SIMPOSIO di JACKSON HOLE: non bastano le banche centrali

Scritto il alle 07:45 da Danilo DT

Il mitico simposio di Jackson Hole rappresenta da anni un appuntamento quantomai atteso. Come se l’incontro dei vari banchieri centrali fosse la base di partenza per prevedere la tendenza dei mercati finanziari e delle economie dei grandi paesi.
Ma questo simposio ha un sapore diverso, particolare, sicuramente più aspro e difficile da comprendere.
E’ il contesto a complicare enormemente le cose. Diventa quasi inutile sprecarsi in sterili elenchi. La realtà è davanti ai nostri occhi. Dalla Brexit alla trade war, dalla crisi politica italiana alle questioni di Hong Kong, dall’Argentina al rallentamento globale e molto altro.

Il mercato si sta preoccupando e per l’ennesima volta spera che siano proprio le banche centrali a buttare l’ennesima ciambella di salvataggio, al fine di evitare il naufragio economico globale. Ma il mare è sempre più in tempesta, la ciambella deve essere sempre più grande, e un bel giorno non basterà più. E quindi che cosa capiterà? Gran bella domanda…
Intanto però, vista la crisi tedesca, è lecito attendersi proprio dalla BCE (spinta, udite udite, dai freddi teutonici e finlandesi da sempre restii a manovre del genere) delle prese di posizione molto forti sull’argomento, utilizzando un articolato pacchetto di misure espansive, all’interno del quale non dovrebbero mancare né un programma di acquisto titoli (QE alias quantitative easing, remember?) e nemmeno un taglio dei tassi ufficiali.

Meno sfrontata dovrebbe essere la FED (visto che economicamente stanno decisamente meglio di noi), dove dovrebbe esserci un secondo taglio dei Fed Fund di almeno 25 punti base (-0,25%) sempre in settembre.

(…) La Fed vuole mantenere “aperte le opzioni” sull’evoluzione dei tassi di interesse. I componenti del Federal Open Market Committee (Fomc) ribadiscono che non si procederà “su un percorso predefinito”, ma che le future decisioni sui tassi “saranno prese in base ai dati economici”. È quanto emerge dalle minute dell’ultimo vertice di politica monetaria della banca centrale americana, nel quale fu deciso di abbassare i tassi per la prima volta dal 2008, con un taglio dello 0,25%. (…) Proprio in merito alla decisione di abbassare il Fed fund di un quarto di punto, portandolo tra il 2% e il 2,25%, nei verbali si evidenzia come due membri della Fed avrebbero preferito un taglio di mezzo punto invece che di un quarto di punto. La bassa crescita globale e le tensioni commerciali possono “rallentare l’economia statunitense”, si legge ancora nei verbali. I partecipanti alla riunione hanno sottolineato che “i rischi associati all’incertezza del commercio sono un vento contrario persistente” e le incertezze derivanti dalle tensioni commerciali “non sembrano essere in grado di dissiparsi molto presto”. [Source] 

 

Quindi si conferma quanto annunciato dal sottoscritto ormai tantissimi mesi fa: unità di intenti tra le banche centrali, intenti che spesso però fanno a pugni con le idee di Trump, decisamente più campanilistiche e mirate ad obbiettivi personali.
E guarda caso, il simposio di quest’anno come è intitolato?

‘Sfide per la politica monetaria’

Mai titolo fu così azzeccato. Perché la politica monetaria è l’assolta protagonista e anche per il fatto che di sfide (e scommesse) si tratta, visto che mai si è avuto a che fare con uno scenario del genere. Il che significa ahimè una cosa: mancanza di precedenti e quindi diffidate da chi vi confeziona le certezze per il futuro. Impossibile fare previsioni se non proiezioni. Ovviamente faremo il possibile per anticipare il futuro ma non sarà facile. Ma di questo parliamo tutti i giorni.
Qualche segnale già lo possiamo vedere? Certo che si.

E non sono segnali positivi. Basta essere realisti. L’inflazione non risale. La politica monetaria è stata iperespansiva per anni, ma la base monetaria creata artificialmente non si è trasformata in offerta di moneta, e i prezzi non sono saliti. Il QE negli USA ha avuto un certo successo, molto meno lo ha avuto successivamente in Europa. In Giappone non sanno nemmeno più su cosa lanciare il QE visto che siamo già passati all’acquisto di equity.

Lo sapete, in ogni dove regna il tasso negativo. Addirittura in Danimarca (la prima ma ne seguiranno altre) siamo arrivati a pagare per finanziare, eticamente MOLTO discutibile.
Quindi il pedale dell’acceleratore è già pigiato non di poco, ma gli effetti benefici mancano. Bisogna saper aspettare? No, non più. Continuano a dircelo da tempo, ma ormai è chiaro. IL CAVALLO NON BEVE. E nascondersi dietro ad un’appendice alla precedente frase (Il cavallo non beve, ma berrà) ormai non è più credibile.

