosa significa vendere opzioni senza averle ma comunque quello che conta per l’industria finanziaria è presentare al pubblico questa operatività in termini totalmente negativi perchè – secondo questa tesi – il trader sarebbe esposto al rischio di “perdite illimitate”.  Ma questo è un falso ideologico.
Se vogliamo dare un senso alle parole si dovrebbe dire che un opzionista è esposto al rischio di perdite come un qualunque trader classico o investitore in asset volatili o in junk bond.
“Illimitata” ha un altro significato (e ha anche una subdola associazione di idee con la dannazione eterna). Ma comunque non è illimitata perchè – anche nel caso che il trader fosse uno sprovveduto assoluto e SOLO in questo caso – quando finiscono i soldi sul conto il broker dopo aver lanciato invano un margin call chiude d’ufficio le posizioni e quindi la perdita, pur ingente, non potrebbe essere MAI illimitata.
Ma se il trader fosse un’opzionista, ovvero trader in opzioni sufficientemente esperto e informato, non arriverà mai a farsi chiudere le posizioni dal broker, interverrà prima lui a mettere in sicurezza la sua posizione. Un’opzionista ha un ruolo ATTIVO nei confronti del mercato e può aggiustare la sua posizione se vuole (es. ricerca del delta zero di ptf); invece un trader classico o investitore possono solo controllare il rischio chiudendo in stoploss le posizioni avendo un ruolo sostanzialmente passivo, ovvero non sono in grado di compensare immediatamente le perdite con un aggiustamento di posizione.
Ma è così difficile far entrare in un processo di trading una valutazione del rischio a cui associare, verificatesi certe condizioni, un’operatività di controllo del rischio?
Di fronte a questo richiamo al realismo, il detrattore convinto potrebbe rettificare e aggiungere che – anche se la perdita non fosse illimitata –  perdere tutto il capitale è cosa possibile. Punto, senza aggiungere altro. Allora complimenti alla demagogia.
Ma è solo l’opzionista che può perdere tutto il capitale investito? sapete cosa è capitato nel febbraio scorso ai bond subordinati della banca olandese SNS? e chi perde l’80% con Generali si sente molto diverso da chi ha perso tutto con le opzioni?
Proviamo a ragionare secondo uno schema razionale. Partiamo ad esempio dal presupposto che l’opzionsta non sia uno sprovveduto totale, che abbia un capitale di 100 mila da mettere su asset volatili e che ne destina 90 alle azioni e 10 alle opzioni. Se perdesse il 20% sulle azioni e il 100% sulle opzioni, dove avrebbe perso di più?
Morale: tutto è relativo e tutto dipende dalle scelte (e non scelte) del trader.
Quindi anche sostenere che si può perdere tutto il capitale – ammesso che l’opzionista sia uno sprovveduto totale – senza aggiungere altro significa fare terrorismo psicologico ed essere disonesti intellettualmente.
Ma vuoi vedere che l’industria finanziaria teme l’uso “intelligente” delle opzioni da parte dei privati? ottenere il 15% netto anno con operatività semestrale è un obiettivo minimale alla porta di molti, soprattutto di chi già maneggia future. E la scelta di sottostanti non azionari esenterebbe anche dalla tobin tax.
E la diffusione delle opzioni binarie soprattutto sul forex (che non hanno nulla a che fare con le opzioni dei mercati regolamentati a cui mi riferisco) è un altro tentativo dell’industria finanziaria di mantenere la gente nell’ignoranza creando confusione. E’ la stessa identica cosa che accade ora a proposito della consulenza indipendente dove alcune banche chiamano “indipendenti” i loro dipendenti.

4. Meglio il trading classico o le opzioni?
Ciascuno si dia la propria risposta. Se a un trader classico che si trova in perdita si chiedesse: “come fai adesso a recuperare la perdita“?  secondo voi come potrebbe rispondere? direbbe forse “provando e riprovando…”?
Un compratore di opzioni che fa strategie direzionali (long/short) si trova invece ancora più inguaiato del trader classico perchè utilizza uno strumento completamente inadatto essendo divorato dal decadimento temporale.
Lo scopertista in opzioni invece incassa denaro subito, il suo conto cresce immediatamente, viene poi marginato come un trader in future e aspetta che il tempo passi o che il sottostante vada nella direzione favorevole. Ma se dovesse trovarsi seriamente minacciato dal sottostante (se cioè rischiasse di finire in the money) potrebbe chiudere la posizione minacciata praticando di fatto uno stop loss generalmente molto costoso. Allora chiediamo anche a lui: “come fai adesso a recuperare la perdita“?
Risposta: “mi guardo in giro (tradotto: consulto varie option chain), valuto e poi vado alla scoperto su altri strike e/o scadenze e/o sottostanti, recupero il costo e riduco anche la marginazione, e poi continuerò a difendermi – anche con altre tecniche – se il sottostante mi minaccerà di nuovo“.

