ECONOMIA ITALIA: il nostro inevitabile destino

Scritto il alle 11:05 da Danilo DT

Quasi mi annoio quando mi metto a scrivere dello stato di salute dell’economia italiana. Ormai ho detto di tutto e di più sul nostro Bel Paese, una serie di problemi strutturali che ormai ci portiamo dietro da anni e che non riusciamo a risolvere, malgrado a Governo che cambia spesso e volentieri “colore” ma…la sostanza non cambia.
Anche perché sembra veramente troppo tardi. Negli anni 70, 80 e 90, ne abbiamo fatte di cotte e di crude, abbiamo distrutto il tessuto economico di un paese che poteva essere e restare nel “Gotha” dell’economia che conta.

Poi forse ce ne siamo resi conto (con qualcuno esterno che ci ha dato la sveglia) e abbiamo cercato di “rientrare” nei ranghi. Ma la voragine aperta era troppo ampia, si è cercato di arginare, ma senza grande fortuna. Sicuramente il populismo boccia (ovvio) qualsiasi mossa restrittiva, i diritti acquisiti regnano e cambiare lo status quo è quantomai difficile, ma è ormai necessario.
Dice un noto giornalista che spesso leggo “Andrà molto peggio, prima di andare meglio”. Sacrosanta verità. Lacrime e sangue? Impossibile dirlo a priori, ma di certo è chiaro che la caduta continua, la messa in sicurezza del paese è un’altra cosa e più andiamo avanti e peggio si mettono le cose.

Ovviamente quello che ci può aiutare è una stabilità politica che generi anche maggiore fiducia dall’estero, ma allo stesso tempo dobbiamo anche prendere atto che noi, ITALIA, dobbiamo volare bassissimo. Le aspettative della nostra economia sono e resteranno sempre di bassissimo livello. L’alto debito pubblico non ci permetterà espansioni che qualcuno, ridicolmente, ipotizzava ben oltre l’1%.
Figuriamoci, se facciamo CRESCITA ZERO sarà già un (tristissimo) successo. E soprattutto i sacrifici a cui saremo chiamati, saranno imparagonabili (in peggio) con quanto visto fino ad adesso.

«Nel quadro programmatico per i prossimi anni sia il disavanzo sia il debito si ridurrebbero, anche grazie al gettito atteso dalle cosiddette clausole di salvaguardia». Banca d’Italia fa riferimento nel Bollettino economico si riferisci al Def e alle clausole che prevedono l’aumento dell’Iva e delle accise. Palazzo Koch osserva che nel Def approvato dal governo il 9 aprile scorso, per il 2019 la stima dell’indebitamento netto è stata rivista dal 2,0 al 2,4% del Pil, per effetto principalmente di una minore crescita attesa del prodotto; il rapporto tra il debito e il Pil aumenterebbe al 132,6%, nonostante siano previsti proventi da privatizzazioni pari all’1,0% del prodotto. Per gli anni successivi il governo ha indicato obiettivi per l’indebitamento netto pari al 2,1% nel 2020, all’1,8 nel 2021 e all’1,5 nel 2022. Nel quadro programmatico il peso del debito si ridurrebbe di oltre un punto percentuale in ciascun anno del triennio 2020-22, collocandosi al 128,9% alla fine del periodo previsivo; la riduzione rispecchierebbe avanzi primari crescenti (dall’1,5% nel 2020 al 2,3 nel 2022) e una dinamica del prodotto nominale pari a circa il 2,5% in media nel triennio. Il quadro programmatico delineato nel Def prevede l’attivazione delle cosiddette clausole di salvaguardia, il cui gettito ammonta all’1,3% del Pil nel 2020 e all’1,5 dal 2021. (Source) 

Anche Bankitalia cerca di tenere alto il morale, ma i numeri reali, quelli concreti, sono impietosi. Perché la nostra economia è in stagnazione da tempo immemore, se non in recessione in diversi momenti degli ultimi anni.
Guardate il PIL pro capite, il confronto con gli altri paesi è impietoso.

