Il nuovo cancro del sistema economico USA: STUDENT LOANS

Scritto il alle 11:52 da Danilo DT

student-loans-debt

Ci sono degli argomenti che spesso tratto sul blog e che sembrano quasi “anomali”, curiosi o poco importanti. Uno di questi è il cosiddetto “debito studentesco USA”, conosciuto anche come “student loans”.
Curioso ed anomalo perché quando si parla di debito, la mente corre alle società (corporate), al debito pubblico ma non certo agli studenti.
Ormai il debito studentesco ha raggiunto livelli enormi, molto più di quanto si possa immaginare. Altro che elefante nella stanza dei cristalli! Qui si tratta di un importo che ormai è assoluto protagonista. Se i debito complessivo governativo ammonta a 3.2 miliardi di USD, sappiate che gli “student loans” rappresentano il 37% di tale importo. Volete un paragone per farvi capire la gravità della cosa? Già ve l’ho detto in passato ma ve lo ripeto. Questa cifra è molto simile a quella vista coi subprime nel 2008, e tanto per continuare il paragone, sappiate che il tasso di insolvenza (delinquency rate) sta tornando a salire (ora all’11.5%) secondo i dati della FED.
E la FED sa benissimo che questo tasso di insolvenza non potrà che salire, visto che molti studenti non potranno assolutamente ripagare il debito. Senza poi dimenticare che molto probabilmente la voragine è addirittura maggiore, visto che manca la “certificazione” da parte delle società governative di questi importi. Le stime parlano di ben altri volujmi. Ma non voglio fare terrorismo, diciamo piuttosto che la situazione si sta progressivamente complicando ed un rallentamento economico potrebbe creare grandi problemi, incrementando il volume delle sofferenze in questo settore. Un motivo in più per fare il possibile e cercare di far mantenere un clima di fiducia molto elevato e consumi sempre in gran spolvero. Un meccanismo perverso che di certo non può durare all’infinito. Dormi, bella addormentata nel bosco…dormi…

student-loans-debt-debito-studentesco-2016

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (9 votes cast)
Il nuovo cancro del sistema economico USA: STUDENT LOANS, 9.0 out of 10 based on 9 ratings
8 commenti Commenta
draziz
Scritto il 1 marzo 2016 at 15:00

Hanno creato degli schiavi indebitati a vita.
Impieghi lo stipendio, o una bella fetta di quello, per onorare il debito contratto per raggiungere il pezzo di carta…
Trovi lavoro se fai parte di un “entourage” allineato ad uno schema.
Ti indebiti per vivere secondo uno stile (se non cambi casa, macchina, cane, moglie, psicanalista…non sei nessuno…), ti permetti di pensare di essere libero e di avere diritto all’autodeterminazione.
Et voilà. Ho dimenticato qualcosa?
Ahh…sì…le elezioni per un sistema “libero e democratico”…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +9 (from 9 votes)

Scritto il 1 marzo 2016 at 15:22

A volte mi domando come si possa pretendere che tutto questo possa continuare…all’infinito…

WHAT
A
WONDREFUL
WORLD
!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +5 (from 5 votes)

lorepi
Scritto il 1 marzo 2016 at 20:20

Danilo DT,
Magari qualcuno può vedere il bicchiere mezzo (anche più di mezzo) pieno in questa cosa. Come si dice: quando c’è un problema e tante persone hanno quel problema chi vende bene la soluzione (in questo caso una SOLUZIONE NEL SETTORE IMMOBILIARE) può arricchirsi enormemente. Questo è uno di quei casi! Studenti indebitati=studenti che non troveranno mai un lavoro=studenti che tornano a casa con mamma e papà dove nel frattempo troveranno anche i nonni che i figli (oramai indebitati fino al collo) hanno deciso di far trasferire a vivere con se perchè la vecchiaia costa, lo Stato è al verde e in tre famiglie sotto lo stesso tetto…..è più facile.
Problema=soluzione=business

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 1 vote)

lorepi
Scritto il 1 marzo 2016 at 20:23

Per capirsi……buon video! https://www.youtube.com/watch?v=iOuJIAn3vJ8

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

bombadillo
Scritto il 1 marzo 2016 at 21:13

3.2 MILIARDI di USD? Mi sembra pochino, non è che manca qualche zero?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

PORTELLO
Scritto il 2 marzo 2016 at 00:24

Sentivo adesso che i nonni son 10milioni in Italia…danno un grandissimo aiuto alle famiglie soprattutto facendo da babysitter ai nipotini, aiutando la famiglia in genere e prendendo il posto degli asili…con un risparmio per le famiglie di circa 96 miliardi di euro per stato e genitori…altro che peso…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

PORTELLO
Scritto il 2 marzo 2016 at 00:49

Dal welfare statale al welfare di comunita’
Coesione sociale…
Piccole comunita’

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

incontrario
Scritto il 3 marzo 2016 at 11:44

Illuminante come al solito. Ormai i cicli economici e borsistici sono sempre più brevi e frenetici. Sicuramente il debito, ed in particolare gli student loans USA, che rimane spesso all’oscuro nelle statistiche, è uno dei fattori da tenere sotto controllo per prevenire il prossimo crollo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+