Se questa NON è bolla speculativa sul mercato obbligazionario

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Bond High Yield: non esiste premio al rischio finanziario, banale logica ed investire non è più economicamente conveniente. O sbaglio qualcosa?

Ormai il mercato non ha più logiche e corrette ponderazioni del rapporto rischio rendimento. L’esorbitante massa di liquidità che ha inondato il mercato ha praticamente reso tutto estremamente caro, sia per l’equity (su cui però il prezzo degli asset resta sempre discutibile) ma anche per i bond e quindi per il mercato obbligazionario (dove ovviamente c’è un rendimento che non può andare in negativo, teoricamente).
E quando il mercato dei titoli High Yield raggiunge rendimenti così bassi, qualche dubbio ci deve venire.

Il rendimento dei bond non “investment grade” USA (in questa sede ho preso i titoli americani per coerenaz con una certa politica monetaria che conosciamo) i cui emittenti hanno un tasso di fallimento storico intorno al 5% è oggi pari al tasso di fallimento stesso.
Il conteggio da fare sembra complesso ma in realtà è molto semplice.

US High Yield e US Treasury: spread e rendimento

Ipotizziamo che voi investite un capitale di 100.000 Euro in un certo numero di obbligazioni High Yield. Sapete che statisticamente circa il 5% di questi emittenti fallirà. E quindi per semplice matematica, il vostro capitale pari a 100.000 diventerà 95.000. Ma per fortuna questi bond, i 95.000 € hanno un rendimento!
E sicuramente questo rendimento compenserà sia la perdita in conto capitale, sia il rischio che abbiamo sostenuto, sia la volatilità dell’investimento, sia le cedole perdute.
Nossignore.
Oggi questi titoli rendono circa il 5%. Lordo.
Fatevi due conti ed è palese che il RISCHIO di rimetterci dei soldi è quantomeno “normale” in una situazione come quella attuale, visto che NON potrete rientrare dei vostri soldi investiti.

Ora, calandoci nella realtà, come la definireste questa? Una bolla speculativa oppure un mercato interessante?
Ma siccome io non sono nessuno, e sicuramente mi sbaglio, allora diamo voce a qualcun altro. E quel qualcun altro si chiama BlackRock, una delle case più iperbullish che ho avuto modo di sentire dal vivo qualche mese fa a Milano.
Guardate questo loro grafico su bonds di scadenza però superiore.

Questo è quanto è successo fino ad oggi.
Ma il futuro? Come potrà essere con un rendimento dei bonds che oggi è pari al 5%?

Despite concerns about limited potential for price appreciation and skepticism that high-yield bonds would be able to repeat the stellar returns from 2012, the asset class has continued to post strong returns in 2013. Through May 8, the iBoxx Liquid $ High Yield index is up 5.13% year to date; last year, the index was up 5.95% in the same period. The index returned 14.2% in 2012. (Source)

I numeri sono tutti qui sopra. Come detto, se parliamo di equity potremmo consumarci in discorsi lunghissi su crescita, ratio, potenzialità. Ma sui bond funziona diversamente.
Almeno secondo me….

PS: per coloro che diranno.. “Ah, ma il mercato europeo è un’altra cosa”, eccovi la conferma che il mercato europeo non è certo messo meglio…

In Europa è corsa al rendimento

I cacciatori di rendita devono trovare nuovi equilibri sapendo che l’erosione dell’inflazione in questo momento è meno acida, ma che per portare a casa il 3% netto con i titoli di Stato italiani devono spingersi ad investire su scadenze superiori a cinque anni. Ne vale la pena? Ciascuno dovrà fare i conti con il suo profilo di rischio e la composizione del suo attuale portafoglio. Chi ha già comprato i titoli di Stato mesi fa, per esempio, in questo momento probabilmente sta guadagnando in conto capitale, perché alla discesa dei rendimenti corrisponde una rivalutazione delle quotazioni. (Source)

STAY TUNED!

DT

NON PERDERE IL MEETING DI INTERMARKETANDMORE – CLICCA QUI!

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Se questa NON è bolla speculativa sul mercato obbligazionario, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 4)Commenta

  1. anch’io ho rischiato un fettina del mio portafoglio nei HY; confermo i dati. Mi sembra che negli ultimi 45 gg. si siano un po’ fermati….

  2. Articolo molto interessante, ne consiglio la lettura…

    http://www.zerohedge.com/news/2013-05-13/race-door

  3. PORTELLO scrive:

    pinco14@finanza,

    Letto..quindi si potrebbe dire per il futuro…

    Obbligazioni con rendimenti ancora minori…e rischio per alcune di essere ristrutturate…

    Azioni in calo in generale

    Metalli preziosi in crescita

    Oil…(per John Ludd) per un po in calo e tra 1-2 anni in grossa salita

    ricapitolando:

    meglio comprarsi delle obbligazioni 5-10 anni al 3-4% se salgono rendimenti btp adesso
    accumulare oro-argento (anche se su argento ho miei dubbi perche’ credo che sia anche nell’ interesse dei produttori di high tech tenerlo basso)

    ascoltare tanta bella musica

    e iniziare a comprarsi un pezzetto di terra…a proposito sapete se esistono imprese costruttrici che creano progetti residenziali con annesso terreno agricolo, delle piccole comunita’ diciamo..dove si dan terre in gestione a contadini e si puo’ trattenere parte del prodotto? magari in toscana o umbria…sarebbe un sogno…

  4. La cosa ceh la gente deve iniziare a capire è questa.
    Con questo tipo di mercato bisogna fare MOLTA attenzione ed il target NON è il solo guadagno ma la SALVAGUARDIA del capitale.

    @ PORTELLO

    Beh, il buon Marc Faber lo dice da anni… forse è un o’ estremo come discorso ma di certo se il mercato dovesse mai partire con una correzione, ben pochi asset si salverebbero.