Cerca nel Blog

WALL STREET: poca partecipazione, in attesa degli eventi

Scritto il alle 14:48 da Lukas

wall-street-fear-index

Tutti in attesa di Trump, ma questo potrebbe non essere un elemento negativo per il mercato. E per l’occasione eccovi la personale visione di Lukas per il 2017 ed il suo autorevole Outlook. Solita analisi del COT Report. [Guest post]

Cari amici, nella settimana appena trascorsa, i mercati finanziari internazionali hanno atteso in maniera molto ordinata, anzi quasi noiosa, l’insediamento ufficiale di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti d’America. La volatilità resta, infatti, sempre sui minimi, e si nota soltanto qualche piccola contraddizione sul più generale scenario intermarket.

Quest’ultimo ha evidenziato un ulteriore storno del dollar index, pari allo 0,44 %, che accentua lo storno già avvenuto delle scorse settimane, portandolo al – 2,2 % nell’ultimo mese. Ciò ha favorito un concomitante e quasi uguale rimbalzo delle quotazioni delle commodities, che in termini reali risultano pertanto assolutamente stabili. Il mercato obbligazionario, invece, si mostra un po’ più vivace ed ottimista. I rendimenti dei bond decennali Usa, crescono infatti di 8 bps e raggiungono quota 2,48 %. Segnali ancor più incoraggianti giungono, invece, a sorpresa dall’Europa. I rendimenti del bund decennale della Germania, infatti, continuano a crescere e raggiungono quota 0,42 %. Anche quelli italiani danno segnali di vitalità superando nuovamente quota 2 %. Tutti si aspettano maggior crescita economica negli Usa, ma forse quest’anno la piacevole sorpresa arriverà dall’Europa, che continuerà a godere del generoso QE della BCE. Ancora in stallo, infine, i mercati azionari. Il nostro benchmark azionario mondiale, l’S&P 500, arretra infatti solo dello 0,15 % e rimane in prossimità dei massimi, a quota 2.271,31.

Ciò premesso, passo ad esaminare i nuovi dati del COT REPORT settimanale, pubblicati venerdì dalla CFTC (Commodity Futures Trading Commission), concernenti i valori aggregati dei Futures e delle Options su tutti gli indici azionari USA, che risultano essere i seguenti:

Commercial Traders : – 21.239

Large Traders : + 22.466

Small Traders : – 1.227

spx-cot-report-2017

Dopo sole 2 settimane, muta pertanto nuovamente la configurazione del mercato dei derivati azionari Usa. Nell’ultima ottava si sono, infatti, registrate modeste ma significative variazioni nelle posizioni nette dei vari operatori, pari a 5.445 contratti. In particolare, gli Small Traders, dopo due sole settimane, cedono l’intero lotto dei 5.445 long e tornano alla loro precedente posizione Net Short. Ciò conferma, quanto evidenziato di recente dall’amico Danilo, circa una partecipazione sempre più scarsa al mercato azionario. I Large Traders, invece, acquistano gran parte del lotto, ossia 4.475 contratti long, e consolidano la loro precedente posizione Net Long. I Commercial Traders, infine, appaiono sempre molto vigili, acquistano infatti i residui 970 contratti long, e riducono leggermente la loro posizione di copertura Net Short. Le movimentazioni di quest’ultima ottava, seppur di modesta entità, sembrano a prima vista voler confermare tutti i dubbi e le incertezze che gravano, al momento, sull’evoluzione futura dei mercati azionari. A mio avviso, invece, a dispetto delle effervescenti attese indotte dalla nuova amministrazione Usa, i mercati azionari appaiono del tutto stabili e tranquilli, e lasciano prefigurare un futuro prossimo caratterizzato da un moderato e cauto andamento lateral- rialzista. In quest’ultima ottava, approfittando del periodo di stasi dei mercati, ho peraltro completato l’elaborazione delle mie personali previsioni sul target di fine d’anno per il nostro benchmark azionario mondiale, ossia per l’S&P 500, ed il risultato è stato pari a 2.430 punti. Ho poi confrontato la mia previsione con quelle, molto più autorevoli, elaborate dalle miglior società d’investimento che risultano essere le seguenti

outlook-2017-spx

La mia previsione si colloca pertanto nella fascia alta di quelle qui presentate. Potrebbe pertanto risultare un po’ ottimistica. Ma, continuando nel particolare “ giochino delle previsioni “ ciò che conta non è tanto il target finale, bensì il percorso attraverso il quale si arriverà ad esso. Al riguardo la mia personale di previsione prevede dapprima uno storno fino a quota 2.100 e successivamente una risalita sino a raggiungere, in dicembre, il target prefissato di quota 2.430 punti. Dunque, a mio avviso, quest’anno l’S&P 500 dovrebbe oscillare in un range non molto ampio, pari all’incirca al 15 %, ricompreso tra quota 2.100 e 2.430. Se così fosse non dovremmo andare incontro a periodi prolungati di elevata volatilità e nemmeno a correzioni particolarmente marcate. Ammetto che la mia previsione disegna uno scenario futuro abbastanza tranquillo e cauto che, allo stato, sembra configgere alquanto con le attese effervescenti indotte dalla nuova ammistrazione Usa.

Futuro prossimo che si prospetta, quindi, ancora cauto ed incerto, che cercherò, come sempre, di tradare con il mio originale trading system, fondato sullo sfruttamento e sulla valorizzazione dell’effetto “LONG TERM MOMENTUM“, descritto negli studi e nelle ricerche dei professori Jegadeesh e Titman, ed illustrati nel mio sito http://longtermmomentum.wordpress.com/. Dopo i primi 20 giorni dell’anno 2017, il mio portafoglio “ Azioni Italia – LTM “, registra una performance positiva pari al + 0,47 %. Performance, inferiore a quella realizzata dal Ftse All Share, pari, nel contempo, al + 1,60 %. Una sotto-performance dell’ 1,13 %, in gennaio del tutto ricorrente, segnalata peraltro anche nelle ricerche dei due noti professori Usa, sulle quali riconfermiano tutta la nostra fiducia, poichè negli ultimi 4 anni ci hanno regalato una sovra-performance media annua pari al 20,8 %.

Coerentemente con la mia positiva view d’ordine generale, questa settimana, riconfermo la mia esposizione sul mercato azionario italiano, costituita dall’85 % di posizioni long, e dal 15 % di posizioni short, ossia da una posizione Net long pari al 70 % del mio portafoglio. Chi desiderasse approfondire e ricevere maggiori informazioni sul mio trading system e sulla composizione del portafoglio “ Azioni Italia – LTM “ può consultare, se vuole, direttamente il mio sito.

Vi ringrazio per la vostra stima e fiducia, ed auguro a TUTTI gli amici di Intermarketandmore buon trading.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
WALL STREET: poca partecipazione, in attesa degli eventi, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • paolo41 su PIAZZA AFFARI: chiuso il GAP, e ora quindi si può tornare a salire!
  • [email protected] su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • [email protected] su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • [email protected] su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • [email protected] su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • gainhunter su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • Lukas su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • gainhunter su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • gainhunter su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO
  • gainhunter su UFFICIALE: è SOLO COLPA dell’EURO

Google+