Rendimenti USA: confronto tra azioni ed obbligazioni

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Economia in rallentamento in tutto il mondo? Vero. Però è anche vero un dato di fatto. A causa della corsa al “safe haven” e al bene rifugio, i titoli governativi considerati “porto sicuro” hanno ormai raggiunto prezzi inimmaginabili.
Facendo un’analisi storica e confrontando il rendimento del T-Note 10yr USA con il dividendo pagato dalle aziende USA quotate, scopriamo che mai in passato così tante società pagano dividendi superiori al rendimento del titolo governativo. Per essere precisi, ben 266 su 500 oggi pagano dividendi maggiori della cedola del T-Note.

Grafico: T-Note yield vs Dividend Yield

Dove sta l’anomalia? T-note troppo cari? Sicuramente.

Azioni troppo a sconto? Diciamo che sarebbero interessante se ci si trovassimo con davanti un potenziale periodo di crescita economica.

Dividendi troppo alti e magari “sporadici”? Molto probabile.

Resta però un dato di fatto. In ambito globale, malgrado tutte le magagne, il listino USA sembrerebbe ancora il più interessante.
Ma non illudiamoci troppo. Anche loro hanno dei bei problemini.
Ad esempio, sapevate che nelle prossime settimane ben 700.000 famiglie perderanno i famosi “food stamps” che li ha sostenuti per mesi e mesi? Cosa accadrà al consumatore USA? (Source)
Ai posteri…

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI

 

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (4 votes cast)
Rendimenti USA: confronto tra azioni ed obbligazioni, 10.0 out of 10 based on 4 ratings

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 6)Commenta

  1. verranno rimpiazzati da 700.000 nuovi percettori di food stamp……..un po come succede nelle statistiche della disoccupazione……quando uno smette di cercare sparisce dal conteggio….. :D

  2. hironibiki scrive:

    So che ha poca attinenza con il post di DT.. Ma una domanda sorge spontanea.. Sta avvenendo anche in Italia lo spostamento di capitali? Leggevo “Emorragia dai conti correnti italiani: spariscono 200 mld “ Sembra che la quota sia addirittura di 250mld a fine dicembre 2011.
    Quindi probabilmente (se così è) la cifra sarà più alta conteggiando il 2012. Vi risulta?

  3. I 700.000 perderanno il sussidio di disoccupazione, è la stessa cosa del food stamp? Grazie.

  4. Specchio,specchio delle mie brame dove sta la bolla più grande del reame? Nei titoli di stato tedeschi. Al di la delle battute che senso ha investire in un titolo di stato dal rendimento = 0 in nome della sicurezza,non è meglio i soldi tenerli liquidi?

  5. anche oggi… un mosaico fatto di sole tessere ROSSE!

  6. qzu@finanza,

    Rosse anche: oro,argento,rame,gas,petrolio e grano. Come l’altra volta verde solo la lama della paura.