WALL STREET: non c’è taper che tenga

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

GUEST POST – Bullard (FED St. Louis) parla di tapering a dicembre. Ma alla fine i mercati non ne risentono. Analisi dei dati del CFTC secondo la personale visione di Lukas.

Cari amici, durante la settimana appena trascorsa, le dichiarazioni del presidente della Fed di St. Louis James Bullard sulla possibilità di un inizio del tapering già dal prossimo mese di dicembre, hanno indotto una certa turbolenza sui mercati finanziari internazionali, peraltro del tutto rientrata sul finire della stessa, chiusa con un bilancio analogo a quello delle precedenti settimane e mesi.
Lo scenario intermarket, infatti, ha registrato un nuovo leggero storno delle quotazioni del dollaro Usa, deprezzatosi in settimana dello 0,17 %. Storno della valuta Usa che non ha alimentato, in questa ottava, un’ulteriore contrazione in termini reali delle quotazioni delle commodities, apprezzatesi, invece, dello 0,3 %. Le maggiori turbolenze, poi sostanzialmente rientrate, si sono registrate sugli andamenti dei tassi d’interesse. In particolare, il rendimento del decennale Usa ha segnato a fine settimana un tasso del 2,74 %, rispetto al 2,7 % di sette giorni prima, mentre il bund tedesco segna un rendimento dell’1,74 %, rispetto all’1,7 % di una settimana fa. Il leggero rialzo dei tassi ha frenato, ma non impedito, l’ennesimo rialzo del mercato azionario. In particolare il nostro benchmark azionario di riferimento, l’S&P 500, ha segnato il settimo rialzo settimanale consecutivo, che seppur modesto, ossia pari allo 0,37 %, ha permesso di superare la fatidica soglia dei 1800 punti, e segnare l’ennesimo record storico delle proprie quotazioni.

In tanti parlano di bolla dell’equity, forse con qualche ragione, in relazione soprattutto alla concomitante debolezza dell’economia reale, ma faccio rilevare che negli ultimi 15 anni l’S&P 500 segna un rialzo nominale complessivo del 58,4 %, equivalente ad un rialzo nominale annuo modesto, pari al 3,9 %, che peraltro si riduce ancora, fin quasi a dimezzarsi, se calcolato in termini reali, ossia depurato dal concomitante effetto inflattivo. Allargando la nostra prospettiva di osservazione temporale, risulta pertanto privo di ogni fondamento parlare di una bolla nel mercato azionario, anzi è del tutto lecito e ragionevole attendersi un ulteriore e consistente recupero dei suoi rendimenti.

Dopo tale premessa, passo ad esaminare i nuovi dati del COT REPORT settimanale, pubblicati venerdì dalla CFTC (Commodity Futures Trading Commission), concernenti i valori aggregati dei Futures e delle Options su tutti gli indici azionari USA, che risultano essere i seguenti:

Commercial Traders : – 81.476
Large Traders : + 52.293
Small Traders : + 29.183

Si riconferma, dunque, la configurazione complessiva del Cot Report sui derivati azionari Usa, in auge ormai da quasi 16 mesi, ossia dalla fine del luglio 2012. In quest’ultima settimana, i Large Traders hanno ridotto di 9.381 contratti la loro ancora consistente posizione Net Long. Per contro i Commercial Traders hanno ridimensionato di 8.591 contratti la loro sempre ingente posizione di copertura Net Short. Infine gli Small Traders, hanno incrementato di 790 contratti, la loro abituale posizione Net Long, che rimane tuttavia a livelli ancora non eccessivi e non preoccupanti. L’evoluzione ordinata del mercato dei derivati azionari Usa, non sembra, pertanto, temere l’ipotesi di un imminente inizio del tapering, adombrata da Bullard, e ciò mi induce, a riconfermare ancora una volta, la mia ormai datata e convinta vision rialzista circa l’andamento dei mercati azionari Usa.

Vision rialzista, perseguita, da quest’anno, non tramite i direzionali ETF, bensì attraverso lo stock picking condotto sul listino azionario italiano, sulla base della strategia “ LONG TERM MOMENTUM “, ossia scegliendo previo un check-up settimanale di borsa italiana, indici, settori e titoli che presentano le migliori performance negli ultimi 6-12 mesi. Orbene, le risultanze del mio ultimo check-up, confermano l’attuale debolezza relativa del nostro listino, che risulta esser trainato soprattutto dai titoli a media e piccola capitalizzazione. Riconfermo, pertanto, cambiando soltanto qualche titolo, la struttura del mio precedente portafoglio, costituito ora da 6 titoli del Ftse Mid-Cap, da 2 titoli del Ftse Star e da 2 titoli del Ftse Small Cap, appartenti tutti ai settori dei beni e servizi di consumo, assicurazioni e tecnologia. Detto in maniera non auto-celebrativa, la bontà di tale approccio è testimoniata dal rendimento annuo del 46,6 %, a fronte di un concomitante rialzo dell’indice Ftse all Share del 16,6 %, e del rialzo annuo del nostro benchmark azionario di riferimento, l’S&P 500, pari al 26,5 %. Coniugare dunque analisi generale del trend e stock picking consente di accrescere, e di molto, il rendimento complessivo del proprio portafoglio.

