WALL STREET: anno nuovo, tendenza nuova?

Scritto il alle 15:03 da Lukas

wall-street-fear-index

L’ultimo COT REPORT del 2017 sembra proprio voler portare cambiamenti alla configurazione dei mercati. Per carità, non stiamo parlando di inversione ribassista, ma i certo di un progressivo cambiamento nei mercati dei derivati. Un preludio quantomeno ad un indebolimento. [Guest post]

Cari amici, nell’ultima settimana dell’anno, i mercati finanziari internazionali, quasi a voler chiudere ufficialmente un periodo, sembrano cominciare a prefigurare tendenze nuove e diverse rispetto al recente passato. I mutamenti, ancora embrionali, non riguardano tuttavia i mercati azionari, bensi i settori a monte degli stessi. Vedremo nelle prossime settimane se tali accenni di novità troveranno ulteriore seguito e conferma. In tal caso, infatti, gli stessi finirebbero inevitabilmente per contagiare e produrre effetti, non piacevoli, anche sui mercati dell’equity.

Le nuove, ed ancora embrionali, tendenze, sono, come detto, già molto visibili sullo scenario intermarket. Ci riferiamo, in particolare, al progressivo e persistente indebolimento del dollaro index, che anche in quest’ultima ottava storna di un consistente 1,3 %. Nell’ultimo anno lo storno è molto più consistente, ossia pari al -10,3 %. Massiccio deprezzamento del biglietto verde che ha riportato, peraltro, il cambio EURUSD nuovamente a quota 1,20. Livello che comporta molte sofferenze per l’economia europea, già parecchio evidenti sui mercati azionari del Vecchio Continente. La guerra valutaria è peraltro funzionale al recupero di competitività dell’economia Usa voluta fortemente dal presidente Trump. Il pesante deprezzamento del dollaro sta, inoltre, producendo anche un’inversione di trend nel mercato delle commodities. Basti pensare che il petrolio, in quest’ultima ottava, ha nuovamente varcato la quota di 60 dollari al barile. Qualcuno può pensare che ciò sia l’espressione di una prospettiva di maggior crescita economica. Personalmente non lo credo, anche perché i mercati obbligazionari non sembrano avvalorare tale ipotesi. Nell’ultima settimana, infatti, i rendimenti sui bond decennali Usa arretrano di 8 bps, e tornano a quota 2,40 %. E’ significativo che gli stessi non riescono, ormai da molto tempo, a superare la barriera del 2,50 %. Nel frattempo i rendimenti sul biennale Usa sono risaliti sino a quota 1,89 %. Il differenziale si è pertanto progressivamente ridotto, e ciò conferma che il ciclo dell’economia Usa è già in fase molto avanzata di maturazione. Gli incentivi fiscali potranno allungarne un pò la durata, ma non credo che riusciranno ad invertire l’inesorabile processo di appiattimento della yield curve americana. In tale contraddittorio nuovo contesto i mercati azionari Usa, per ora riflettono e rallentano la loro corsa. In particolare, il nostro benchmark azionario mondiale, l’S&P 500, arretra dello 0,36 %, e chiude l’anno a quota di 2.673,61 punti.

Ciò premesso, passo ad esaminare i nuovi dati del COT REPORT settimanale, pubblicati venerdì sera dalla CFTC (Commodity Futures Trading Commission), concernenti i valori aggregati dei Futures e delle Options su tutti gli indici azionari USA, che risultano essere i seguenti:

Commercial Traders : – 72.106
Large Traders : + 59.129
Small Traders : + 12.977

Sembra, dunque, trovar definitiva conferma e forza la nuova configurazione del mercato dei derivati azionari Usa. In quest’ultima ottava registriamo, infatti, variazioni molto ingenti nelle posizioni dei diversi operatori, pari a ben 34.961 contratti. In particolare, i Large Traders, acquistano altri 28.830 contratti long, e quasi raddoppiano l’entità della loro posizione Net Long. Gli Small Traders, sembrano lasciarsi alle spalle ogni timore, acquistano anch’essi altri 6.131 contratti long, consolidando in tal modo la loro nuova posizione Net Long. I Commercial Traders, invece, prendono atto della voracità delle altre 2 categorie di operatori, a cui cedono l’intero lotto dei 34.961 contratti long, ed assumono una marcata ed ingente posizione di copertura, Net Short. Le ingenti movimentazioni di quest’ultima ottava sembrano voler definitivamente archiviare la situazione degli ultimi 2 anni, e consolidare un nuovo e diverso assetto del mercato dei derivati azionari Usa, in linea con quanto di nuovo comincia ad intravvedersi sullo scenario intermarket. Come ho già detto nelle scorse settimane, la nuova configurazione del mercato dei derivati Usa non prefigura ribassi marcati ed imminenti per le quotazioni azionarie. Non assisteremo più, però, al trend unidirezionale e perennemente rialzista degli ultimi 2 anni.

Affrontare il mercato diventerà pertanto più difficile e complesso. In particolare credo che nel primo semestre del nuovo anno il trend rialzista proseguirà, ma con ritmi più moderati ed incerti rispetto al recente passato. Nella seconda parte dell’anno, invece, le condizioni di mercato potrebbero sensibilmente peggiorare e dare inizio, in sintonia con i primi accenni di recessione dell’economia Usa, ad una doverosa, ed ormai attesa, marcata correzione dei valori azionari. Anche l’avverarsi di quest’ultima ipotesi non deve però intimorire gli amici traders, perché si possono conseguire buone performance anche durante marcate fasi correttive. L’importante, infatti, è interpretare bene ciò che accade sui mercati ad assumere posizioni temporalmente coerenti, ossia in trend con gli stessi.

Il futuro prossimo si prospetta, quindi, ancora positivo per i mercati azionari, e cercherò, come sempre, di tradarli con il mio originale trading system, fondato sullo sfruttamento e sulla valorizzazione dell’effetto “LONG TERM MOMENTUM“, descritto negli studi e nelle ricerche dei professori Jegadeesh e Titman, ed illustrati nel mio sito http://longtermmomentum.wordpress.com/. Nel 2017, il mio portafoglio denominato “ Azioni Italia – LTM “, ha conseguito una performance positiva pari al + 12,12 %. Performance positiva, ma inferiore a quella realizzata dal Ftse All Share, pari al + 15,55 %. Una sotto-performance del 3,43 %, non in linea con le nostre attese ed aspettative, ascrivibile molto probabilmente agli effetti distorsivi indotti dai PIR, che ha veicolato molti investimenti sui titoli dell’AIM non contemplati dal nostro portafoglio. Ciò non fa, però, venir meno la fiducia nel nostro approccio operativo, che nei gli ultimi 5 anni ci ha regalato una sovra-performance media annua pari al 16 %. Ciò detto, nella prima settimana del nuovo anno, coerentemente con l’analisi sopra esposta, non muto l’assetto del mio portafoglio costituito dall’85 % di posizioni long e dal 15 % di posizioni short, ossia da una posizione Net Long pari al 70 % del mio portafoglio. Chi desiderasse approfondire e ricevere maggiori informazioni sul mio trading system e sulla composizione del portafoglio “ Azioni Italia – LTM “ può consultare, se vuole, direttamente il mio sito. Vi ringrazio per la vostra stima e fiducia, ed auguro a TUTTI gli amici di Intermarketandmore BUON ANNO e buon trading.

Lukas

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
WALL STREET: anno nuovo, tendenza nuova?, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+