Cerca nel Blog

#SCOTEXIT: nuova patata bollente per Londra. E dopo toccherà all’Irlanda

Scritto il alle 14:39 da Danilo DT

brexit-scotexit

E adesso il gioco si fa duro ed interessante. Nei post precedenti (con commenti di sicuro livello che hanno sicuramente basi critiche che non possono essere sottovalutate) abbiamo parlato della Brexit, di quello che comporta e di come la stessa Gran Bretagna sta cominciando a prendere coscienza che, forse, Brexit non è poi così bello e che qualcosa di invasivo potrebbe cambiare sul serio. La prima reazione l’abbiamo vista sulla sterlina, ma non è solo una questione valutaria.

LONDRA (Reuters)  – Unilever e Tesco sono in deciso calo alla Borsa di Londra a causa della guerra sui prezzi scatenata dopo il crollo della sterlina post referendum sul Brexit. I primi effetti negativi della decisione di lasciare la Ue stanno emergendo nei confronti dei consumatori. Il più grande rivenditore retail britannico Tesco ha deciso di ritirare decine di prodotti a brand Unilever dal proprio sito web a seguito di un contenzioso sui prezzi legato alla debolezza della valuta britannica. Unilever ha reso noto di essere sulla strada per centrare gli obiettivi per l’intero anno, ma i risultati sono stati offuscati dalla disputa con Tesco. Unilever ha tentato di aumentare i prezzi su diversi prodotti di circa il 10% a seguito del balzo dei costi delle materie prime importate.

Abbiamo anche parlato di banche ed inflazione. La cosa che vi invito a fare è riprendervi queste analisi CLICCANDO QUI.
La cosa sorprendente è che poi, alla fine, la stessa May, primo ministro che qualcuno ha avuto il coraggio di paragonare alla Thatcher, paragone quantomai improprio per carisma e capacità, non fa altro che dire e contraddire, con uno stato confusionale che mette a nudo una situazione molto difficile. Si stanno rendendo conto della frittata fatta, per certi versi non possono tornare indietro e l’unica cosa che possono fare, ora, è cercare di limitare i danni con degli accordi con Bruxelles il meno restrittivi possibile. Cosa che l’UE, abbastanza irritata dalla Brexit stessa, all’apparenza non è disposta a discutere.

Quindi Londra punta secondo me alla Soft Brexit, l’UE è decisa per l’hard Brexit.
In questo teatrino, poi, spunta quel problema che già avevamo ipotizzato e che si sta manifestando. Signori, non ci sbagliavamo. La Brexit avrebbe scatenato anche in Gran Bretagna dei movimenti populisti che mirano, a questo punto, alla secessione. La prima a venire fuori è la Scozia.  Nuovamente. E fu così che nacque l’hashtag #Scotexit.

La «first minister» Nicola Sturgeon lo aveva promesso e ora lo ha fatto: la Scozia formalizza la minaccia di un secondo referendum dopo quello del 2014 per conquistare l’indipendenza dal Regno Unito. A guidare la carica di Edimburgo è stata oggi proprio Sturgeon, leader degli indipendentisti, che ha annunciato la presentazione entro la settimana prossima di un disegno di legge locale per la convocazione di un secondo referendum dopo quello perduto dal suo partito Snp nel 2014. Si tratta di un primo passo legale attraverso il quale gli scozzesi, che hanno votato in maggioranza per restare nell’Ue, si riserverebbero il diritto di chiedere una nuova consultazione in risposta all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione. (Source

Se la Scozia è arrivata ad avere un 55/45 di risultato in tempi dove non si metteva ancora in dubbio la presenza della Gran Bretagna nella UE, quale sarebbe il risultato oggi? E se vincesse la Scotexit, quali sarebbero le conseguenze. E sopratutto sarebbe fattibile e permessa tanto agilmente da Londra? Altro che Euro-disgregazione. La prima a polverizzarsi potrebbe essere proprio la Gran Bretagna e la sua Union Jack.

