ECONOMIA USA: allo stato attuale è peggio che nel 2008

Scritto il alle 16:30 da Danilo DT

financial-crisis-usa

In 15 punti vi spiego perché la grande crescita economica della nazione americana si fonda su basi poco solide, finanziata da un interventismo pubblico senza precedenti. E nel momento in cui mancherà questo sostegno, che succederà? CONFRONTO tra il 2008 ed il 2015. Lettura consigliata.

La grande crescita economica americana, ormai è noto ai lettori di IntermarketAndMore, forse non è poi così grande.
Lo sa bene la stessa Janet Yellen la quale, tra le righe lo ammette nei suoi discorsi. Lo sanno bene anche i grandi investitori, che infatti spesso hanno “minacciato” indirettamente la FED creando volatilità sui mercati, ogni qualvolta usciva fuori qualche segnale di “inversione di tendenza” della politica monetaria di tipo imprevisto.

Malgrado tutto ciò, in molto sono ancora convinti che realmente la crescita economica USA sia solida e potenzialmente duratura.
Lo stesso scrivente si è beccato spesso e volentieri delle critiche sull’argomento, in quanto troppo pessimista. Signori, l’essere negativo non significa obbligatoriamente NON voler investire su un mercato. Per investire si seguono le tendenze, per l’asset allocation e gli equibri del portafoglio si utilizzano anche i fondamentali.

Sempre sul tema della solidità economica dell’economia USA, si leggono spesso e volentieri analisi più o meno realistiche. Tra le tante prendo spunto anche da una ricerca portata avanti da M. Snyder su The economic collapse . Degna di nota anche la ricerca portata avanti dal NYT il quale mette a confronto due salvataggi anche se teoricamente molto diversi a livello dimensionali: quello del 2008 (American Bailout) e quello del 2015 (Greek Bailout). Solo una nota a questo proposito. E’ sbagliato mettere i due salvataggi a confronto, sopratutto per il fatto che…la Grecia, oggi, è tutt’altro che salva.

bailouts-american-greeceQuindi perchè fare i conti prima dell’oste? Inoltre ( e qui sono interessanti le conclusioni) come quantificare l’eventuale “effetto contagio” della Grecia?

bailout-grecia-usa-confronto

Ma torniamo alla nostra indagine. La logica è la seguente: si vuole dimostrare che lo stato di salute dell’economia USA è peggiore di quanto si possa pensare ed in linea di massima di quanto visto nel 2008, in periodo Lehman Brothers per intenderci. E per rendere realistica l’analisi la si può giustificare in 15 punti, che vi elenco brevemente.

1) Nel 2008 il 18% dei bambini americani vivevano in stato di povertà. Oggi questa percentuale è passata al 22%.

There are nearly two million more children living in poverty in the U.S. today than during the 2008 recession, shocking new figures reveal.
Nearly a quarter of youngsters (22 per cent, or around 18.7million children) – were classed as living below the poverty line in 2013.
This has risen from 18 per cent in 2008 (16million youngsters), according to the Casey Foundation’s 2015 Kids Count Data Book.(Source) 

child-in-poverty-usa-2012

2) 2008: cittadini americani che erano proprietari di una casa era pari al 68%. Oggi siamo al livello più basso degli ultimi 20 anni, al 64%

2-Homeownership-Rate-2015

3) nel 2008 il programma federale di “food stamps” era pari a circa 37 miliardi. Oggi invece è pari a 74 miliardi di USD l’anno. Un segnale bullish secondo voi?

3-snap-usa

4) 2008: debito nazionale USA pari a circa 9 miliardi di USD. 2015: il grafico è eloquente.

4-Presentation-National-Debt-2015

5) Reddito medio familiare: nel 2008 era pari a 54.000 $ all’anno. Oggi, 2015, è sceso a 52.000 $. Dite che è poco ? Moltiplicate l’importo per le famiglie USA e trasferitelo sulla capacità di consumo e poi fatemi sapere.

5-Median-Household-Income

6) Ragionamento inverso: guardiamo il costo della vita. Dite che è rimasto stabile? Questo è un grafico molto singolare, e illustra l’andamento della carne macinata e il suo costo, un po’ come il Mac Index, un indicatore alimentare per tastare il poslo del mercato. Il grafico anche qui è eloquente

6-Beef-Price-Economic-Policy-Journal

7) Imprese: dal 2008 al 2015 il numero di aziende chiuse è stato superiore di quelle di nuova costituzione

8 ) Percentuale partecipazione forza lavoro: già ne ho parlato ma per non dimenticarlo, meglio riproporlo…

8-Presentation-Labor-Force-Participation-Rate

9) occorre una precisazione. Dite che il basso tasso di occupazione è dovuto ad un aumento dei pensionati? Non solo. Il grafico qui sotto illustra che sono proprio i più giovani a subire il maggior disagio da disoccupazione. E guardate la tendenza, altro che disoccupazione ai minimi storici.

