Cerca nel Blog

WEEKENDER: dopo la FED è il turno della BCE

Scritto il alle 15:31 da Danilo DT

Weekly Rewind best of

E’ stata la settimana dove è tornata protagonista la FED, con una serie di dichiarazioni che alla fine hanno portate tutte al medesimo risultato.
Ormai Bloomberg sconta un rialzo di 25 bp poco sotto il 90% (88% il 3/3, stima Bloomberg).
Gli interventi dell’ultima settimana hanno spalancato la porta a un
rialzo ravvicinato, anche più di quanto implicito nel “piuttosto presto” degli ultimi verbali.
Secondo Dudley (NY Fed) “gli argomenti per un rialzo a marzo sono diventati molto più cogenti”; secondo Williams (San Francisco Fed) un rialzo a marzo è in “seria considerazione”; diversi altri hanno affermato che un rialzo è appropriato “più presto piuttosto che più tardi”.
Insomma, tutti tra falchi e colombe concordano sulla necessità di alzare i tassi di ¼ di punto.
Ma cosa ha cambiato così fortemente il sentiment sui tassi del FOMC?
Tutti sono d’accordo che si è tornati sul sentiero dei tassi al rialzo. E’ solo una questione di tempi dettati da tre elementi:

1) quadro economico di crescita USA;
2) gli sviluppi della politica fiscale e delle altre iniziative della Trumpoomics che potrebbero, in teoria, avere effetti non solo sugli USA ma sul mondo intero.
3) l’evoluzione del quadro economico globale.

Oggi le condizioni sembrano indirizzare quindi ad un rialzo già fin da metà marzo.
E se sembra tutto chiaro in ambito di politica monetaria USA… che succederà in BCE la settimana prossima?
Probabilmente nulla di che. Già ve l’ho anticipato in altri post. La riunione di marzo della BCE sarà interlocutoria. Il Consiglio non potrà esimersi dal prendere atto dei progressi dell’economia reale, rivedendo forse i target su crescita economica ed inflazione. Però quanto abbiamo visto nelle ultime settimane è giodato NON da fenomeni strutturali (come i salari) ma da elementi volatili (prezzo petrolio per esempio) e quindi occorreranno altre conferme prima di iniziare a discutere di contromosse che, al momento attuale, sono solo chiacchiere da bar. Infatti la BCE ribadirà che in assenza di un rialzo duraturo dell’inflazione core è
prematuro discutere sulla rimozione delle misure non convenzionali (tassi negativi e QE).

Di questo e di altro abbiamo parlato in questa settimana. Innanzitutto vi invito a visionare il video di TRENDS uscito ieri sera. Inoltre se ancora non avete letto, buttate un occhio al meglio della settimana, credo che ci sia tanta informazione indipendente che merita un po’ di attenzione.

TODAY

TRENDS 2.0.26: ma che sta succedendo sui mercati?

YESTERDAY

FTSEMIB: dopo l’elastico arriva l’attacco rialzista

Propongo l’aggiornamento al grafico del FTSEMIB, riprendendo ovviamente (per motivi di coerenza) l’ultima analisi che ho postato qualche giorno fa. Ci siamo lasciati proprio quando l’indice era arrivato in prossimità del vertice del triangolo rosso che vedete nel grafico qui …

VELOCITA’ circolazione della MONETA: come cambia il mercato?

E’ da un po’ di tempo che non vi parlo più della velocità di circolazione della moneta. Un amico lettore mi ha dato spunto per tornare a fare una riflessione sull’argomento, sopratutto alla luce degli ultimi avvenimenti. Innanzitutto occorre dire …

Il DILEMMA di Mario DRAGHI: i dubbi BCE su tasso inflazione e QE

Questo post segue le analisi di ieri sull’evoluzione del tasso inflazione in Eurozona. I dati quindi appena usciti confermano: a) un’inflazione onnicomprensiva (all Items) che in Eurozona arriva al target del 2% b) ma allo stesso tempo l’inflazione core si …

MAR 02

FED: tassi in salita e delinquency rate che inverte la tendenza

Che i tassi USA siano alla fine di un ciclo, questo direi che è arcinoto. Ed è altrettanto ovvio che, fino a qualche mese fa, i consumatori USA avevamo di fronte un mercato dove i tassi di finanziamento erano assolutamente … Continua a leggere →

INFLAZIONE EUROZONA: il grande paradosso dei salari

Eccolo qui, il grafico sul tasso inflazione che va a certificare l’impennata del costo della vita in Eurozona. Anche per l’anemica (a livello di crescita economica) Italia potete notare una forte impennata. Possiamo quindi festeggiare? E’ reflazione VERA? (per … Continua a leggere →

FED: aumento tassi a marzo. Ma il PIL viene rivisto al ribasso.