 Per cambiare comportamenti abitudinari, ad esempio smettere di fumare, occorre una forte motivazione e dispendio di energie mentali. Lo stesso accade per passare dal trading classico all’opzionismo. Anche questo spiega la rarità degli opzionisti e dei broker che consentono di operare allo scoperto sulle quattro asset class.

sei soddisfatto del rendimento del tuo investimento?
lo ritieni adatto per fronteggiare il rischio di ulteriore deflazione o di rialzo dell’inflazione?
conosci gli strumenti adatti per ribilanciare il ptf ?
come investiresti sull’azionario ADESSO?
e con quali strumenti? quale diversificazione? quale protezione da un eventuale crollo?
hai provato ad usare le opzioni per proteggerti dai rischi di ribasso?
come ti proteggi dal rischio valutario?

VUOI UN CHECK GRATUITO DEL TUO PORTAFOGLIO?

LA PARTECIPAZIONE AL MEETING DELL’1 GIUGNO A MILANO E’ UNA BUONA OCCASIONE PER AVERE RISPOSTE ANCHE PERSONALIZZATE.
Non puoi partecipare ma vorresti avere ugualmente delle risposte ai tuoi quesiti?  Scrivi  a  [email protected] per saperne di più.
 



portafogli – trade opzioniprotezione oro – pensioni integrative – video – periodici
Per maggiori informazioni: [email protected] 

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Trading classico o opzionismo?, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
16 commenti Commenta
marmaf
Scritto il 30 maggio 2013 at 14:48

Semplicità e chiarezza (oltre che indipendenza) , articolo scritto da chi, evidentemente, maneggia le opzioni quotidianamente.
Mai, in tanti anni di investimenti, avevo immaginato che esistessero opzioni sui bond. Potresti però completare con l’informazione rimasta in sospeso, ovvero quali sono i broker che consentono di vendere allo scoperto le opzioni su tutti gli asset :wink:
Non ho capito la negatività sulle binarie, non le ritieni uno strumento di trading trasparente?
Purtroppo vedo solo adesso la possibilità del meeting, spero di partecipare più avanti se ce ne saranno ancora.
Ora vado a leggermi anche gli articoli passati
Ancora complimenti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pinco14
Scritto il 30 maggio 2013 at 15:02

Gran bel post Maurizio
Sei uno dei pochissimi a cui sento parlare di opzioni in qs. termini
Io :| ero uno di quegli ignoranti che pensava esistessero le opzioni solo sugli indici e titoli azionari
E’ grazie anche e soprattutto all’operatività su C&M che ho scoperto anche le altre asset class

Hai totalmente ragione sul cattivo indottrinamento psicologico che viene fatto sulle opzioni (si possono solo comprare, si può perdere tutto, bla bla bla – solo un mare di cazzate) da chi evidentemente non vuole fare avvicinare la gente ad uno strumento così potente
Sono assolutamente d’accordo che l’unico modo per guadagnarci dalle opzioni è venderle, non certo comprarle

Come tutte le cose ci vuole tempo per imparare a maneggiarle, bisogna batterci la testa, bisogna perderci, bisogna rischiare di essere marginati….poi uno capisce che anzichè le stupidaggini di cui sopra, la gestione delle posizioni dipende solo e soltanto dal money management sui margini e dall’equilibrio di portafoglio

Mi permetto di ricordare anche l’estrema utilità delle opzioni per l’hedging – anzichè affidarsi solo e soltanto allo stoploss (che in fasi di mercato laterali, attendiste…ti può massacrare economicamente e psicologicamente)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 30 maggio 2013 at 15:05

    ….e sabato si parlerà amche di come usare le opzioni in un portafoglio “normale” in modo semplice….
    Dico bene maurizio?
    :-)