9-Inactivity-Rate

10) Il deficit commerciale negli ultimi anni è salito a dismisura. Nel 2008 il disavanzo con la Cina era pari a 226 miliardi USD. Oggi supera i 343 miliardi (2014). Semplicemente molte aziende hanno delocalizzato. Un buon segno secondo voi?

ScreenHunter_02 Jul. 22 23.28 ScreenHunter_01 Jul. 22 23.28

11) date un occhio su quello che è il tessuto sociale USA e vi renderete conto dello stato di degrado dello stesso. Tanto per capirci, la classe media sta morendo totalmente. 2008: si considerava “classe media” il 53% della popolazione. Nel 2014 tale percentuale è scesa al 44%.

11-1-chart-americans-social-standing

Ma non solo. Nel 2008, il 25% di tutti gli americani nella fascia 18-29 anni, si consideravano all’interno della fascia più povera. Oggi quella percentuale è salita al 49 ripeto 49%.  E’ questo il futuro che si sta garantendo la nazione USA?

11-2-middle-class-young-adult

13) Debito studentesco: nel 2008 questa “piaga” che il mondo sta sottovalutando “valeva” nel 2008 esattametne la metà di quanto vale oggi. Ma tutto questo non ci preoccupa, giusto?

US-student-loans-debito-studente14) ed infine l’ultimo punto. Ricordate che in passato ve ne parlavo spesso? Mi riferisco della velocità di circolazione della moneta. La velocità di denaro è un indicatore molto importante per misurare lo stato di salute di un’economia. Quando un’economia funziona bene, la moneta circola liberamente e senza problemi.
Ma quando l’economia è in difficoltà, la velocità del denaro tende a scendere. Come si può vedere nel grafico qui sotto, un calo della velocità di circolazione della moneta è collassata senza più riprendersi. Secondo voi questo è un buon segnale per l’economia?

12-Velocity-Of-Money-M2-USA

15) Capirete benissimo che questi 14 punti non sono che l’antipasto, nel senso che ci sarebbero tanti altri aspetti che meriterebberi attenzione. Intanto però con questi ragionamenti, forse, qualche dubbio in più sullo stato di salute dell’economia USA vi sarà venuto. Ma attenzione: con questo non sto dicendo che la borsa DEVE crollare. Io voglio solo dimostrarvi che l’economia USA è cresciuta cosi bene grazie allo stato di assistenzialismo di cui ha goduto (thank to US Government) e quindi, nel momento in cui manca l’appoggio governativo che succederà? E allora… chiudiamo con un ultimo grafico. Il bilancio FED e la correlazione con la borsa USA. Un deja vu che vi metto in coda solo per farvi ragionare. Nulla più.

bilancio-fed-spx-margin-debt

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
ECONOMIA USA: allo stato attuale è peggio che nel 2008, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
17 commenti Commenta
draziz
Scritto il 23 luglio 2015 at 12:56

Molto bello il post.
Si capisce che un conto è “lasciarsi intortare” dai proclami televisivi o della carta stampata ed un altro è quello di aprire gli occhi e guardare la realtà, da dentro o da fuori, ma senza tenere la testa sotto la sabbia.
Nonna Yellen pretende un aumento dei tassi a Settembre?
Diciamo uno 0.25 per far capire che l’Alzeimer ha già preso il sopravvento?
Ehhh sì, penso proprio che i mercati “festeggeranno”…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 23 luglio 2015 at 13:13

analisi perfetta. congratulations

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 23 luglio 2015 at 14:35

Thanks to all

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 23 luglio 2015 at 17:13

Bella analisi ;-) e FLAT sul mib a 23700

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 23 luglio 2015 at 17:13

…tempi duri per i “traders”

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 23 luglio 2015 at 18:18

pa­so­lo@fi­nan­za,

e temo durerà ancora…..sino alla fine di settembre.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

draziz
Scritto il 23 luglio 2015 at 19:20

Lukas,

Salve Lukas!
…cioè quando “mollano” la Grecia ed impongono una valuta parallela?
Il Long Term Momentum cosa è in grado di anticipare o di indicare in merito?
Saluti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

icehat
Scritto il 23 luglio 2015 at 23:07

Secondo me c’è un altro importantissimo fatto da citare:
dalla prima metà degli anni 90 siamo entrati in quella che si potrebbe tranquillamente definire la TERZA rivoluzione industriale.