Il nostro paese è l’unico che è ancora sotto i numeri del 2000. Gli altri invece hanno recuperato e superato tale soglia. E se poi ci confrontiamo con le teste di serie, ovvero gli USA, il confronto è ancora più pesante.

E se poi andiamo a prendere il motore del nostro “successo” ovvero l’export, si nota benissimo che proprio questo motore sembra essersi inceppato, anche a causa del crollo degli investimenti e della produzione industriale in generale, a scapito del terziario che però non può competere con gli altri paesi.

Certo, sto omettendo argomenti fondamentali come la demografia e, ovvio l’alto debito pubblico, oltre che il problema dell’economia sommersa, la corruzione ecc ecc.

Una cosa ve la voglio ancora riportare. Grafico Debito pubblico e spesa per interessi.

Debito pubblico e spesa per interessi a confronto

E se pensate che la vendita degli asset pubblici possa salvarci, eccovi serviti.

Come si suol dire.. NO WAY OUT e per convincerci ulteriormente guardate questo.

Debito pubblico e deficit pubblico vs PIL

Questi grafici, estremamente concreti, li trovare in QUESTO REPORT che vi consiglio di leggere. Potrei continuare a scrivere moltissimo ma preferisco fermarmi qui e chiedere a VOI, qual è la vostra ricetta per la …come definirla? Rinascita? Ripartenza?
Solo una cosa voglio ripetere: “Andrà molto peggio, prima di andare meglio”. Questo sembra essere il nostri inevitabile destino. E gli ultimi moniti dell’UE sembrano indicarci la strada, e sappiatelo, non sarà una passeggiata.

(…) In attesa di conferme, la cosa certa è che il quadro di riferimento per le decisioni che Bruxelles prenderà prossimamente tiene conto innanzitutto dei conti appena certificati dall’autorità statistica: il 2018 si è chiuso con un mancato aggiustamento strutturale pari a 0,3% del pil (5,3 miliardi) e un peggioramento del debito/Pil dal 131,4% al 132,2%. Che salirà, al 132,6% quest’anno. Questi sono gli obiettivi del governo: può darsi che le stime Ue siano peggiori. Ciò significa che, a prima vista, i conti italiani non tornano per cui in vista del 5 giugno, giorno in cui sono attese le valutazioni Ue, si riaccenderanno i fari sul caso Italia. Fari che resteranno accesi a lungo perché con ogni probabilità la vera battaglia sui conti italiani avverrà in autunno, quando il governo presenterà le scelte di bilancio per il 2020. (…) È anche vero però che la tensione sul caso Italia non è scemata in questi mesi: il governo Conte continua a non avere alleati in tema di conti pubblici. L’intero Eurogruppo ha fatto quadrato a sostegno della Commissione e non c’è governo che attualmente abbia una posizione indulgente verso l’Italia. Se da una parte la revisione del deficit dipende dalla minore crescita, ragione che si configura come un classico fattore rilevante di cui tenere conto nella valutazione del rispetto delle regole Ue, resta il fatto che il rapporto debito/Pil è peggiorato l’anno scorso con una crescita allo 0,9% e continuerà a peggiorare non solo perché l’economia è stagnante, ma anche per il fondato rischio che il deficit peggiori se il governo manterrà le promesse di riforma fiscale e che le entrate da privatizzazioni pari all’1% del pil (circa 17,8 miliardi) restino nel libro dei sogni. (…) [Source]

Non me le sono inventate io queste cose, e pensare che siano solo minacce pretestuose è fortemente limitativo. E il tempo ci dirà… In bocca al lupo a tutti.

STAY TUNED!

