Tendenze: cambi di rotta nel mare del QE II?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Ho ricevuto questa email dell’amico Paolo41. in particolar modo Paolo41 voleva rispondere al commento apparso sul post sull’ECRI INDEX del mio conterraneo (essendo piemontese come me) Ottofranz.

Qui di seguito troverete sia il commento di Ottofranz e sia l’ottima risposta di Paolo 41.

OTTOFRANZ

Pensierino del weekend.
In una situazione anomala come quella che stiamo vivendo, al di la di tutte le analisi e le valutazioni di tutti voi, sempre puntuali efficienti effficaci e logiche , sto cominciando ad avere in testa un turbinio di idee che comincianno a sovrapporsi aumentando confusione a confusione.
Se resta vero il detto compra sulle voci vendi sui fatti, si potrebbe ad esempio pensare che una volta saputa la destinazione di questo benedetto QE2 i mercati dovrebbero prendersi finalmente una pausa.
Seguendo questo filo del discorso, che niente ha a vedere con le ricerche minuziose di Matta, con i tecnicismi di Gremlin o le analisi intermarket di Dt, mi viene in mente di sottoporvi un pensiero che da un po’ mi sta facendo capolino.
Se qualcuno di voi fosse quelli dei sistemi automatici, i GS o i Bernanke di turno, anzi chiamiamoli semplicemente col nome che gli si attribuisce ormai da tempo su tutti i Blog che cercano i colpevoli, e cioè “LORO”, ecco se voi foste “LORO” cosa fareste ora?
Ammesso e non concesso che si possa dare a questi LORO almeno una collocazione geografica, diciamo USA, direi che in effetti la cosa più temibile per gli USA siano gli americani stessi, e che quindi facciano di tutto per non vedersi collassare tutta una Nazione , tanto più in armi .
Credo che anche questa cosa dei G7 che si riuniscono prima dei G20 vada in questa direzione.
Quindi concludendo, se aveste la bacchetta magica e vorreste tenervi buono il “Popppolo” continuando a fare però i vostri porci comodi, quale sarebbe la mossa che fareste ora?
Che dite, devo farmi vedere da uno bravo?



La risposta di Paolo41

1.QE2

Le borse Usa sono trainate dall’eccesso di liquidità, che, senza se e senza ma, aumenterà con il QE2. C’è sempre meno correlazione fra i dati economici del mercato americano (edilizia che non riprende, foreclosure, disoccupazione, consumi contenuti, PIL in contrazione, etc) e i valori di borsa, dato che le multinazionali hanno delocalizzato produzioni e profitti (su cui non pagano tasse e che utilizzano per continuare la loro espansione fuori dagli USA) in paesi dove hanno agevolazioni finanziarie e fiscali e costi di produzione decisamente più bassi.
Si dà per scontato che le borse seguono i P/E delle aziende ( e le borse europee seguono il trend USA) e non i dati macro economici e/o il continuo incremento del debito nazionale. I tassi, per le aziende che volessero investire in quello che è rimasto “in casa”, sono già bassi così come per chi volesse fare un mutuo per comprar casa, ma le richieste latitano perché ….il cavallo non ha sete. Si tende,quindi, a concludere che quanto il QE1 ha messo a disposizione dell ’economia basta e ne avanza, tanto che la maggior parte viene utilizzato per operazioni di trading da parte delle banche e per speculazioni finanziarie (aggiungerei, anche, per pagarsi lauti bonus). A che serve il QE2, stante così le cose? a favorire nuove speculazioni già partite prima dell’annuncio ufficiale? a svalutare ulteriormente il $? A coprire altre perdite nascoste nelle frange dei bilanci delle banche?
Parentesi: magari la FED ci fa altri profitti, perché avrete senz’altro letto che la FED ha realizzato un ritorno di circa il 38% ( sic dixit bloomberg) dall’acquisto di titoli del tesoro e di obbligazioni tossiche delle banche. Ora le alternative sono due: o le cedole di tali obbligazioni erano stratosferiche o erano state comprate a valori nominali stracciati e, arrivate a scadenza, sono state rimborsate al 100%. Escluderei l’ipotesi che siano tornate sul mercato ufficiale, ma magari vengono trattate sui canali non convenzionali (in questo caso… brava FED!!!).
Comunque c’è qualcosa che non torna, dato che, per aiutare le banche in difficoltà, risultava che la FED avesse comprato tali assets tossici praticamente a valore nominale perché, in illo tempore, non riuscivano a fare prezzo…così come, dopo un’ora, la notizia è sparita da Bloomberg e non sono più riuscito a ritrovarla. Miracoli dell’informazione e chiusa la parentesi.
Non credo, neppure, che in questo caso, sempre parlando del QE2, si possa applicare il detto “compra sulle notizie e vendi sui fatti”, perché, una volta immessa altra liquidità sul mercato, questa da qualche parte (azioni, bond, commodities,etc) deve andare. A meno che la FED non bleffi, propagandando ingenti somme ma nella realtà immettendo limitati quantitativi di liquidità.
Personalmente mi sono fatto l’idea che i bilanci delle banche non siano quelli che vogliono apparire e il QE2 serva anche come ulteriore aiuto al sistema finanziario, come sono altrettanto convinto che faranno di tutto per sostenere la borsa, perché, da un punto di vista del sentiment, risulta uno dei fattori chiave che fa apparire meno fragile la ripresa dell’economia reale.
In quest’ottica, come investitore in euro, vedo meglio le borse europee che, muovendosi in stretta correlazione con le borse americane, hanno il vantaggio di non subire la svalutazione del $.

