EURO ai minimi: un ritorno a giugno 2012. E Draghi ammette limiti ed errori.

Scritto il alle 09:33 da Danilo DT

draghi_handelsblattL’Euro ha continuato ad accelerare il suo rally ribassista. O forse sarebbe meglio dire: il Dollaro USA ha continuato il suo exploit rialzista, visto che il Dollar Index continua a correre. A buttare benzina sul fuoco ha anche contribuito Mario Draghi il quale sul giornale tedesco Handelsblatt dice (in corsivo i suoi messaggi, tra parentesi i miei pareri):

“Difficile dire quanto spenderemo in QE” (quindi ormai è dato per scontato)
“Il rischio che la BCE non rispetti il mandato sulla stabilità dei prezzi (leggasi inflazione, ndr) è più alto di quanto non fosse sei mesi fa “ (la situazione gli sta scappando di mano?)

Inflazione attesa: continua il declino

inflazione_attesa_eurozona“Stiamo preparando le iniziative per modificare le dimensioni, la velocità e la composizione delle nostre misure di politica monetaria ad inizio del 2015, qualora fosse necessario, per reagire al lungo periodo di bassa inflazione. C’è unanimità in seno al Consiglio direttivo della BCE su questa tematica “ (ma i tedeschi erano assenti per malattia?)
“Deflazione? Il rischio non può essere del tutto escluso, ma è limitato, E “ancora” dobbiamo agire contro tale rischio “ (ammissione della colpa. Quindi impossibile epr Draghi negare l’evidenza di un’imminente deflazione in Eurozona)
“La storia insegna: prezzi troppo bassi mettono a rischio prosperità economica della comunità proprio come un’inflazione troppo alta” (i dati parlano chiarissimo: e allora PERCHE’ si è intervenuti in modo TARDIVO?)
“I tassi di interesse saranno molto, molto bassi per un lungo periodo di tempo” (si riprende lo stile FED: gli effetti saranno gli stessi? Intanto oggi tassi bassi sono una NECESSITA’ anche esposizione al debito di molti paesi dell’Eurozona)
“La moderata ripresa economica continua in modo fragile ed irregolare” (tradotto: di ripresa STRUTTURALE e non indotta da fattori esogeni come petrolio o valutario, nemmeno l’ombra)
“Le riforme strutturali importanti – lavoro più flessibile, meno burocrazia, meno tasse – vengono fatte troppo lentamente “ (siamo alle solite: anche se il discorso è corretto, ma la Germania cosa sta facendo in questa direzione per una Eurozona “migliore”?)
E’ molto chiaro che la nostra politica monetaria sarebbe più efficace con l’attuazione da parte dei governi delle giuste riforme strutturali” (quindi trovato il capro espiatorio da una parte, ma anche ammesso il fatto che il rischio di insuccesso del Quantitative Easing è evidente. Ma Draghi, è chiaro, non sa più che pesci pigliare e quindi si trova “costretto” a dover fare qualcosa di più, rischiando. Ma in modo tardivo).

lituania_mappaAh dimenticavo, dice anche che non esiste un piano “B” e che l’Eurozona non si potrà sfaldare.

I mercati azionari reagiscono bene. Proprio come nella tradizione USA vista con il QE: più aumentano i rischi, più si avvicina l’intervento della Banca centrale a sostegno e quindi più salgono le borse.

Intanto la “voglia di Euro” continua ad essere protagonista. Alla mezzanotte del 31 dicembre un altro paese si aggiunge al club della Moneta Unica. E’ la Lituania. Il peso di questo paese baltico è risibile e quindi non possiamo certo dare a questa “new entry” la giustificazione del rally del Dollaro USA di queste ultime ore.

Intanto un occhio al cross EURUSD. Che dite? Target di medio raggiunto.

Grafico EURUSD

EURUSD-chart-grafico

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
EURO ai minimi: un ritorno a giugno 2012. E Draghi ammette limiti ed errori., 10.0 out of 10 based on 1 rating
4 commenti Commenta
reragno
Scritto il 2 gennaio 2015 at 11:21

Quando sento parlare questi soloni che anno dopo anno senza azzeccarne una stanno distruggendo il pianeta con le loro teorie economiche faziose e inutili, cado in uno stato di prostrazione.
Ma possibile che non sappiano mai predire neanche minimamente, i movimenti, di valute, commodities e soprattutto non si rendano conto cosa succede nell’economia reale?

Questi sono in malafede e non hanno il minimo interesse ad attivarsi per migliorare il benessere dei cittadini di questo pianeta.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

paolo41
Scritto il 2 gennaio 2015 at 11:53

… ora aspettiamo le usuali dichiarazioni di Weidman e soci in contrapposizione a quanto detto da Draghi.
Per inciso Draghi ha confermato che non è interessato alla Presidenza della repubblica italiana!!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

dfumagalli
Scritto il 2 gennaio 2015 at 12:19

reragno@finanzaonline:
Quando sento parlare questi soloni che anno dopo anno senza azzeccarne una stanno distruggendo il pianeta con le loro teorie economiche faziose e inutili, cado in uno stato di prostrazione.
Ma possibile che non sappiano mai predire neanche minimamente, i movimenti, di valute, commodities e soprattutto non si rendano conto cosa succede nell’economia reale?

Questi sono in malafede e non hanno il minimo interesse ad attivarsi per migliorare il benessere dei cittadini di questo pianeta.

Si rendono perfettamente conto, ma ci sono interessi sia economici che politici in gioco.

Pensa ad esempio tutti i politici “europeisti a tutti i costi” (di solito di sinistra). Nella loro mentalità il fine giustifica i mezzi e anche i costi e sono pronti a sacrificare interi popoli pur d’ottenere quello che ritengono un obiettivo irrinunciabile. Anche Napolitano fa parte di tale “corrente”. Europa a tutti i costi.

Quindi che fai quando i dati “remano contro”? Alteri i dati, “sbagli” le previsioni e così via. Tutto per evitare anche solo di rallentare il Grande Piano Quinquennale.

Altri, come i Tedeschi, hanno tali e tanti scheletri negli armadi che non possono che proseguire così. Sanno d’avere titoli tossici ed inesigibili (vedasi blog di Mazzalai) che se portati alla luce farebbero vedere a tutti che il re è nudo, e che finanziariamente parlando, sono messi peggio della Grecia. E quindi anche loro vanno avanti sul loro binario, a tutti i costi, pur di mantenere lo status quo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pig_org
Scritto il 3 gennaio 2015 at 22:22

Quindi il qe verra fatto? La domanda piu importante è: quando verra fatto? Se aspettiamo ancora avremo la certezza che sara inutile

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+