Vola il CDS, Argentina in bilico. Quale influenza sui mercati?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Dopo la bocciatura già anticipata ieri in questo post dedicato, dove la Corte Suprema Usa ha rigettato il ricorso in appello contro gli hedge fund, Standard & Poor’s non si è fatta attendere e sentendo odore di bruciato (ed ovviamente in modo tardivo) ha tagliato il rating di Buenos Aires a CCC-, parlando esplicitamente di nuovo rischio default Argentina.
Rapidamente il mondo prende atto e inizia a vendere copiosamente i bond Argentina. Il risultato che ne consegue è una diminuzione dei prezzi degli stessi ed un rapido innalzamento dei CDS (Credit Default Swap) che in una settimana aumentano il loro valore del 50$

CDS Argentina

La domanda che tutti ora si pongono è la seguente. La chiave di tutto sarà fine giugno dove l’Argentina potrebbe NON pagare delle cedole e quindi, automaticamente andare in default. Cosa comporterà questo per l’economia mondiale?
Certo, l’Argentina resta un cattivo pagatore e ci mancherebbe, ed un eventuale nuovo default Argentina potrebbe non essere così influente. E tutti sono da tempo al corrente del fatto che i dati macro di Buenos Aires sono stati “manomessi” agli occhi della comunità internazionale. Vedi il caso dell’inflazione. Solo ultimamente il governo argentino ha ammesso un’inflazione superiore al 20%. Il peso argentino ormai è libero di fluttuare contro Dollaro e gli effetti sono devastanti, sia per l’economia locale e sia per le casse dello stato che ormai sono a secco.
Ora però l’Argentina deve pagare gli hedge funds che hanno vinto la causa. Pagherà? In linea di massima a loro converrebbe ancora tentare una negoziazione ma sarà durissima. Il rischio default è molto elevato stavolta e non resta molto tempo per poter ragionare grosse alternative (scadenza pagamento 30 giugno).
Quello che temo è che questo potrebbe essere quel famoso “detonatore” o elemento destabilizzante imprevisto che va a rompere certi equilibri e che va a creare degli effetti domino difficilmente controllabili.
Non ci resta che attendere gli eventi, consci di quanto sta accadendo.

UPDATE: TFA Argentina

Con comunicato del 16 giugno, l’Associazione TFA, che tutela gli investitori in titoli argentini, ha confermato l’avvio dell’udienza conclusiva (durata stimata: due settimane) dell’arbitrato contro la Repubblica Argentina.

Quindi anche per i risparmiatori italiani qualcosa potrebbe muoversi, in quanto sta volgendo all’epilogo quell’iniziativa, condotta da oltre 50.000 investitori italiani finalizzata al rimborso dei proprio investimento in Tango Bonds. Certo è che un eventuale esito positivo anche di questa causa, potrebbe dare la mazzata finale all’Argentina che già adesso si trova con l’acqua alla gola.

UPDATE: CDS ad un passo da quota 3000 bp

 

STAY TUNED!

Danilo DT

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

I need you! Sostienici!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Vola il CDS, Argentina in bilico. Quale influenza sui mercati?, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 4)Commenta

  1. gilles27 scrive:

    ….Danilo sei il solito pessimista!
    non guardare i cds o i bond o l’inflazione…
    Guarda la borsa, dal febbraio 2009 ha fatto + 8000%!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    …io voglio andare a vivere là!!!

  2. BUENOS AIRES – L’Argentina ha “vocazione a pagare” ed è escluso “un default del debito già ristrutturato”: lo ha assicurato la presidente Cristina Fernandez de Kirchner, definendo “un’estorsione” l’annuncio della Corte suprema Usa sul fatto che Buenos Aires deve pagare 1,3 miliardi di dollari ai fondi hedge per bond in default.

    In un messaggio registrato a reti unificate, la presidente ha confermato il rispetto della prossima scadenza dei rimborsi, il 30 giugno per 900 milioni di dollari, sottolineando che “la volontà di negoziare del paese è ampiamente dimostrata”, riferendosi così al 92% dei creditori che hanno accolto i concambi del 2005 e del 2010.

    La presidente ha ribadito che il governo porterà avanti “tutte le strategie necessarie affinchè chi ha avuto fiducia nel paese riceva i propri soldi”.

    Dopo aver “confessato” di non essere stata sorpresa dalla decisione della Corte Usa, la presidente ha precisato che quello che l’Argentina affronta “non è un problema finanziario o giuridico, ma significa convalidare un modello di business a scala globale” che potrebbe portare a “tragedie inimmaginabili”. “Vogliamo onorare i debiti, ma – ha concluso – non vogliamo essere complici di questo modo di fare affari”.

    http://www.repubblica.it/esteri/2014/06/17/news/argentina_la_presidente_de_kirchner_contro_gli_usa_un_estorsione_la_richiesta_di_pagare_1_3_miliardi_per_i_fondi_edge-89177262/

    Vero… perchè preoccuparsi! La Kirchner mi ha sempre ispirato fiducia!
    ps: ma la performance è in peso argentini? mica male cmq…

  3. secondo me pagano gli interessi sui bond ristrutturati e mandano a fankiulo gli hedged fund

  4. gilles27 scrive:

    Danilo DT,

    ….SI IN PESOS…
    io ho parenti che vivono là, e tutto sommato mi dicono che non se la passano male.

Lascia un Commento