2.Verso uno scontro valutario?

Se si dovesse giudicare dai risultati del G-20 in Corea, si ricava l’ impressione che ognuno continuerà ad agire indipendentemente e quindi prende più forza l’ipotesi di un QE2 “sostanzioso” che agevoli movimenti di capitali verso i mercati più forti a scapito del $.
Ma è illusorio pensare che si possa ribilanciare il commercio mondiale attraverso schermaglie sui cambi (tanto più che i movimenti di capitali sul forex sono decisamente superiori alle iniziative degli stati sovrani), a meno che tali schermaglie non siano propedeutiche all’introduzione, in un primo momento, di dazi e tasse sulle importazioni e di duro protezionismo in una fase successiva.
Perché questo avvenga sarebbe necessario che il malumore degli americani raggiungesse un livello tale da vincere la forte “lobby” delle multinazionali americane che vivono ormai sul consolidamento della globalizzazione. Probabilità? Meno del 30% per dazi e tasse, meno del 5% per un duro protezionismo.
E fra i protagonisti europei la Germania ha già fatto la voce grossa, dichiarandosi contraria a qualsiasi forma di svalutazione delle monete e criticando la politica del QE americano (a cui si è accodata, naturalmente, anche la voce di Trichet). Addirittura, mentre la maggior parte dei paesi europei sono alla presa con pesanti deficit di bilancio e debiti pregressi, la Merkel sta subendo pressioni affinché siano ridotte le tasse per favorire ulteriori sviluppi dell’economia tedesca, alla faccia del coordinamento richiesto dalla sempre più inutile retorica degli strapagati e altrettanto inutili rappresentanti della EU.
Ricordiamoci che quando esplose la crisi della Grecia e dei Pigs e l’euro andava a rotoli, i teutonici, con la Merkel in testa, erano contrari a qualsiasi forma di finanziamento del debito greco e suggerivano l’uscita dello stato ellenico dalla EU, idea poi fatta superare dalle lobbies bancarie esposte sul debito greco. Detto per inciso anch’io ero fra i sostenitori di abbandonare la Grecia, …purchè anche altri paesi europei uscissero dall’EU o meglio ancora se la Germania se ne fosse andata per conto suo. Ma credo che anche tale eventualità, oltre agli aspetti finanziari, sia condizionata anche da una decisa componente “politica”, perché la Germania isolata e non controllata continua, probabilmente, a fare paura.
Oggi che l’euro ha recuperato e ci sono minori pericoli di inflazione importata e i debiti dei Pigs sono stati nascosti sotto il tappeto (con il contributo anche di quei paesi europei che hanno già difficoltà di bilancio), viene richiesta alla Merkel una riduzione delle tasse!!!!!

