FOREX War Games

Scritto il alle 13:00 da Danilo DT

Guerra aperta in ambito di politica monetaria. Tutti puntano ad una valuta più debole per sostenere l’economia. Ma alla fine chi ci guadagna e chi ci perde? Quantitative easing e Dollar index allo sbaraglio.

Ieri sera introducevo il video di TRENDS dicendo che ormai è chiaro lo scenario: Si è aperta una vera e propria GUERRA valutaria. Vediamo perchè.

Nel marasma generale di questi giorni, ricchi di incertezza e volatilità soprattutto nell’intraday, una sola certezza risulta chiara ed evidente. Sul mercato valutario è guerra aperta. E ognuno farebbe carte false poter  indebolire la propria moneta. Il tutto per sostenere l’economia del proprio paese. In ogni angolo del mondo, persino nelle ruggenti tigri asiatiche e nel resto del BRIC anche se in modo molto più limitato, risulta evidente un rallentamento della crescita economica. Addirittura c’è chi torna a parlare di possibili dazi sulle importazioni (imposti dagli USA se la Cina non svaluterà)

Ahime, possiamo dice che avevamo ragione.
La “benzina” data al mercato con incentivi, defiscalizzazione, iniezioni di liquidità, quantitative easing e tutto il resto, alla fine ha regalato momenti di luce in uno scenario che resta sempre cupo. Perché? Perché i problemi sono sempre lì… anzi, sono più vivi di prima.
Basta guardare le vicende irlandesi attuali, la non risolta crisi Grecia, una normativa che resta molto lacunosa (vedi Basilea 3 per esempio) più tutti i problemi strutturali che non vi elenco ma che conoscete benissimo se seguite il blog da più tempo.
I governi sono consci di questa situazione non sanno più che pesci pigliare. Da una parte lo spettro di un nuovo crash stile 1929 (cosa che si vuole assolutamente evitare) e dall’altra la consapevolezza che la coperta è corta e che le risorse mancano.
Credo di poter dire che ormai in ogni dove si è accettato lo scenario purtroppo temuto ma (probabilmente) migliore in questo momento.

Giapponesizzazione.

Lo si vede dall’andamento dei bonds, dalla politica monetaria, dall’aumento inverosimile dei debiti pubblici. Un’economia che quindi resterà molto anemica ma senza crash, il tutto sapientemente pilotato dai governi per il bene comune. Questo è quanto pensano loro. Però…
Bene comune un bel piffero, perché questa strategia porterà al’impoverimento della classe media, ovvero tutti noi, e contribuirà all’allargamento del gap tra poveri e ricchi.
In tutto questo scenario che accomuna i paesi che sono usciti con le ossa rotte dalla crisi, quindi Europa e USA in primis, troviamo però quegli stati che invece si sono distinti per produttività, crescita economica, surplus di bilancio, e basso debito pubblico. Sono loro, gli ex mercati emergenti che oggi sono vere e proprie realtà economiche.

La composizione del Dollar Index

Clicca per ingrandire

Paesi emergenti: vittime della politica monetaria

I paesi emergenti non sono certo felici per quanto sta accadendo sul mercato valutario. Infatti:

a) il QE 2.0 porta per forza di cose ad un indebolimento dell’USD
b) la BOJ ha fatto un piano di vendita di Yen per le prossime settimane per contribuire al suo indebolimento
c) la BCE dovrà per forza di cose intervenire sul mercato per sostenere i paesi cosiddetti “periferici” (Irlanda, Grecia, Portogallo e Spagna… e chissà se non dovremo aggiungerne altri…) acquistando titoli e buttando sul mercato valuta, contribuendo ad un suo indebolimento, oltre ovviamente alle tematiche speculatice sulla “morte dell’Euro”

Tutte politiche monetarie che portano all’indebolimento delle valute. E quindi Brasile, Cina & Co si ritrovano con monete “incredibilmente “molto forti.
E chi l’avrebbe mai detto che i paesi emergenti fossero possessori delle nuove “monete rifugio” (assieme al’ormai inavvicinabile CHF)?
Ma questi paesi sono comunque economie in crescita, che si stanno evolvendo e stanno maturando soprattutto in ambito di consumi interni. Ma al momento sono ancora molte legati alle esportazioni. E questa situazione non è certamente ben accettata . Ovvio quindi il comportamento della Cina che fa il possibile per resistere alle ormai fondamentali rivalutazioni dello Yuan.