Fonte dei dati @italiadati

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.1/10 (17 votes cast)
ECONOMIA ITALIA: il nostro inevitabile destino, 8.1 out of 10 based on 17 ratings
5 commenti Commenta
kociss01
Scritto il 6 maggio 2019 at 12:05

una serie di problemi strutturali che ormai ci portiamo dietro da anni e che non riusciamo a risolvere, malgrado a Governo che cambia spesso e volentieri “colore” ma…la sostanza non cambia.
IL COLORE CAMBIA ,MA L’INSIPIENZA E L’INETTITUDINE DEI GOVERNANTI TUTTI RIMANE TALE E QUALE

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 6 votes)

alplet
Scritto il 6 maggio 2019 at 15:23

Da questi dati e grafici che dovrebbero conoscere tutti gli italiani discende che l’Italia galleggia fino a che non arriva una recessione USA o globale. In quel caso i conti per noi saranno più dolorosi. Allego un articolo del CorrierEconomia della scorsa settimana.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 4 votes)

draziz
Scritto il 6 maggio 2019 at 16:42

Caro DT,
allora tutto andrà secondo il programma già scritto: sfasciare il Paese e ripartire da zero, così da non poter rifiutare “la cura”.
E’ arcinoto lo squilibrio del carico fiscale e contributivo sulle spalle delle imprese e dei privati.
Siamo oltre il concetto “consumi, quindi paghi”: in Italia paghi a prescindere, quindi il patto tra mandriano e mucca è rotto. La mucca non dà più latte, niente PIL.
E’ molto alta la quota del sommerso, perchè per una buona parte degli Italiani occorre sopravvivere e poi perchè è semplicemente demenziale pagare tutta la serie di bolli, diritti, tasse, imposte, accise e chi più ne ha più ne metta su ogni cosa: manca solo il misuratore inserito nel collo d’oca della tazza del cesso…
Chi ci propina informazioni è sempre attento a paragonare ciò che avviene in Italia con ciò che fanno all’estero.
Peccato che non sia così per le indennità parlamentari, per i vitalizi e adesso anche per le aliquote IVA.
Il limite del rapporto debito/PIL al 130%?
Peccato che sia stato stabilito davanti ad un paio di bottiglie…
Si può dibattere all’infinito: se l’economia così com’è non va occorrono interventi anche non convenzionali, occorre che torni a circolare denaro nelle tasche di tutti e non che sia drenato a senso unico verso lo Stato ed il sistema finanziario e sempre più verso quella costruzione di sapore dittatoriale che è divenuta l’Europa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 14 votes)

pdf79
Scritto il 6 maggio 2019 at 20:58

Caro Danilo il 21 maggio dovrebbe cessare la convenzione fra lo stato italiano e radio radicale per la trasmissione delle attività istituzionali dietro il corrispettivo di 15 milioni di euro/annui, vorrei segnalare:
1)esiste rai parlamento che paghiamo con il canone, per cui è una duplicazione dei costi.
2)radio radicale è una “radio privata”, la fine della convenzione non porta alla chiusura automatica ma ad un mancato introito che potrà essere coperto dai soci, da sostenitori o dalla raccolta pubblicitaria.
3)lo stato italiano ha permesso la creazione di un archivio privato di ore di trasmissioni istituzionali in capo ad una società fallibile quando avrebbe potuto averlo all’interno della rai una società pubblica.
4)il mancato rinnovo non incide su servizi essenziali per il cittadino
Se il 21 maggio verrà prorogata in extremis, parlare di riduzione della spesa o sua rimodulazione sarà una barzelletta, ai lavoratori la mia solidarietà umana ma nient’altro.
Ai sostenitori della riconferma della convenzione per non cagionarne la chiusura ricordo che “è il mercato bellezza” non può essere invocato a fasi alterne.
Saluti a tutti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +6 (from 6 votes)

kociss01
Scritto il 9 maggio 2019 at 10:05

guardate un po’ qua: http://lab24.ilsole24ore.com/numeri-europa/

e noi stiamo andando alle elezioni europee con questa bella immagine da mostrare agli italiani, poi non ci lamentiamo se vincono i sovranisti . mi rivolgo a quelle MEZZECALZETTE DI POLITICI ITALIANI DAL 1990 AD OGGI SONO 30 ANNI SIeTE STATI DEI BUFFONI -LADRI.CORROTTI ED INCOMPETENTI (compreso il tanto decantato prof. Monti) per non parlare poi di Berlusconi, prodi e compagnia cantando…. (quelli attuali poi sono la crem della crem) questa slide poi la dice tutta su come vanno le cose in Italia

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+