3.Dalla deflazione all’inflazione? Se ne comincia a parlare….

Perché no!! D’altra parte una svalutazione del $ potrebbe far lievitare i costi dell’import (innanzitutto petrolio) e, se accompagnati da una attenta e comunque contenuta risalita dei tassi, potrebbe favorire, indirettamente, una (pur modesta) ripresa dei consumi e comunque una svalutazione del debito. Finora Bernie ha dimostrato che è più preoccupato dell’inflazione che della deflazione, benché nelle ultime minute dei meeting FED ha cominciato a parlarne; però siamo sotto elezioni e quindi, per il momento, è assolutamente improbabile che cambi strategia. Se ne riparlerà nel 2011.

In conclusione:

Cosa volete che succeda? Cosa pensate che cambi? Molto probabilmente NIENTE; se non intervengono eventi esogeni (che nessuno, ovviamente, si augura) tutto proseguirà, almeno nel breve-medio, né più ne meno, come ora e noi…. continueremo a fare le nostre solite elucubrazioni mentali. Cosa volete che succeda? Cosa pensate che cambi?

Paolo41

Tutti i diritti riservati ©

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (2 votes cast)
Tendenze: cambi di rotta nel mare del QE II?, 9.0 out of 10 based on 2 ratings

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 17)Commenta

  1. andrea.mensa scrive:

    riuscissi a trovare dati aggiornati di queste grandezze (possibbilmente tabelle o grafici) forse potrei azzardare una ipotesi seria sul QE2.
    M1 dollaro
    Velocità di circolazione dollaro (interna).
    Deficit commerciale USA
    Valore merci importate
    Ritorni investimenti esteri (delocalizzazioni)
    Scadenza titoli USA fino al 31/12/2010

  2. andrea.mensa scrive:

    ps. scusate …. volevo dire :c’è qualcuno ch emi può aiutare a trovarli ?

  3. QUINDI DT DEDUCO DALLE TUE PAROLE, CHE SECONDO TE NON CAMBIERà NIENTE, E SI CONTINUERà AD ANDARE SU ALL’INFINITO.
    ANCHE SE SECONDO ME SE VERAMENTE CI SARA’ IL QE II, LA COSA SAREBBE NEGATIVA PER L’ECONOMIA E IL MERCATO ALMENO ALL’INIZIO NON LA PRENDERà BENE

  4. mattacchiuz scrive:

    M1 dollaro: http://research.stlouisfed.org/fred2/categories/25

    Velocità di circolazione dollaro (interna): che vuol dire interna :-)
    Deficit commerciale USA: http://research.stlouisfed.org/fred2/categories/125
    Valore merci importate: http://research.stlouisfed.org/fred2/categories/125
    Ritorni investimenti esteri (delocalizzazioni): forse nel flow of funds, ma ora nonho tempo di cercare… sono centinaia di tabelle
    Scadenza titoli USA fino al 31/12/2010: forse sul sito del tesoro.

  5. caposci@finanza,

    Ocio che a parlare nel post è Paolo41 e non DT :wink:

  6. mattacchiuz scrive:

    certo che molte delle cose che vengono scritte sul blog dovrebbero essere ben collocate nei libri di educazione civica e di economia. invece, nei primi viene scritto come una classe politica corrotta e sporcacciona ha fatto a renderci schiavi, mentre nei secondi vieni scritto come hanno fatto a renderci poveri!

