Slovenia, banche in crisi. Primo caso per OMT?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Crisi Slovenia nuovo problema per l’Eurozona?

Sono passati pochi giorni dalle elezioni in Germania e molto probabilmente Frau Merkel, fresca di rielezione, dovrà avere a che fare con un nuovo problema. Non si tratta del terzo salvataggio greco e tantomeno di un nuovo sostegno a Cipro, e nemmeno un nuovo aiuto a Portogallo o alle banche spagnole.
In realtà questo problema lo abbiamo già denunciato nei mesi scorsi, con anticipo rispetto ad altri. Oggi la situazione è ulteriormente perggiorata e va verso ad una difficile situazione. Parliamo della Slovenia.
Proprio da fonti tedesche (Handelsblatt) la BCE potrebbe valutare la necessità di sostenere prossimamente il paese sloveno.
Vittima di una violenta recessione che ha fatto perdere al suo PIL circa il 10%, la Slovenia si trova in grossa difficoltà con la gestione delle sofferenze bancarie, letteralmente schizzate al rialzo. Oggi sono pari a circa il 16% di tutti i prestiti in essere.

Ovviamente la Slovenia non è certo dimensionalmente un paese che richiederà cifre folli per il sostegno. Pesa solo lo 0.4% del PIL, ma ritengo che possa essere un problemino che, nel suo piccolo, possa creare non pochi problemi, di tipo gestionale (diventerà un caso scuola?) e politico.
Secondo i dati della BCE, le banche slovene hanno prestiti in essere pari a € 9 miliardi alle famiglie, e pari a € 19 miliardi in capo a società non finanziarie.
Sono già stati fatti un po’ di conti. La cifra necessaria per il bailout sloveno dovrebbe aggirarsi sui 3 miliardi di Euro.
Da sola, la Slovenia però non ce la può fare. E senza il sostegno BCE, il paese resterebbe strozzato e il suo sistema bancario rischierebbe l’insolvenza.
Interessante vedere il comportamento del CDS della Slovenia.
Questo tipo di contratto ha oggi un valore superiore a quello dei vari PIIGS (Grecia esclusa).

Nuova Cipro all’orizzonte?

Difficile però ritrovarci con una nuova Cipro (Bail-in). Molto più probabile un salvataggio dall’esterno (bailout) ma tutto dipenderà da sentiment, politica, tensioni, accordi, Germania.
Anzi…che sia il primo caso di utilizzo dell’OMT?

STAY TUNED!

DT

Sostenete l’iniziativa. Abbiamo bisogno del Vostro aiuto per continuare questo progetto!


Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (2 votes cast)
Slovenia, banche in crisi. Primo caso per OMT?, 9.0 out of 10 based on 2 ratings

Commenti (n° 4)Commenta

  1. C’è qualche italiano che invece di portare i soldini in svizzera ha preferito la slovenia magari con unicredit? Mi ritorna in mente una canzone: il materasso.

  2. Concordo … credo che la Slovenia sia ad un passo dall’OMT.
    Si potrebbe intravedere una soluzione “cipriota”, ma molto diluita.
    Vedo male i sub bancari.

  3. Lo spread del decennale sul Bund oscilla intorno ai 500 pb.

  4. candlestick scrive:

    il portafoglio di Leap sfida la crisi..

    http://leapfuture.blogspot.it/