Sembra quasi un mondo perfetto. Ma a me proprio perfetto non sembra. Malgrado questo, è inutile e controproduttivo negare l’evidenza. Dai dati che ho a disposizione sembra chiaro che negli Usa l’attività economica ha fatto segnare infatti una netta accelerazione …

SURPRISE! E il mondo va meglio delle attese!

Il CESI (Citigroup Economic Surprise Index) testimonia come gli analisti sono rimasti sorpresi da una crescita globale migliore delle attese. i mercati festeggiano e a fare la differenza in questa fase di reflazione, sono sempre i flussi finanziari in movimento.

MAR 01

A tutto TRUMP! (ma con toni diversi)

Il tradizionale discorso del Presidente degli Stati Uniti d’America davanti al Congresso riunito non ha fatto altro che confermare il suo piano ambizioso già anticipato nei mesi scorsi (Trumponomics), ma con una differenza. Non nella sostanza ma nei toni ed …

FEB 28

VIX: ancora ai minimi. Ma è un indicatore che può diventare “contrarian”?

Il VIX è un indicatore che da sempre è visto come l’indice della “paura”. Infatti quando inizia ad impennarsi, significa che qualcosa potrebbe anche cambiare sui mercati. Come ben sapete il VIX rappresenta l’indice di volatilità calcolato dal più grande …

REFLAZIONE: aspettative elevate. Ecco l’indicatore che lo testimonia.

Se dobbiamo dare una lettura oggettiva al mercato (cosa che tra l’altro cerco di fare da sempre anche se qualcuno non sarà d’accordo, questione di punti di vista) non possiamo negare una forte aspettativa sull’ipotesi di una nuova fase di …

BREXIT: (finalmente) si parte!

Se pensavate che la Brexit fosse già operativa in qualche modo, vi sbagliate di grosso. Ci sono state delle reazioni a livello di mercato, in primis nel mondo valutario. Ma in realtà la Brexit era e restava solo un “progetto” …

FEB 27

WALL STREET: il grande paradosso del mercato

Lo scetticismo che accompagna il rally azionario Usa, testimoniato dalla persistente posizione Net short degli small Traders, costituisce paradossalmente la forza dello stesso. Solita analisi del COT Report. [Guest post] Cari amici, nella settimana appena trascorsa, i mercati finanziari internazionali hanno, sostanzialmente, riconfermato …

I nostri m*****i 50 anni

Ricevo dall’amico Ottofranz questo testo al vetriolo che considero interessante… Non voglio aggiungere altro, dò spazio alle parole di questo Guest Post che, forse, proprio insensato non è… Post by Ottofranz Prima dei 20 te ne fotti. Dopo i 70 …

ELEZIONI FRANCIA: vedo prevedo stravedo…

Uno degli eventi più importanti per le dinamiche europee e soprattutto dell’Eurozona sono le elezioni francesi, un vero punto di svolta di quello che potrebbe essere il tema dell’Euro frammentazione. Parlare di sondaggi, soprattutto vedendo quanto è successo connon è …

PIAZZA AFFARI: torna la debolezza sulla piazza di Milano

Guest post: Trading Room #239. Il FTSEMIB rompe gli indugi e, complice un deterioramento del quadro sopratutto in Europa, parte con un movimento correttivo. Inoltre analisi sullo spread BTP Bund, DAX, Leonardo-Finmeccanica. Enjoy! Un benvenuto ancora all’amico Alberto Zanetti e alla …

UNICREDIT: aumento di capitale è un successo. E il titolo crolla…

Domanda da porre ai risparmiatori possessori di azioni Unicredit. A seguito dell’aumento di capitale, concluso con successo, chi si sarebbe aspettato un repentino crollo del titolo? E come lo si giustifica? Inutile dire che dietro all’operazione di aumento di capitale …

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
WEEKENDER: dopo la FED è il turno della BCE, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • [email protected] su WALL STREET ai massimi. E l’economia si contrae. #TUTTOBENE
  • [email protected] su WALL STREET ai massimi. E l’economia si contrae. #TUTTOBENE
  • [email protected] su SUPER EURO: ma il mercato potrebbe cambiare tendenza
  • paolo41 su SUPER EURO: ma il mercato potrebbe cambiare tendenza
  • [email protected] su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • Lukas su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • [email protected] su RECORD del DOW JONES: assist della Yellen, ma il grafico fa paura
  • [email protected] su WALL STREET: una garanzia per la prosecuzione dell’uptrend!
  • aorlansky60 su RECORD del DOW JONES: assist della Yellen, ma il grafico fa paura
  • [email protected] su ETHEREUM: crollo della criptovaluta. Come volevasi dimostrare.

Google+