Tutto sotto le attese: consumi, PIL e lavoro

Scritto il alle 15:19 da mattacchiuz

Giornata ricca di dati e revisioni quella di oggi.

Per cominciare eccovi l’ultimo report del DOL sulle nuove richieste di cassa integrazione.

Rispetto alla settimana del 14 maggio 2011, che ha visto una rilettura di ben 5000 unità ovviamente a rialzo, si è dovuto registrare un incremento destagionalizzato di 10 mila nuove cassaintegrati, mentre la media a quattro settimane ormai si è riportata stabilmente sopra la soglia dei 400 mila, più o meno intelligentemente scelta come limite tra un mercato del lavoro in espansione e uno in contrazione.

Initial Claims (SA) A 424,000 Da 414,000 =+10,000
Initial Claims (NSA) A 371,857 Da 361,573 = +10,284

Della stessa entità anche l’incremento del numero non destagionalizzato.

Come si vede immediatamente dal grafico, la situazione sembra essere stabile ma di certo non normale, sempre che per qualcuno la normalità sia avere un numero di nuovi cassaintegrati superiore del 25% rispetto agli anni migliori. Per fortuna che invece i dati sulla disoccupazione non hanno una correlazione diretta con il numero dei licenziamenti…

Nella settimana del 7 maggio il numero complessivo di cassaintegrati è fortunatamente per il governo sceso di quasi 200 mila disgraziati. Si perché essi in realtà non hanno trovato un lavoro. Si aggirano invece fuori dagli uffici della JPM dove aspettano con dignitosa pazienza che sia il loro turno per ricevere la carta di credito dei food stamp! Comunque, ce ne sono ancora 7 milioni 739 mila 572! Praticamente entro fine dell’anno o nei primi mesi del 2012 si potrebbe verificare la singolare congiuntura che nel paese più ricco del mondo ( … ) ci sia una persona su cinque che campa grazie al cibo che il governo li passa. Le moderne democrazie.

Compatibilmente con i dati della settimana scorsa, quasi tutte positive le indicazioni che provengono direttamente dagli stati. Un minor numero di licenziamenti specialmente nel settore manifatturiero ed edile, ma anche in quello dell’automotive e del vestiario fa ben sperare per il futuro.

Oggi è pure uscita la revisione al PIL del primo trimestre. Revisione che ha deluso le attese di coloro che speravano in una crescita superiore all’1.8%. Rivisti a rialzo i soliti consumi personali e come spesso accaduto negli anni precedenti, gli inventari privati. Tutto resto è andato peggio! Ma si sa, dalla vita non si può avere sia uno S&P 500 in crescita ultrarapida e un’economia in crescita anch’essa!

Per chi invece fosse interessato solo ai profitti, riporto senza troppi commenti la seguente agenzia:

US Q1 CORPORATE PROFITS AFTER TAX -0.9 PCT (CONSENSUS +2.3 PCT), VS Q4 +3.3 PCT (PREV +3.3 PCT)

Evviva!

Sarebbero poi usciti altri dati, ma sono piuttosto noiosi, contradditori e sicuramente inutili se non a dimostrare ancora una volta il fallimento quasi completo delle politiche messe in atto dalla FED e dal governo. Opinione mia… !

Mattacchiuz 

*******************************************

Chiedo scusa al collega Mattacchiuz, ma per evitare un altro post, aggiungo i due grafici in questo suo eccellente (come sempre) articolo.
Del PIL USA (GDP) già vi ha detto il buon Mattacchiuz, e io voglio integrare quanto detto con un grafico sia del dato effettivo che del dato previsto.

Grafico PIL (GDP) USA previsto ed effettivo

…e poi il dato sul Bloomberg Weekly Consumer Index. Tutti i dati sono peggiori delle attese. Ora sono curioso di vedere l’aggiornameneto del CESI Index. E la borsa prima o poi si sveglierà dal torpore?

Bloomberg US Weekly Consumer Comfort Index

STAY TUNED!

DT

Sostieni I&M!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
3 commenti Commenta
m75035
Scritto il 26 maggio 2011 at 17:07

La colpa è delle attese….mica dei dati veri!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 26 maggio 2011 at 17:37

Aaaaaaaaaaaaahhhhhhh :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

absolutebeginner
Scritto il 26 maggio 2011 at 18:37

Signori, mica dobbiamo preoccuparci più di tanto: la ripresa globale “sta acquistando vigore e maggiore autonomia” parola dei sostenitori del signoragGiOTTO.

Comunque visto che la ripresa si presenta più autonoma, vediamo cosa hanno coraggio di fare a fine QEII.
Siete sempre più illuminanti, è un piacere avervi scoperti!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+