FOCUS: divisi tra Eurobond e European Redemption Fund (ERF)

Scritto il alle 15:39 da Danilo DT

Cosa sono e a cosa servono gli Eurobond? Cosa comporterebbe l’unificazione del debito europeo? In cosa consiste la proposta tedesca dell’ European Redemption Fund? Che differenza c’è tra questi strumenti?

Buongiorno a tutti!

Ennesima puntata della “piccola partnership” (non di tipo commerciale, ci tengo a sottolinearlo) con una casa d’investimento (AnimaSgr) con un approfondimento di indubbio interesse.
Tengo inoltre a precisare che questo video è dedicato soprattutto agli investitori magari non super professionisti, ma è anche interessante per coloro che sono più “navigati”.
Ovviamente sarò ben lieto di leggere i Vs feedback su questa iniziativa. Vi lascio al video e alla sua trascrizione. Buona visione!

Immagine anteprima YouTube

1. Cosa sono e a cosa servono gli Eurobonds?

Nella versione originaria, gli Eurobonds dovrebbero essere titoli emessi dall’Unione Europea per conto di tutti gli Stati membri e dovrebbero nel tempo sostituirsi al debito dei singoli stati fino ad unificarli in un unico debito europeo. Sarebbero quindi implicitamente garantiti dai membri accreditati di maggiore solidità (come Germania, Olanda, Finlandia ecc.) con l’effetto di diluire il rischio di insolvenza degli stati in crisi (come Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Italia). Poichè gli Eurobonds annegherebbero le difficoltà debitorie degli stati in crisi nel contesto -molto più favorevole- dell’intera Unione, il premio al rischio richiesto dai mercati (e quindi il costo di rifinanziamento del debito) sarebbe molto più basso, agevolandone il risanamento. 

Questa è l’ispirazione di molte proposte che la Commissione Europea, nel novembre 2011, ha sintetizzato nel suo Libro Verde, ribattezzando questi strumenti Stability Bonds . In effetti, se i mercati potessero guardare istituzionalmente all’Eurozona nel suo insieme essa apparirebbe davvero virtuosa: il rapporto tra debito pubblico e Pil aggregati è infatti molto inferiore a quello di Stati Uniti e Giappone (87% contro 100% e 200%); il deficit/Pil è addirittura metà di quello USA (4% contro 8%).  Data la bassa rischiosità dell’Europa nel suo insieme, i rendimenti degli Stability Bonds sarebbero molto bassi e i paesi in crisi debitoria non avrebbero difficoltà a rifinanziare i propri titoli in scadenza a costi inferiori. I più bassi tassi di interesse consentirebbero inoltre a questi paesi di stabilizzare la crescita del proprio debito e di ridurne nel tempo l’incidenza.     

Quando nacquero gli Stati Uniti quasi tutti gli Stati erano sovraindebitati ed insolventi, ed il ministro del Tesoro di allora li risanò accentrando tutti i debiti e finanziandoli con l’emissione di titoli federali. La precondizione era però l’esistenza di uno stato federale legittimato ad imporre le proprie tasse e a trasferire risorse dalle aree forti a quelle deboli.

2. Cosa comporterebbe l’unificazione del debito europeo?

Anche in Europa l’unificazione del debito negli Stability Bonds richiederebbe che (almeno in parte) la sovranità fiscale fosse sottratta ai singoli stati e trasferita ad un  governo federale, che possa redistribuire le risorse tra i suoi membri. La creazione degli Stability Bonds sarebbe quindi un’indicazione molto forte che anche l’Europa si avvia verso l’unificazione fiscale e, in prospettiva, politica.

Il motivo per cui i governi europei non sono riusciti a trovare un accordo sugli Eurobonds è che la Germania osteggia una soluzione federale (che i tedeschi chiamano transfer union): la Germania teme infatti di dover pagare per tutti. Dietro agli Stability Bonds, secondo il governo tedesco, ci sarebbe la “pretesa” dei paesi “cicala” di cavarsela a spese dei paesi “formica”. 

