RATING: il downgrade Italia avrà effetti a valanga sulle banche italiane

Scritto il alle 15:48 da Danilo DT

Nel post di prima abbiamo parlato della grande sfida che vede di fronte il governo italiano, le agenzie di rating e Unione Europea.
All’interno di questa sfida, come vi ho detto, ci sono quelli che ne pagheranno le conseguenze. In primi i cittadini. Ma non possiamo dimenticare chi invece sta “a metà”, ovvero le banche. Che ne sarà delle banche?
Beh, ovvio. Ce lo dice Fitch…

(…) Fitch avverte che un eventuale declassamento del rating dell’Italia (che nel suo caso verrà eventualmente deciso solo a inizio 2019) avrebbe con ogni probabilità ricadute immediate sui rating delle sei banche che ha messo in outlook negativo, quando a fine agosto ha abbassato l’outlook sul Paese a tripla B dopo la formazione della nuova coalizione di governo e le prospettive di ulteriore allentamento fiscale. Si tratta di Bnl (BBB+), Credem , Intesa Sanpaolo , Mediobanca e Unicredit (tutte tripla B) e Unipol Banca (BB+). Un declassamento del Paese, dice ancora l’agenzia, con le banche molto esposte sui titoli di Stato, renderebbe più tese le condizioni finanziarie, più impegnativi i costi di finanziamento e finirebbe per erodere la redditività. (…) [Source]

Gli effetti collaterali. Ma qualcuno al Governo ha pensato agli effetti collaterali e a come questi si ribalteranno sulla popolazione e sul tessuto economico? Temo di no.
Intanto curioso il fatto che il CDS dell’Italia resta sempre sopra a quello delle banche italiane più importanti. Quindi il mercato oggi vede le stesse più affidabili del rischio governativo Italia, malgrado il fatto che la maggior parte delle banche italiane ha ancora una significativa esposizione al debito sovrano”.
Le ultime news mi danno possibili gli aggiornamenti dei giudizi sull’Italia da parte di S&P il venerdì 26 ottobre e di Moody’s verso il 31 ottobre.

CDS a confronto: Italy vs banks

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.8/10 (6 votes cast)
RATING: il downgrade Italia avrà effetti a valanga sulle banche italiane, 8.8 out of 10 based on 6 ratings
Tags: ,   |
5 commenti Commenta
ben
Scritto il 19 ottobre 2018 at 17:10

Io con Monti ho già pagato. Sono disposto anche ad una guerra ma non voglio più questa feccia.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 11 votes)

Scritto il 19 ottobre 2018 at 23:52

Moody’s declassa l’Italia a Baa3. L’outlook resta stabile e questo lo rende persin meglio del previsto.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pdf79
Scritto il 20 ottobre 2018 at 09:00

Giudizio corretto di uno Stato che per migliorare dovrebbe crescere o ristrutturare il debito o una combinazione delle 2.
Abbiamo avuto l’esempio di ristrutturazione del debito in Grecia all’interno dell’euro e la situazione non è migliorata.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

kociss01
Scritto il 20 ottobre 2018 at 11:03

https://www.huffingtonpost.it/2018/10/19/investitori-esteri-in-fuga-dallitalia-da-maggio-ad-agosto-persi-66-miliardi_a_23565996/?ncid=other_trending_qeesnbnu0l8&utm_campaign=trending

secondo voi quanto tempo puo’ reggere uno stato traballante come il ns ad una situazione cosi’ ?????

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

r.o.i.
Scritto il 20 ottobre 2018 at 16:04

kociss01@finanza,

…bella domanda!
– ipotesi…dipende da quanto saranno disposti i contribuenti-risparmiatori a farsi mettere le mani in tasca per sostituire gli investitori in fuga.-

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+