Cerca nel Blog

Archivi tag: costo del lavoro

Scritto il alle 11:11 da Danilo DT

La moneta unica è nata nel 1999 ma nel 2002 l’Euro nasce come carta moneta. Tra le tante cose che si possono dire, io vi propongo questo fondamentale grafico che confronta il costo del lavoro tra Italia e Germania, in un quadro dove il nostro potere di acquisto non è salito e tantomeno i salari. Solo colpa dell’Euro? Continua a leggere

Scritto il alle 11:11 da Danilo DT

Ormai negli USA siamo in regime di piena occupazione, il tasso inflazione si dirige verso il 2%, il costo del lavoro è in aumento. Quindi è giunta l’ora del tanto discusso rialzo dei tassi? Sembra proprio di si, ma attenzione che potrebbe anche essere l’ultimo per molto tempo. Continua a leggere

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • paolo41 su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su ROBOTICA e FINANZA QUANTITATIVA: ecco chi domina il mercato
  • [email protected] su MERCATI: scatta il take profit con il rischio “impeachment”
  • [email protected] su FLASH: impeachment in Brasile? E il Bovespa va a -10%
  • Danilo DT su BANCHE ITALIANE: elenco degli istituti di credito più solidi (ed in maggiore difficoltà)

Google+