Cerca nel Blog

Tracolla il Baltic Dry Index. Cosa sta succedendo?

Scritto il alle 09:00 da Danilo DT

Una nave portacontainer

Uno dei nostri più celebri “leading indicator”, il Baltic Index, inanella una serie di correzioni senza pari nella storia. Ci suggerisce l’arrivo di una correzione sui mercati? E se lo confrontiamo con il CESI…

Qualcosa di strano c’è nell’aria. E non lo dico perché sono pessimista sui mercati. Ormai ci abbiamo fatto tutti il callo, visto che c’è uno scollamento tra finanza ed economia.
Dico che c’è qualcosa di strano perché inizio a vedere sui mercati qualche situaizone strana. Ricorderete che in passato consideravo il Baltic Index come un in indicatore che poteva essere anche usato come un anticipatore. La cosa che mi ha un po’ incuriosito è il crollo verticale del Baltic Dry index negli ultimi giorni. Come ricordato dal sito ZeroHedge, Si tratta di una correzione senza pari come violenza e rapidità, il peggior inizio d’anno della sua storia, un qualcosa come un -18%. E in 15 giorni il collasso è totale visto che la correzione è di ben il 40%. Numeri che, siamo sinceri, non eravamo più abituati a vedere.
Le motivazioni possono essere le più diverse: una diminuzione della merce scambiata, un alto livello delle scorte, un rallentamento globale 8in particolar modo asiatico) alle porte. Ma di tutto questo, oggi, il mercato di cosa tiene conto?

Baltic Dry Index: grafico e confronto con CESI Index G-10

Il confronto è quantomeno preoccupante. Se fino ad oggi la correlazione è stata quanto meno evidente, è altrettanto chiaro che in questo mese il Baltic Dry Index ha fortemente anticipato il nostro indice CESI G-10, che illustra le sorprese economiche delle principali economie mondiali. Il CESI Index oggi registra un “top” a livello di indice. Ci sarebbe l’inversione se progressivamente venissero comunicati dati macroeconomici peggiori delle attese.
In altre parole, oggi tutti sono molto “confident” su economia e crescita.

Il Baltic Index, lui, no. E stranamente il vendutissimo (nel 2013) oro sembra riprendere forza.

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

Buttate un occhio al nuovo network di Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (7 votes cast)
Tracolla il Baltic Dry Index. Cosa sta succedendo?, 8.7 out of 10 based on 7 ratings
Lascia un commento
bergasim

Non succede nulla così come nel 2011 e nel 2012 dove i crolli furono anche superiori
http://stockcharts.com/freecharts/perf.php?$BDI

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 09:40
pinco14

Ha ragione Berga….Cosa volete che succeda? Niente
Il Baltic Index è un indicatore macroeconomico reale e come tale indica la realtà
La finanza ed i mercati sono ormai altra cosa, una bisca legalizzata dove proliferano droghe (monetarie) in abbondanza, che non ha nessuna correlazione con il mondo economico.
Un giorno l’overdose finirà, ma chissà come e chissà quando

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 13:24
ddb

Portatevi l’ombrello, prima o poi pioverà.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 14:32
kry

pinco14@finanza,

Anche tu hai ragione, condivido totalmente il pensiero. Infatti mi ponevo la domanda se il Baltic Dry Index fosse un indicatore economico o un asset finanziario e ti ringrazio di aver risposto al mio quesito.
ddb@finanza,

Non è detto , nel deserto potrebbe servirti per ripararti dal sole.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 15:51

Vero, questo infatti lo sostengo da mò…
attenzione però, la questione qui è legata agli UTILI SOCIETARI.
Le società USA sono ai max storici di utili. Ma cosa succede se arrivano a pioggia revisioni di utili al ribasso? Non dimentichiamo che nello Spoore sono quasi tutte multinazionali (tanto che ormai lo SP500 è un MSCI World mascherato secondo il mio punto di vista…)

ddb@finanza:
Portatevi l’ombrello, prima o poi pioverà.

Certo, gridare sempre “al lupo al lupo” non è produttivo. Infatti io non sto divendo che c’è ORA il lupo ma che arriverà e che dobbiamo essere pronti ad accoglierlo. Nel momento eprò occorre vivere tranquilli e seguire le tendenze.Tutto qui.

:D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 16:13
kry

Danilo DT,

Le società USA sono ai max storici di utili. VERO. …… e di quanta liquidità dispongono ?????

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 17:49

kry@finanza,

‘na valanga!
Ma non investono. Perchè? ;-)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 14 gennaio 2014 at 19:06
Finalmente una grande guida indipendente per i tuoi investimenti

InvestimentoMigliore LOGO

Clicca sul logo e scoprici!

Sostieni IntermarketAndMore

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Seguimi su Libero Mobilesiti Check PageRank
Google+