DECRETO LIQUIDITA’: una bomba da 400 miliardi. Cosa prevede?

Scritto il alle 10:43 da Danilo DT

Un intervento che definirei biblico vista la dimensione. Il decreto è composto infatti di tanti tasselli, molto diversificati, molto complessi, alcuni anche di difficile attuazione perché già lo sappiamo: la teoria è una gran bella cosa, la pratica è un’altra.
Senza poi dimenticare che c’è il rovescio della medaglia visto che qui NESSUNO regala nulla. E’ un sostegno per l’immediato, che poi verrà ritirato in modo progressivo.
In massima sintesi, il decreto liquidità prevede cash immediata con 30 miliardi appostati a sostegno di garanzie statali per 400 miliardi di euro alle imprese, piccole medie o grandi. Di questi 400 miliardi ci sarà una divisione 50/50: 200 destinati al mercato interno, 200 per l’export, che sommati ai 350 del Cura Italia portano a 750 miliardi l’importo complessivo.
A questo va aggiunto poi provvedimenti diversi dagli aiuti economici alle imprese come il potenziamento del Golden Power.
Confusi? Forse si, quasi come le questioni bibliche spiegate da Conte ieri sera.
Ma lasciamo perdere il gossip e andiamo al concreto.

Qui sotto uno schema tratto da Reuters che sintetizza il tutto.

– Garanzie da parte dello Stato per un totale circa di 200 miliardi di euro concesse attraverso Sace, del gruppo Cdp, in favore di banche che effettuino finanziamenti alle imprese sotto qualsiasi forma.
– In particolare, la garanzia coprirà tra il 70% e il 90% dell’importo finanziato, a seconda delle dimensioni dell’impresa, ed è subordinata a una serie di condizioni tra le quali l’impossibilità di distribuzione dei dividendi per i successivi dodici mesi e l’impegno a utilizzare il finanziamento per le attività in Italia.
– Le imprese con meno di 5.000 dipendenti in Italia e un fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro ottengono una copertura pari al 90% dell’importo del finanziamento ed è prevista una procedura semplificata per l’accesso alla garanzia;
– La copertura scende all’80% per imprese con oltre 5.000 dipendenti e un fatturato fra 1,5 e 5 miliardi di euro e al 70% per le imprese con fatturato sopra i 5 miliardi;
– L’importo della garanzia non potrà superare il 25% del fatturato registrato nel 2019 o il doppio del costo del personale sostenuto dall’azienda;
– Per le Pmi, anche individuali o partite Iva, sono riservati 30 miliardi e l’accesso alla garanzia rilasciata da Sace sarà gratuito ma subordinato alla condizione che abbiano esaurito la loro capacità di utilizzo del credito rilasciato dal Fondo Centrale di Garanzia.
– È inoltre previsto un forte snellimento delle procedure burocratiche per accedere alle garanzie concesse dal Fondo.
– L’intervento introduce un sistema di coassicurazione in base al quale gli impegni derivanti dall’attività assicurativa di Sace sono assunti dallo Stato per il 90% e dalla stessa società per il restante 10%, liberando in questo modo fino a ulteriori 200 miliardi di risorse da destinare al potenziamento dell’export.
– Il decreto rafforza il golden power e gli obblighi di trasparenza in materia finanziaria. Si applicano i poteri speciali ai settori finanziario, creditizio e assicurativo, alle infrastrutture e tecnologie critiche, tra cui l’energia, i trasporti, l’acqua e la salute, alla sicurezza alimentare, all’accesso a informazioni sensibili, compresi i dati personali, all’intelligenza artificiale, la robotica, i semiconduttori, la cibersicurezza, nonché le nanotecnologie e le biotecnologie;
– E prevista la possibilità per il governo di aprire il procedimento d’ufficio se le imprese non assolvono agli obblighi di notifica previsti;
– Si estendono, in via transitoria fino al 31 dicembre 2020, il campo di applicazione della disciplina dei poteri speciali anche ad operazioni intra-europee che richiederanno la preventiva autorizzazione del Governo, nel caso di acquisizione del controllo di asset rientranti nei settori sopra descritti; nel caso di operazioni extra-europee, l’ampliamento, sempre transitorio, riguarderà anche le acquisizioni di partecipazioni superiori al 10% da parte di soggetti non appartenenti all’Unione europea, se superiori alla soglia di un milione di euro.
– In materia di trasparenza finanziaria, si sono integrati gli obblighi di trasparenza previsti dall’art. 120 del TUF per consentire alla Consob di abbassare transitoriamente le soglie rilevanti per le comunicazioni (portandola al 5%) e ampliare le imprese che ne sono soggette, includendovi le società ad azionariato diffuso.
– Si interviene con norme urgenti per il rinvio di adempimenti fiscali e tributari da parte di lavoratori e imprese. In particolare, si prevede la sospensione dei versamenti di Iva, ritenute e contributi per i mesi di aprile e maggio, in aggiunta a quelle già previste con il “Cura Italia”.
– Il decreto prevede una serie di misure finalizzate ad assicurare la continuità delle imprese nella fase dell’emergenza, con particolare riguardo a quelle che prima della crisi erano in equilibrio e presentavano una regolare prospettiva di continuità aziendale. Vi sono poi misure per tutelare le aziende dal rischio fallimento.