La somma delle parti

La domanda che ora voi vorreste farmi è forse la seguente: “ ma se tutti i big svalutano artificiosamente, non è possibile che tutte le valute scendono, qualcuna deve prevalere”.
Domanda ovvia, con risposta altrettanto ovvia.
Ormai è una guerra, e in guerra vince il più forte e chi ha più bocche da fuoco.
Chi è il più forte? Non c’è dubbio. Sul piatto della bilancia ha messo nel suo QE 2.0 1.000.000.000.000 di USD. I più forti sono sempre loro, gli USA.
Ne è la prova il fatto che in questi giorni la speculazione ha già preso la sue strada. Gli USA non hanno ancora cominciato il QE 2.0 (se mai lo comincerà) e, malgrado uno scenario Euro drammatico, con Spagna con downgrading, Irlanda che per salvare le banche dovrà scucire 35 miliardi di Euro, Portogallo che fa paura, Grecia che è un colabrodo, si ritrovano già con un USD fortemente indebolito.

COT EUR USD

Clicca per ingrandire

Il Commitment of Traders (COT) ci illustra uno scenario dove gli Euro Large speculators stanno progressivamente cambiando sentiment. Infatti sono stati azzerati gli short contro Euro (in rosso).
Viceversa gli speculatori attivi a favore del Dollaro stanno scemando rispetto ai minimi precedenti del cross EUR USD. Il mercato quindi dà fiducia all’indebolimento dell’USD, prima di tutto. Sarà interessante vedere si si arriverà al target grafico di 1.45 entro il primo trimestre del 2011…

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
FOREX War Games, 10.0 out of 10 based on 1 rating
9 commenti Commenta
Lukas
Scritto il 30 settembre 2010 at 13:28

Dream nel confermare quanto già esposto nel post su Trends n.85………aggiungo che ormai è evidente che l’annunciata misura di QE 2.0……è per ora piu’ una minaccia che una realta’……..se cercheranno di resistere alla inevitabile rivalutazione di Yuan, Yen, ed Euro……allora inonderanno il mercato di miliardi di dollari nuovi di zecca………con i quali rimborseranno a prezzi di saldo soprattutto a Cina e Giappone gran parte delle quote di debito pubblico Usa in loro possesso………..si rassegnino…….anche questa war games valutaria…….finirà come quelle militari………..nonostante tutto……….. sono ancora loro i piu’ forti !!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

fabio1
Scritto il 30 settembre 2010 at 14:22

e quindi, con la prospettiva di un dollaro debole la conseguenza sarà il rialzo delle quotazioni di petrolio ed oro?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 30 settembre 2010 at 14:35

    Non è tutto così matematico, almeno nel breve periodo.
    Non dimentichiamno MAi due fattori importanti:
    1- il petrolio è una commodity CICLICA e quindi se non si fa ripartire l’economia, il petrolio non parte (speculazioni strane escluse)
    2-ORO= bene rifugio. Oggi è questa la grande funzione dell’oro, perchè se dovessimo vedere lo scenario deflazionistico, l’oro non dovrebbe proprio salire! E quindi finchè la situaizone resterà difficile in ambito debiti pubblici e valute deboli, allora l’oro rischia di essere forte

    Quindi sono due dinamiche che non viaggiano a braccetto ma in modo molto autonomo

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

battista
Scritto il 30 settembre 2010 at 14:36

ciao DT

quindi , se di fatto abbiamo gia’ il vincitore , per la logica intermarket avremo borse sempre piu’ su , commodities idem etc etc

sara’ proprio cosi’ ? ( nel frattempo i dati sono buoni e siamo tornati in salita … )

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 30 settembre 2010 at 14:53

Nel breve non lo escludo.
Abbiamo la FED che pompa denaro, e sostiene artificiosamente anche a parole tutto il mercato con rischio.
Ma è uno scenario che non sta in piedi.. Poi ditemi voi….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lucianom
Scritto il 30 settembre 2010 at 17:15

L’ Euro vola…..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

amensa
Scritto il 30 settembre 2010 at 21:00

scusa ma forse ho letto male ma parli di Svalutazione dello Yuan, non dovrebbe essere Rivalutazione ?
non è una rivalutazione della moneta cinese ch echiedono gli USA ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

mattacchiuz
Scritto il 30 settembre 2010 at 21:06

amensa@finanza,

si il pisellino si è sbagliato… :-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 30 settembre 2010 at 21:37

amensa@finanza,

Scusate…ho corretto…svista…. :roll:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+