Se poi in questa complicata fase si mette anche il nostro POTUS, alias Donald Trump, tutto si complica ulteriormente (protagonista di una personale guerra contro il poco attivismo [??!?] della FED) visto che tanti sforzi rischiano di venire vanificati da un tweet o da un’iniziativa diplomatica sbagliata. Un esempio su tutti. Ieri parlavo della CINA: ma secondo voi, una violenta frenata cinese lascerebbe esenti da conseguente USA ed Europa?
Quindi va benissimo discutere a Jackson Hole strategie comuni ma resta necessario l’impegno verso un mondo economico più collaborativo: ormai il percorso della globalizzazione è irreversibile. Farci la guerra significa semplicemente autolesionismo.

 

PS: avrei anche voluto parlare (andando fuori dal seminato) di un episodio che testimonia la “stranezza” del momento, che io preferirei definire stranezza preoccupante. Che potremmo dire Trump che cancella la sua visita in Danimarca perchè questa si rifiuta di vendergli la Groenlandia? Signori, VI RENDETE CONTO? Cose che nemmeno ai tempi del Commonwealth e dell’imperialismo di 300 anni fa si potevano vedere.
Peccato che poi ci guardiamo in giro e di potenziali “Trump” ne troviamo in ogni dove. Italia in primis. E queste persone sono quelli che hanno il potere sul mondo che conta. Fermate il treno, voglio scendere! Si, ma per andare dove?

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
SIMPOSIO di JACKSON HOLE: non bastano le banche centrali, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
6 commenti Commenta
pdf79
Scritto il 23 agosto 2019 at 08:28

Caro Danilo stavolta devo difendere The Donald, nel senso che ha semplicemente fatto vedere la realta, il mondo si è impastato la bocca di “diritti, grandi ideali ecc”, ma la dura realta è che siamo sempre molto più terra-terra, una volta si facevano le crociate per liberare la terra santa oggi si esporta la democrazia.
Per le anime candide ricordo che qualche anno fa è stato invaso un paese sulla bufala delle armi di distruzione di massa.
Io se fossi nei danesi inizierei a preoccuparmi, secondo me sotto sotto sono degli oppressori che devono essere fermati, ricordiamo che:
superficie 2.166.086 Kmquadrati
seconda riserva d’acqua del pianeta
solo 60.00 abitanti circa
nessun trattato di tutela come in antartide.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 23 agosto 2019 at 09:16

Scusa ma non ho capito. Secondo te la Danimarca dovrebbe vendergliela?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

homo_invictus
Scritto il 23 agosto 2019 at 10:04

Danilo DT,

No, dovrebbe stare attenta che gli USA non se la prendano con la forza.
Ma d’altronde la Danimarca è un paesucolo da strapazzo intriso delle solite ideologie socialiste nordiche quindi gli USA non se li mangerebbero neanche a colazione, ma in pausa caffè.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pdf79
Scritto il 23 agosto 2019 at 10:30

No per me la Groenlandia dovrebbe essere amministrata da chi abita li (e devo dire che la Danimarca ha accentuato l’autonomia dell’isola) detto questo purtroppo il piatto è ricco e facilmente contendibile, anzi la cosa più preoccupante è che a quanto mi risulta Cina e Russia non hanno fiatato e ricordo che 70 anni fa (non secoli) hanno disegnato interi stati con una cartina, un righello e una matita.
In sostanza purtroppo il mondo è sempre un posto pericoloso retto dalla legge della giungla non dal “diritto” può non piacere ed è lodevole non comportarsi così ma far finta del contrario fa piu male che bene.
Uno che la sapeva lunga diceva:”Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe ……”
Saluti a tutti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kociss01
Scritto il 23 agosto 2019 at 18:13

Che potremmo dire Trump che cancella la sua visita in Danimarca perchè questa si rifiuta di vendergli la Groenlandia? Signori, VI RENDETE CONTO? Cose che nemmeno ai tempi del Commonwealth e dell’imperialismo di 300 anni fa si potevano vedere.
Peccato che poi ci guardiamo in giro e di potenziali “Trump” ne troviamo in ogni dove. Italia in primis. E queste persone sono quelli che hanno il potere sul mondo che conta. Fermate il treno, voglio scendere! Si, ma per andare dove?

CERTO CHE LA STUPIDITA’ L’IGNORANZA E L’IGNAVIA DELL’ ELETTORE MEDIO AMERICANO E’ PROPRIO SENZA LIMITI, solo pensare che ci sono almeno il 50% di probabilita’ di ritrovarci nel nov 2020 quello stupido e stolto di trump nella stanza dei bottoni..
mha cose dell’altro mondo, gli americani non si meritano altro di diventare in un prox futuro i lustrascarpe e maggiordomi di ricchi industriali e imprenditori tecnologici cinesi che si saranno gia’ da tempo comprati le ex aziende e le belle ville in florida e california (degli yenkies chiaramente)…… staremo a vedere

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

kry
Scritto il 24 agosto 2019 at 22:36

Danilo DT,

Fermate il treno, voglio scendere! Si, ma per andare dove?

Per non andare a sbattere !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+