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 30 maggio 2013 at 15:09

marmaf@finanzaonline,
fra i sostituti d’imposta ce n’è uno solo, IWB…. altrimenti devi fare l’estero
le binarie sono una scommessa, come la roulette, o rosso o nero, o vinci o perdi, è una puntata da giocatore d’azzardo, non ci fai i piani di trading o di controllo del rischio
:-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 30 maggio 2013 at 15:10

pinco14@finanza,

:-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 30 maggio 2013 at 15:13

Dream Theater,

oh yes…….. :D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

jt_livingstone
Scritto il 30 maggio 2013 at 22:47

ottimo pezzo Gremilin,

mi piace soprattutto quando parli di opzioni su commodities :D:D:D

A presto!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 30 maggio 2013 at 23:02

jt_livingstone,

fronte mese, vendere call su WTI 96 e NG 43 e put GLD 1280

sto studiando, sai? :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

jt_livingstone
Scritto il 30 maggio 2013 at 23:31

gremlin,

mi piacciono tutte ma sono un po’ meno avverso al rischio di te e starei un po’ piu’ lontano per i due energetici

infine un reminder
il primo giugno inizia la stagione degli uragani, che contano sempre meno visto che ormai la produzione offshore e’ una percentuale molto piu’ bassa di quella che era nel 2005 (Katrina e Rita) soprattutto per NG.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

jt_livingstone
Scritto il 30 maggio 2013 at 23:32

jt_livingstone,

volevo dire piu’ avverso al rischio

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

faustino
Scritto il 31 maggio 2013 at 12:53

Copio da Facebook:

Non ho letto ancora tutto ma Maurizio il concetto che hai in mente è BIBBIA. Se ci fai caso tutti i libi di trading ti insegnano a mettere gli stop loss, ti fanno una capa tanta con le figure più disparate, ti insegnano che la marginazione è una trappola ecc. ecc. Il tutto per un fine subdolo ma condivisibile, fare profitto sulla massa.

Non devo insegnarvi nulla ma vi posso confermare che il sistema prevede benissimo dove i trader piazzano gli acquisti e gli stop loss anche perché ti insegnano loro.

CENTRO. Ma vuoi vedere che l’industria finanziaria teme l’uso “intelligente” delle opzioni da parte dei privati? ottenere il 15% netto anno con operatività semestrale è un obiettivo minimale alla porta di molti, soprattutto di chi già maneggia future.

CENTRO DUE VOLTE: “mi guardo in giro (tradotto: consulto varie option chain), valuto e poi vado alla scoperto su altri strike e/o scadenze e/o sottostanti, recupero il costo e riduco anche la marginazione, e poi continuerò a difendermi – anche con altre tecniche – se il sottostante mi minaccerà di nuovo“.

Anche se sono anni che non parliamo avevo intuito giusto sulle tue capacità Maurizio Gremlin. Sei un grande UMILE trader.

:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

faustino
Scritto il 31 maggio 2013 at 12:54

Ma interagire con i commenti di facebook non è possibile? Sarà che lo trovo comodo e veloce.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

jt_livingstone
Scritto il 31 maggio 2013 at 20:54

gremlin:
jt_livingstone,

fronte mese, vendere call su WTI 96 e NG 43 e put GLD 1280

sto studiando, sai?

come volevasi dimostrare sei troppo forte

nonostante il window dressing di fine mese e potenziale uragano in arrivo nel GOM

collassino di entrambi i due energetici

Gold sei stato lontano non credo che sia un prob

settl di ieri ON (codice per Natural gas american style options al NYMEX) Jul 4300C 42 ($420 per contratto)
probabile settl di oggi 28 ($280 per contratto)

ovvero paper gain di $140 per contratto di gain

settl di ieri LO (codice per amrican style crude oil options al NYMEX) Jul 9600C 81 ($810 per contratto)
prob settl di oggi 35 ($350 per contratto)

ovvero paper gain di $460 per contratto

settl di ieri OG (codice per american style Gold options al COMEX) Jul 1280P 320 ($320 per contratto)
prob settl di oggi 450 ($450 per contratto)

ovvero paper loss di $130 per contratto

Totale $470 di paper gain pper 1-1-1 contratti

GOOD JOB!

per chi vuole controllare

http://www.cmegroup.com/market-data/delayed-quotes/metals.html

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 31 maggio 2013 at 21:32

faustino@finanza,

troppo buono… :D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gremlin
Scritto il 31 maggio 2013 at 21:34

jt_livingstone,

vuoi dire allora che c’è posto anche per me a Chicago? :mrgreen:

CIAOOOOOO!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

jt_livingstone
Scritto il 31 maggio 2013 at 22:18

gremlin,

e come no

uffici nuovi a disposizione
se un giorno verrai a trovarmi ti faccio vedere che bell’ambiente ha creato Advantage Futures, si son presi tutto il 14mo piano del Bank of America Building, tutto nuovo di zecca

ti aspetto!

:D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+