WALL STREET: cala la pressione rialzista dei Large Traders

Scritto il alle 14:47 da Lukas

wall-street-fear-index

La forte pressione speculativa che ha dominato nelle ultime settimane sembra in via di esaurimento. I Large Traders dimezzano i Net Long e lanciano un segnale chiaro. Pausa di riflessione in arrivo. Analisi del COT report prodotto dal CFTC [Guest post]

Cari amici, nella settimana appena trascorsa, i mercati azionari, sia Usa che internazionali, hanno proseguito, con ritmi alquanto sostenuti, la loro inarrestabile corsa al rialzo. L’approvazione della riforma fiscale Usa ha indubbiamente fornito agli investitori nuove e fondate ragioni d’ottimismo. A seguito della stessa, infatti, le previsioni di crescita degli utili aziendali, per l’anno in corso, sono state riviste in ulteriore rialzo. Le ultime stime prevedono che gli utili della Corporate America cresceranno, nel 2018, di oltre il 13 %. Previsioni davvero allettanti, che giustificano e sorreggono il forte rally in corso nei mercati azionari.
La riforma fiscale Usa produce, tuttavia, effetti non solo sul mercato dell’equity, bensì sull’intero scenario intermarket. In particolare, registriamo, anche nell’ultima ottava, un marcato indebolimento del dollaro Usa. Non c’è da meravigliarsi, la riforma fiscale voluta da Trump, checché ne dicano, amplierà ulteriormente il già ingente deficit pubblico statunitense, da finanziare poi inevitabilmente con nuove emissioni del biglietto verde.

Meno tasse sulle imprese e deprezzamento del dollaro costituiscono peraltro i pilastri della politica economica Trumpiana, riassunti nello slogan “ America first “. A danno dell’Europa come testimonia il nuovo oneroso livello del rapporto di cambio EURUSD, ed a danno anche dell’Asia. Aspettiamoci quindi delle reazioni, soprattutto ad opera della Cina, ed una selvaggia nuova guerra valutaria. La svalutazione del dollaro, che molto probabilmente proseguirà, ha peraltro già innescato una marcata ripresa nominale delle quotazioni delle commodities, ed in particolare del Crude Oil, che nell’ultima settimana ha sfiorato nuovamente i 65 dollari al barile. Trattasi tuttavia solo di un’illusione ottica, poiché in termini reali, la rivalutazione è molto più esigua e contenuta, ossia inferiore al 5 % negli ultimi 9 mesi. Non s’intravvede pertanto un serio pericolo inflattivo, e ciò costituisce una garanzia per l’ulteriore prosecuzione di questo anomalo ed interminabile ciclo espansivo dell’economia. Tale assunto trova conferma anche negli andamenti del mercato obbligazionario.

I rendimenti sul bond decennale Usa sono sì lievitati, questa settimana, sino a quota 2,55 %, ma il differenziale con i rendimenti dei bond a due anni resta ancora ampiamente positivo e rassicurante, ossia pari 56 bps. Al riguardo, evidenzio, che, nell’ultimo mese, ossia dal momento dell’approvazione della riforma fiscale, il processo di appiattimento della yield curve Usa si è praticamente arrestato. Molto probabile pertanto che gli Usa, grazie ad essa, riescano a scavallare anche l’anno 2018 senza entrare in recessione. Ed è questo scenario, particolarmente favorevole, ossia una prosecuzione della crescita economica senza inflazione, che oggi scontano i mercati azionari, sia Usa che mondiali. Non meravigliano pertanto i nuovi record che si registrano sia negli Usa che in altri Paesi. Scenario idilliaco, per ora non scalfibile, ma che in prospettiva, come già accennato, potrebbe celare pericolosi contrasti d’interesse fra le più importanti economie del mondo.