  7. ottofranz scrive:

    Più banalmente, se ci si aspetta una continuazione del rialzo per il QE2 non è che beccheresti tutti col cerino in mano con una bella discesa magari fino a chiudere il gap rimasto aperto intorno a 1110 di future sp500 , per poi riprendere tutti in contropiede con fuochi d’artificio di fine anno?
    In fin dei conti oggi la borsa non rispecchia più nè un’economia di un Paese, nè l’andamento di un’Azienda. Anzi se una volta sul tram c’erano tanti passeggeri ed un borseggiatore, oggi sullo stesso tram ci sono tutti borseggiatori ed un passeggero. Quindi è una corsa a chi truffa per primo. Salvo poi mandare a ramengo il mondo intero…

  8. caposci@finanza,

    ottofranz,

    tutto può darsi; personalmente assegno poche probabilità ad una ipotesi del genere per il fatto che già controllano le borse e hanno paura che prendano una discesa brusca (1110 è quasi -7%).
    E’ più probabile che tendano ad accumulare, pur con alti e bassi contenuti, ma sempre con trend positivo. Naturalmente le mie considerazioni sono del tutto personali.

  9. battista scrive:

    ottofranz:
    con una bella discesa magari fino a chiudere il gap rimasto aperto intorno a 1110 di future sp500

    credo che ci sia un altro gap a 1050 di indice che sia da chiudere , chiedo conferma ai piu’ esperti

    un saluto a tutti

  10. battista scrive:

    grafico
    battista,

    grafico

  11. battista scrive:

    scusate , non riesco a postare grafico , comunque dovrebbe esserci un gap a 1050 di indice

  12. battista scrive:

    battista,

    ci riprovo

  13. ultimowallace scrive:

    Paolo 41 i miei complimenti…e la conclusione è esattamente il nocciolo della questione.
    Per me però parlo in generale ci facciamo un pò troppe seghe mentali…mi spiego attualmente non ci sono segnali di vendita sui mercati seppur siamo su valori alti rimane corretto valutare possibili inversioni di trend, ma limitiamoci a dire oggi è long, domani vedremo, ricordate comunque che per quanto una persona possa avere conoscenza dei mercati, di AT, Gann etc etc noi rimaniamo sempre il parco buoi, certamente meno parco buoi in quanto utilizziamo strumenti come AT, intermarket, chi Gann chi le analisi cicliche ma noi non prendiamo le decisioni che contano le subiamo….quindi facciamo semplicemente del trend following…..se il trend è long le operazioni maggiori devono essere long e viceversa, si possono anche fare short ma saranno di breve-brevissimo in ogni caso la scelta e l’operatività sono personali…io sono per il trend following e non per anticiparlo, sarà anche per esperienza personale, ma dato che sono piccolo e non un grande lo seguo e basta.
    Anch’io nel mio piccolo cerco sempre di tentare di capire se ci sarà un inversione ma solo per tentare di fa diminuire i miei loss e aumentare i miei gain.
    Non ho la verità in mano, anzi sono un neofita, è solo 1 anno e mezzo che sto in borsa e in maniera molto umile Vi dico che per ora sono più i loss che i gain, ma l’importante è trovare la propria forma di equilibrio, io so che non diventerò ricco grazie alla borsa e di fatti la mia è una passione che porto avanti con il motto di sperare di procacciarmi in borsa una piccola pagnottina al giorno…ma tante pagnottine fanno una grande pagnotta!
    In ogni caso ringrazio tutti Voi per le Vs approfondite analisi macro e micro economiche.
    Salutoni con stima UW

  14. andrea.mensa scrive:

    mattacchiuz,

    dato che dollari ce ne sono anche tanti fuori dagli USA, quelli che mi interessano sono quelli all’interno degli USA.

  15. andrea.mensa scrive:

    ps. scusa , nella fretta ho dimenticato di ringraziarti. quel link vale tanto oro quanto pesa!!!

  16. andrea.mensa scrive:

    @ mattacchiuz
    ho scoperto ora che è una vera miniera di informazioni, cacchio ne avrò per giorni a studiare il tutto….
    comunque ancora grazie !!!

  17. mattacchiuz scrive:

    mamma mia… è tutto on line… :-)

    alla fine i siti fondamentali sono 3:

    la fed, anche se si divide nelle varie fed regionali
    il census.
    il bls.

    poi ci sono tutti i ministeri. io bazzico molto quello dell’agricoltura, ci sono un botto di dati in merito a fame, povertà, alimentazione, etc…. mica posso pubblicare tutto, altrimenti dovrei scrivere 5 o 6 post al giorno! :-)