Clicca QUI per vedere l’elenco dei post della saga #TheBigCrisis

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (8 votes cast)
DECRETO LIQUIDITA': una bomba da 400 miliardi. Cosa prevede?, 9.3 out of 10 based on 8 ratings
Tags:   |
2 commenti Commenta
apprendista
Scritto il 7 aprile 2020 at 19:30

Allora lo stato infame mi impedisce di lavorare per 2 mesi, mi da forse un contributo a fondo perduto come Germania ed tutti altri paesi? No mi fa indebitare con la banca, lui dice tasso zero, non è vero si parte dal 1 anno 0.25 fino al 1% dal 4 anno, ma non è vero nemmeno questo stamane la banca mi parla tra il 2 e 3 % per motivi vari, così avrò i soldi per pagare le TASSE ovviamente, se va bene, spostate di 2 mesi.
QUINDI LO STATO NON CI PERDE NIENTE, INCASSA COME AL SOLITO SALVO PICCOLE TRANSAZIONE DELLA DATA DI PAGAMENTO,PER LE BANCHE AFFARONE SENZA RISCHIO GARANTISCE LO STATO, IO IMPRESA DANNEGGIATO DA 2 MESI SENZA LAVORO, GIÀ ALLA CANNA DEL GAS PER TASSE E BUROCRAZIA ASSURDA MI DEVO ANCHE INDEBITARE PERCHÈ QUESTO SISTEMA MESCHINO E TUTTI I SUOI PARASSITI SI PERPETRI NEL TEMPO

CHI È L INCULATO DANILO?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 5 votes)

draziz
Scritto il 8 aprile 2020 at 09:15

apprendista@finanza,

Anche tu, come me e tantissimi altri, hai sperato che, di fronte ad un’emergenza di tale portata, avremmo visto di che stoffa sono fatti quelli che, non eletti ma nominati e quindi suscettibili di rappresentare solo una porzione degli interessi del momento, potessero dimostrare su cosa si basa la legittimazione di uno Stato, cioè la cura dei suoi beni principali: i cittadini ed il tessuto produttivo.

Anche tu, come me, hai dimenticato che in questa nazione disgraziata sono molti ad essere maestri nel gioco delle 3 carte e che non puoi sperare in un riscatto di coscienza e di onore e quindi in un supporto concreto se chi dirige le sorti spesso cita un leccaculo ed opportunista come Machiavelli come un fine stratega.
Il fine giustifica i mezzi.
Aspetta aspetta: c’è anche: “la vita è una giungla”.
Abbiamo sentito anche cazzate del tipo “questa crisi ci renderà tutti più forti e consapevoli”
oppure minchiate del tipo “i più deboli soccomberanno ed i più forti cresceranno”.

Secoli di pensiero filosofico, di sviolinate catto-cristiane sulla necessità, PER UNA SOCIETA’ COSIDDETTA CIVILE, di prendersi cura dei più deboli in tutte le forme possibili e con ogni mezzo, spazzati via in poche settimane.

Proprio un bello Stato abbiamo: al confronto lo sceriffo di Nottingham era un benefattore e si capisce come mai l’evasione, non solo non diminuisca, ma sia costantemente esercitata al fine di garantire una cosa, comune anche al più piccolo dei protozoi: la sopravvivenza.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 3 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+