Ciò premesso, passo ad esaminare i nuovi dati del COT REPORT settimanale, pubblicati venerdì sera dalla CFTC (Commodity Futures Trading Commission), concernenti i valori aggregati dei Futures e delle Options su tutti gli indici azionari USA, che risultano essere i seguenti:

Commercial Traders : – 67.802
Large Traders : + 45.549
Small Traders : + 22.253

Si conferma, e si assesta, la nuova configurazione del mercato dei derivati azionari Usa. Anche in quest’ultima ottava registriamo, comunque, variazioni molto ingenti nelle posizioni dei diversi operatori, pari a ben 41.380 contratti. In particolare, i Large Traders, sembrano voler decisamente allentare la forte pressione speculativa rialzista delle ultime settimane, cedono infatti l’intero lotto dei 41.380 contratti long, e tornano in una più cauta e morigerata posizione Net Long. Gli Small Traders, invece, ringalluzziti dai recenti guadagni, si mostrano sempre più fiduciosi, acquistano infatti altri 4.774 contratti long, e consolidano la loro recente e nuova posizione Net Long. I Commercial Traders, infine, riacquistano i residui 36.606 contratti long, e riducono a livelli più normali la loro abituale posizione di copertura, Net Short. Le ancora ingenti movimentazioni di quest’ultima ottava sembrano, come detto, voler annunciare una pausa nell’esponenziale trend rialzista dell’ultimo mese. In particolare il mercato sembra aver completamente scontato l’euforia indotta dall’approvazione della riforma fiscale Usa. I Large Traders, infatti, quasi dimezzano la loro esposizione Net Long.

Pausa, ossia rallentamento del ritmo d’ascesa, che non significa però correzione nè tantomeno inizio di un’inversione di trend. Le ragioni, sia macro che micro-economiche, che stanno alla base dell’ingente e prolungato rialzo delle quotazioni azionarie, sono infatti ancora tutte ben vive e vegete. La crescita economica sembra voler ulteriormente proseguire, forse anche aldilà delle precedenti previsioni temporali, inoltre non sembrano intravvedersi imminenti e seri pericoli inflattivi. Gli utili aziendali, di  onseguenza, sono attesi in ulteriore crescita, e ciò garantisce e rassicura circa la tenuta dell’attuale trend rialzista. A mio avviso, nel breve termine, solo un ulteriore indebolimento del dollaro Usa potrebbe turbare la quiete e la serenità dei mercati, ed innescare reazioni e turbolenze tali da favorire, a cascata, anche una correzione delle attuali quotazioni azionarie.

Futuro prossimo si prospetta, quindi, più cauto, ma ancora positivo per i mercati azionari, che cercherò, come sempre, di tradare con il mio originale trading system, fondato sullo sfruttamento e sulla valorizzazione dell’effetto “LONG TERM MOMENTUM“, descritto negli studi e nelle ricerche dei professori Jegadeesh e Titman, ed illustrati nel mio sito http://longtermmomentum.wordpress.com/. In quest’inizio d’anno, il mio portafoglio denominato “ Azioni Italia – LTM “, ha conseguito una performance ampiamente positiva, pari al + 5,74 %. Performance, tuttavia, inferiore a quella realizzata dal Ftse All Share, pari nel contempo al + 6,84 %. Una sotto-performance dell’ 1,10 %, che dimostra che la nostra borsa ha corso ancor più delle nostre, già molto ottimistiche, attese e previsioni. Ma non sarà sempre così, confermiano pertanto l’attesa di una sovra- performance annua pari alla media conseguita negli ultimi 5, ossia pari al 16 %. Ciò detto, questa settimana, in coerenza con l’analisi sopra esposta, muto leggermente l’assetto del mio portafoglio, ossia riduco dall’85 all’80 % le posizioni long ed incremento dal 15 al 20 % le posizioni short, assumendo di conseguenza una posizione Net Long pari al 60 %. Chi desiderasse approfondire e ricevere maggiori informazioni sul mio trading system e sulla composizione del portafoglio “ Azioni Italia – LTM “ può consultare, se vuole, direttamente il mio sito.

Vi ringrazio per la vostra stima e fiducia, ed auguro a TUTTI gli amici di Intermarketandmore buon trading.

Lukas

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
1 commento Commenta
jesselivermore
Scritto il 18 gennaio 2018 at 21:23

+++++ FACCIO SOLO NOTARE CHE IL Ratio of Total Market Cap / US GDP HA superato il record del 2000 +++++ siamo in pieno bull market e lo so, ma sul mercato americano è accaduto ciò, ed è inquientante.
https://www.gurufocus.com/stock-market-valuations.php

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 3 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+