Vi ringrazio, come sempre, per la vostra stima e fiducia, ed auguro a TUTTI gli amici di Intermarketandmore una serena e proficua settimana.

Lukas

Sostenete l’iniziativa. Abbiamo bisogno del Vostro aiuto per continuare questo progetto!


Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete |


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.8/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
WALL STREET: non c'è taper che tenga, 7.8 out of 10 based on 4 ratings

Commenti (n° 9)Commenta

  1. Ciao lukas :-) . Scusa se mi permetto di dissentire nel valutare la performance di lungo periodo. Non è più possibile farlo (come un tempo) perchè gli sconvolgimenti macroeconomici e i vari QE sballano tutti i paragoni. Gli indici sono sopravvalutati grazie alla folle cronica iniezione di liquidità immessa sul mercato americano. Senza questa follia sarebbero ben più bassi, questo per dire che attraverso i vari QE sii è creata l’illusione di unìeconomia che va bene. Lo stesso pil americano è fasullo perchè appunto si basa solo sulle esportazioni e sul deficit, consumi bassissimi e produttività scadente. Pertanto le società non fanno utili rapportabili al rialzo degli indici e sono più floride soltanto perchè hanno aumentato la capitalizzazione grazie all’aumento dei corsi azionari. Guardare lo S&P a 15 anni andava bene prima del 2008, dal 2008 non è più attendibile. Si continuerà a salire fintanto che continueranno a pompare e questi record dimostrano che stanno proprio facendo l’ultima abbuffata, un pò come fare la scorta prima del periodo di carestia. Se i mercati non si decideranno a correggere, fintanto che il QE è ancora in atto, crolleranno di brutto alle prime avvisasglie di vero rallentamento tipografico. E penso che saranno davvero dolori. E’ un’emerita balla quella che il tapering sarebbe già metabolizzato dagli operatori e quindi dal mercato, proprio un’emerita balla.
    Comuqne per ora pompano ancora, quindi nessun crollo all’orizzonte, fermo restando che qualche centinaio di punti potrebbe anche scendere, proprio nel mese di dicembre, quando tutti magari aspettano il rally. Perchè diciamola francamente, quella del rally natalizio è una barzelletta. Sono tre mesi che vengono stritolati record su record, 9 settimane di rialzo consecutico. Che rally dovrebbe ancora fare? C’è già stato questo benedetto rally. Potrebbe fare il rally di natale soltanto se prima scenderà di 200/300 punti.
    Buona giornata :wink:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Per giudicare che un 3,9 è modesto bisogna sommare i dividendi ed il reinvestimento degli stessi.Io sono sempre short forse per questo ho voluto fare questa precisazione Ciao :wink:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. briz@finanza,

    Ciao briz, la mia non era una SOGGETTIVA valutazione… bensì una semplice ed OGGETTIVA constatazione.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. lucianom,

    Ciao Lucianom, ancora short? Allora…. ti vuoi proprio dissanguare ? :mrgreen:

    Eppoi si, …sommare i dividendi etc etc……ma detrarre il tasso annuo di inflazione…ossia dare un occhiata al grafico dell’S&P 500 deflazionato.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. lucianom,

    per esempio questo di grafico :

    Come vedi, nonostante il rally degli ultimi anni….siamo ancora ben lontani dagli eccessi raggiunti nel 2000. Anzi da allora….siamo ancora in down-trend.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. Lukas:
    briz@finanza,

    Ciao briz, la mia non era una SOGGETTIVA valutazione… bensì una semplice ed OGGETTIVA constatazione.

    AH.OK :wink: . sCUSAMI SE HO FRAINTESO :oops:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  7. Lukas:
    lucianom,

    per esempio questo di grafico :

    Come vedi, nonostante il rally degli ultimi anni….siamo ancora ben lontani dagli eccessi raggiunti nel 2000. Anzi da allora….siamo ancora in down-trend.

    Si, però nel 2000 eravamo alla fine di un ciclo espansivo, ora siamo in una fase stagnante. Direi quindi che la differenza è ben giustificata.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  8. Lukas,

    Il 2000 non lo prenderei in considerazione troppo anomalo, il grafico dimostra anche che siamo ai massimi e tranquillamente potremmo scendere sotto la linea rossa.Ciao, la speranza è sempre l’ ultima a morire :wink:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  9. Bellosta sul Lombard in un articolo free parla del punto di vista di Roubini
    http://www.lombardreport.com/2013/11/25/il-lombardreport-al-lugano-forum-con-m-roubini

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)