Weekly Eurozone Overview: i nodi vengono al pettine

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Key Data Points

Ormai i nodi stanno venendo al pettine. Lunedì sarà il giorno dell’Euromeeting che vedrà protagonisti i Premier dei paesi facenti parte dell’Eurozona. Se qualcuno sperava che ormai TUTTO fosse già deciso, beh, si sbagliava di grosso. I passi indietro di Finlandia ed Olanda rimettono tutto in gioco e l’incertezza torna a dominare sui mercati. 

Credo che ormai sia noto anche ai sassi. Questa crisi non è solo più Europea dei PIIGS. E’ una crisi Globale. E i paesi più in dissesto finanziario, Italia compresa, non possono uscire dalla melma senza l’intervento ed il sostegno di Eurozona in primis, ma anche del FMI. E gli stessi paesi virtuosi, se non accettano un programma dove vengono condivisi alcuni principi discussi nella settimana scorsa a Bruxelles, saranno loro stessi vittime della crisi. L’effetto contagio non avrà pietà, la peste colpirà sia chi già è a rischio ma anche chi è più benestante. Fate presto, prima che sia tardi.

SOURCE: Macromonitor

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.5/10 (2 votes cast)
Weekly Eurozone Overview: i nodi vengono al pettine, 9.5 out of 10 based on 2 ratings

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 5)Commenta

  1. calciatore scrive:

    Per i politici (meeting della sett. scorsa) e’ tutto facile, il nostro Monti ed altri hanno battuto i pugni sul tavolo , ma era l’occasione sbagliata. I puntini sulle I li devono mettero domani, se ci riescono, ma non ne uscira’ niente. Niente e nessuno potra’ anche in futuro fare si’ che i paesi virtuosi possano mettere una firma ove si impegnano a fare pagare ai loro concittadini i debiti dei PIIGS . Automaticamente al loro rientro in patria si troverebbero a spasso. Quindi in futuro niente EUROBOND e nessuna condivisione dei debiti cioe’ niente europa. E niente europa vuol dire che alla prima occasione ove qualcuno , bluffando, picchiera’ i pugni sul tavolo, (oh che paura!) i virtuosi si tireranno fuori dalla zona euro , e da questa moneta che ha vita breve. Non ho ancora trovato nessuno che mi abbia detto che i tedeschi ed altri virtuosi siano pronti a pagare piu’ tasse per sanare i debiti dei PIIGS. C’e’ qualcuno che ne sia convinto?

  2. Ehhhh… mettiamoci nei panni dei tedeschi…. E la risposta viene da sola…

  3. rogerfed@finanza,

    Oggi te la tiri eh, visto che sei tornato il nr. 1 del ranking ATP…. :wink: Bravo!

  4. Oggi si riparte subito col video TRENDS tanto per cominciare bene la settimana… Buon divertimento a tutti (visto che siamo al casinò PiazzAffari)