3. In cosa consiste la proposta tedesca dell’European Redemption Fund?

Per accettare gli Eurobonds, la Germania vuole essere sicura che i conti di tutti gli Stati siano già in perfetto ordine e che si siano stabilite regole ferree per il futuro. Da questa ossessione nasce la proposta dell’European Redemption Fund (ovvero  “patto per il rimborso del debito”), che trae ispirazione dal cosiddetto accordo fiscal compact tra i governi europei.

Tra dicembre 2011 e marzo 2012, sotto la pressione del governo tedesco, quasi tutti i paesi dell’Unione Europea hanno sottoscritto un nuovo Trattato intergovernativo detto fiscal compact, il quale prevede, tra l’altro, che ogni paese membro si impegni a ridurre sistematicamente il proprio debito pubblico fino a scendere al 60% del proprio Pilnell’arco di un ventennio. Lo European Redemption Fund è lo strumento ideato per attuare questo obiettivo del fiscal compact .  Il piano prevede infatti che ciascuno stato trasferisca ad un’apposito fondo europeo tutto il debito eccedente la soglia del 60% del proprio Pil e che si impegni poi a pagare ogni anno a questo fondo non solo gli interessi ma anche le risorse necessarie per estinguere questa eccedenza nell’arco di 20-25 anni. L’obiettivo finale è quello di avere in 20-25 anni  tutti i paesi europei con un debito non più elevato del 60% del Pil.

4. Che differenza c’è tra questi strumenti?

Gli Stability Bonds hanno l’obiettivo di riportare il problema della gestione del debito pubblico ad una dimensione europea, garantendo a tutti i paesi membri i vantaggi di una minore rischiosità collettiva e governando questo processo centralmente, attraverso il rafforzamento di istituzioni federali. 

Il Redemption Fund si pone invece un obiettivo molto diverso e limitato: quello di ridurre forzosamente il debito, lasciando però l’onere dell’aggiustamento sulle spalle di ciascun singolo paese, senza alcun trasferimento di sovranità fiscale ad un governo federale.

Dietro alle due proposte vi sono quindi due filosofie molto differenti e due diverse visioni dell’Europa: dalla scelta degli strumenti che i governi faranno tra qualche settimana, potremo forse dedurre quale sarà il futuro dell’Unione Europea e della Moneta Unica 

Un’eccellente sintesi curata da AnimaSgr , che spiega in modo molto semplice ma efficace la questione Eurobond e ERF (European Redemption Fund). Un post da mettere tra i “preferiti” e rileggere quando ce ne sarà bisogno.

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI

 

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
FOCUS: divisi tra Eurobond e European Redemption Fund (ERF), 10.0 out of 10 based on 3 ratings
3 commenti Commenta
atomictonto
Scritto il 18 giugno 2012 at 16:15

Personalmente questa vicenda la trovo stucchevole e, credo, con me anche i mercati.
Che si debba arrivare ad una fiscalità comune, una banca centrale unica vera e ai conseguenti titoli “di stato” Europei la trovo una cosa IMPLICITA nel momento in cui si sono firmati i trattati Europei.
Semmai meno implicita è l’introduzione di un governo politico unico, che esiste solo in parte anche negli USA, che non lascerebbe sufficiente autonomia gestionale ai macro-stati locali nelle questioni strettamente pubbliche (che poi abbiamo anche il trattato di Schengen, o scoperto recentemente che include anche delle forme di punizione delle infrazioni stradali: se un Italiano commette in Germania – e viceversa – una infrazione “da 3 punti” sulla patente questi gli vengono tolti dalla sua “patente Tedesca”: arirvato a zero in Germania – e viceversa – non potrà più circolare in Germania con patente Italiana, ergo stop e sequestro dell’auto come da noi).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

atomictonto
Scritto il 18 giugno 2012 at 16:16

urca mi è partita una “h” in “ho”! :-D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pinco14
Scritto il 19 giugno 2012 at 10:02

ottimo post
Finalmente ho capito cosa è ed a cosa serve questo fantomatico ERM
:-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+