making-the-union-jack-data

La Brexit poteva avere effetto anche sul populismo degli altri paesi dell’Eurozona. Intanto però, adesso, ci sarà da divertirsi, anche perchè la Scozia, è noto, non vuole lasciare l’UE. E attenzione, dopo la Scozia sarà il turno dell’Irlanda del Nord che chiederà magari l’annessione all’Eire. Una serie di patate bollenti che manderanno in tilt la May e tutto il suo entourage. A proposito, Farage e Johnson, dopo aver contribuito in modo determinante alla Brexit (anche se l’errore politico più catastrofico lo dobbiamo accollare a Cameron) che fine hanno fatto? Ormai hanno ruoli di ripiego. Hanno buttato il sasso e poi si sono nascosti, perchè hanno capito che alla fine hanno agito CONTRO l’interesse della Gran Bretagna. Lamentiamoci pure dei nostri politici, ma provate a guardarvi intorno e capirete che tutto il mondo è paese.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (7 votes cast)
#SCOTEXIT: nuova patata bollente per Londra. E dopo toccherà all'Irlanda, 8.7 out of 10 based on 7 ratings
Tags: ,   |
6 commenti Commenta
gainhunter
Scritto il 14 ottobre 2016 at 21:40

Domanda: se la svalutazione della sterlina di quest’anno crea così tanti problemi a Tesco/Unilever, perchè nel 2008, anno in cui la svalutazione sia contro EUR che contro USD era stata molto maggiore, non c’erano stati gli stessi problemi?

Danilo, sai che mi stai facendo aumentare la speranza nell’unica via di salvezza? Se mi dici che uno stato che esce dall’UE si smembra, allora ItalExit subito! (Poi se esce anche l’Italia l’UE è finita)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)

andrea4891
Scritto il 14 ottobre 2016 at 22:20

l’economia italiana zoppica nell’euro perchè non possiamo più fare le svalutazioni competitive ?

invece UK importa solo e la svalutazione dell £ è venefica ?

mah, io non capire … forse UK importare solo …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

kry
Scritto il 15 ottobre 2016 at 09:30

an­drea4891@fi­nan­zaon­li­ne,

Immagino sia una provocazione.
Solo la Colombia fa peggio ( con un pil del 10% rispetto a UK )
http://it.tradingeconomics.com/united-kingdom/current-account-to-gdp
e Turchia e Australia non sono vicini con il -4,5%.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

kry
Scritto il 15 ottobre 2016 at 09:35

gai­n­hun­ter,

Te lo ricordi quando ipotizzai la macroregione
MI-MU?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 15 ottobre 2016 at 10:05

andrea4891@finanzaonline,

A volte un eccessivo sbilancio delle partite correnti è più deleterio del vantaggio per un paese importatore di avere una valuta forte.
http://orizzonte48.blogspot.it/2016/02/brexit-delirium-il-fantasma-molto-vivo.html

kry@finanza,

Certo, stavo cercando proprio ieri il tuo commento (ma non l’ho trovato).
Se non ricordo male era proprio in conseguenza dell’eventuale uscita dell’Italia dall’UE. Spero proprio che tu abbia ragione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 17 ottobre 2016 at 20:55

la logica dice che la merkel non si sposterà di un millimetro e che i poteri economici che hanno interesse a mantenere lo status quo non avendo interesse che si realizzi che uscire dall’euro conviene eserciteranno delle pressioni con i mezzi dei quali dispongono, che ovviamente non ho gli strumenti per quantificare, e nemmeno per mettere a fuoco.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • paolo41 su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • Danilo DT su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • Lukas su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected]@finanza su TRENDS 2.0.32: il canto del Galletto
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • [email protected]@finanza su TRENDS 2.0.32: il canto del Galletto
  • Danilo DT su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • 元サーファー su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen

Google+