Quando c’è una macchina che fa quello che fai te meglio e più velocemente diventi un esubero che si traduce poi in tutti quei grafici negativi mostrati sopra.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 23 luglio 2015 at 23:35

Punto 13 …. in termini percentuali di quanto s’è comunque avvantaggiato il PIL. Possiamo anche dire e paragonarlo pari pari all’aumento del debito pubblico italiano riferito allo stesso periodo …. ma sono 60 milioni come gli italiani ?. E a settembre aumentano i tassi per la loro gioia.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

luigiza
Scritto il 24 luglio 2015 at 08:08

Ma Mario Platero di America24, corrispondente negli USA di Radio24, le cose che denuncia Danilo le conosce?
A sentire le fesserie che racconta nelle sue corrispondenze dal Mondo Nuovo parrebbe di no.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 24 luglio 2015 at 10:09

    E oggi pomeriggio allora vi faccio sorridere parlando di RECESSIONE.
    Chi glielo dice a Platero? :-)

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 24 luglio 2015 at 09:53

lui­gi­za@fi­nan­za,

Io proporrei un referendum per eliminare il 19 gennaio. Platero Monti Draghi un tris ……

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pasolo
Scritto il 24 luglio 2015 at 10:52

Lukas,

infatti, altro segnale long a 23750 :-(

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 24 luglio 2015 at 12:40

pa­so­lo@fi­nan­za,

Pasolo ribadisco tempi duri temo fino a settembre………poi solito mini-rally natalizio sino a quota 2178 di s&p 500……chè è il mio target dichiarato per fine anno 2015.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 24 luglio 2015 at 14:25

Luigiza & DT,

prescindendo dall’argomento proposto in questo Topic, faccio notare che Il Sig. Platero è solo un giornalista.

Un giornalista.

STOP.

NON è un’esperto – .nel senso di REALE COMPETENTE: l’ESPERTO è una Persona alla quale, per motivo di Professione – ACCLARATA DA N-su-N TITOLI e NON DA PATACCHE! – oppure per una comunque acquisita competenza ed esperienza su una data MATERIA o DISCIPLINA, viene richiesto di fornire pareri SCIENTIFICI su argomenti di dettaglio.

STOP.

Scrive, parla, canta per campare – anche allegramente (se c’è “qualcuno” che Lo paga ed è contento del Suo lavoro, son fatti “suoi”. O Loro. NON CAMBIA PRATICAMENTE NULLA!).

Come la STRA-grande maggioranza dei giornalisti.

NON E’ L’UNICO, INSOMMA.

NON SONO ESPERTI.

NON SONO COMPETENTI.

NON CONOSCONO IL METODO GALILEO.

Alcuni hanno curricula da cabaret – per intenderCi: NE conoscenza di lingue straniere (alcuni hanno ADDIRITTURA un lessico grammaticale – scritto e parlato – nell’idioma nazionale che già fa capire la Loro pochezza di contenuti/o, di studi/o, di preparazione), NE laurea, NE corsi di aggiornamento SCIENTIFICI che siano SERI, NE masterSS; i,e,, NADA de NADA.

FANNO i giornalisti.

STOP.

BASTA saperLo e capirLo.

Fanno il Loro “lavoro” – chi nel bene e chi nel male, come ogni categoria lavorativa o professionale.

Gli allocchi e/o gli stupidi, son SEMPRE TUTTI quelli che Li seguono e/o che pendono dalle Loro labbra o penna: ossia, riprendono, citano, ripetono come i pappagalli quello che scrivono e/o dicono.

BASTA saperLo e capirLo,

Dicitur: fare la tara. Anzi, FATE LA TARA.

CAPITO.

Arriba esos animos.

Surfer © サーファー

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 24 luglio 2015 at 14:46

@finanza,

HAHAHAHAHAHAH !Lo so bene cosa pensi sulla materia, tranquillo…. :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 24 luglio 2015 at 15:41

DT,

sono stato molto “buono”, stavolta; non ho scritto che scrivono e/o raccontano – mediamente – delle grandissime palle. Almeno. Fa lo stesso, comunque.

CONSIGLIO SPASSIONATO A CHI NON E’ AVVEZZO ALL’ECONOMIA E/O ALLA FINANZA – per carità cristiana, Mi fermo a loro:

1- SPEGNETE LA TELEVISIONE o REGALATELA AI POVERI (nelle Vostre Città Ce ne sono a iosa, purtroppo);

2- SPEGNETE LA RADIO o ALMENO SENTITE SOLO LA MUSICA (CLASSICA, E’ MEGLIO – Vi rilassa);

3- NON COMPRATE PIU’ QUOTIDIANI E RIVISTE (ORMAI FANNO SOLO MARKETTE E CHIACCHIERICCIO DA SOLFATARA);

4- VIAGGIATE E/O ANDATE A VEDERE DI PERSONA CON I VOSTRI OCCHI, LE “AZIENDE” SU CUI INVESTITE I VOSTRI DENARI;

5- STUDIATE SOLO COL VOSTRO CERVELLO E NON FATEVI FARE MAI IL LAVAGGIO DELLA VOSTRA TESTA DA ALTRI SIGNOR NESSUNO.

https://www.youtube.com/watch?v=H1iCb86d58M

Surfer © サーファー

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+