Quantitative Easing: ma quanto mi sei costato!

Scritto il alle 11:11 da Danilo DT

finanza-quantitativa-hedge-fund-algo-trading

In questo periodo sto vivendo grossi cambiamenti dal punto di vista lavorativo. Il tutto, condito con una situazione familiare un po’ complessa, mi ha impedito di scrivere articoli in modo costante nei giorni scorsi. Cercherò di “riappropriarmi” dei miei strumenti di analisi al fine di ricominciare innanzitutto a studiare i mercati, e poi a scrivere qualche post che possa essere interessante.
Torniamo a parlare di un argomento caro al sottoscritto, ovvero quantitative easing e politica monetaria. Si discute molto di come gestirà Draghi la fine del QE e cosa farà dopo. Ormai mi sono fatto un’idea. Quanto costruito da Draghi è un castello che non può essere smontato facilmente. E soprattutto non può essere smontato senza creare danni importanti al sistema economico e finanziario non solo dell’Eurozona. Senza poi dimenticare che paesi come l’Italia si ritroverebbero con qualche problemino di gestione del debito e degli interessi…

Il tapering arriverà, il rialzo dei tassi di interesse anche. Il fatto è capire quando. E sono convinto che il quando sarà molto remoto, anche perché, coerentemente con la nostra filosofia della “debt deflation”, non si dovrebbero avere importanti impennate inflattive nei prossimi anni.

Poi è palese, Draghi continuerà nei suoi discorsi moderati e criptici, dove si dirà tutto e niente proprio perché non si dovrà mai dire quanto ho scritto sopra. Ma i fatti potrebbero darmi ragione. Lo scopriremo solo vivendo.
Intanto è palese che lo sforzo fatto da Draghi non è da sottovalutare. Un investimento in QE veramente importante che è stato fatto non proprio con vera creazione di denaro permanente, ma resta comunque un esercizio i politica monetaria espansive senza precedenti in Europa. Ed i costo per ogni singolo posto di lavoro creato (non dimentichiamo che il QE aveva come obiettivo originario la crescita economica) è sicuramente importante. Guardate questo grafico.

costo-per-posto-lavoro-qe-banche-centrali
E’ evidente che il costo per singolo lavoratore è stato decisamente maggiore in Europa che negli USA. Motivazioni? Sicuramente un mercato del lavoro più flessibile, in un iclo economico che, rispetto agli altri, è più maturo e con un’economia che è più dinamica. In Europa abbiamo a che fare con il solito problema delle riforme strutturali. Non dimentichiamo mai, infatti, che gli USA avranno tanti difetti, ma almeno sono un vero stato. L’Eurozona sicuramente no. Quindi costi maggiori, benefici minori e problematiche non risolte importanti.
Smontare il QE in modo frettoloso sarebbe quindi, in questo contesto, un errore gravissimo che né Draghi, né chi eventualmente lo succederà, faranno con agilità. La stabilità finanziaria del mercato, innanzitutto. Poi tutto il resto, altrimenti il giochino si rompe e la finanza fa…pluff….

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (4 votes cast)
Quantitative Easing: ma quanto mi sei costato!, 10.0 out of 10 based on 4 ratings
3 commenti Commenta
john_ludd
Scritto il 7 giugno 2017 at 16:03

Il QE della SNB non è stato fatto per creare posti di lavoro ma per (tentare) di tenere sotto controllo il cambio CHF / EUR. Idem per la banca nazionale svedese (in parte). Ma anche per gli svizzeri il problema è lo stesso: una volta iniziato non può più essere interrotto. Almeno gli svizzeri fanno una cosa che dovrebbe far pensare: ricevono valuta estera che non vogliono e la cambiano in CHF creati dal niente su un computer, quindi vendono la valuta estera (per lo più euro) per comprare dollari che impiegano per acquistare azioni Apple, Alphabet, Microsoft etc… Saranno anche sopravvalutate ma la banca svizzera le ha comprate con denaro immaginario.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Scritto il 7 giugno 2017 at 22:56

john_­ludd@fi­nan­za,
Esatto, infatti il QE della SNB non l’ho volutamente citato, loro non hanno bisogno del QE…se non per motivi diversi (come ricordavi tu).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 8 giugno 2017 at 20:26

La creazione di denaro non porta crescita economica perchè:
– se si danno soldi alla classe media, invece di spenderli pagano i debiti
– se si danno soldi alle imprese, invece di assumere investono in tecnologie per ridurre i costi.
– se si danno soldi alle banche, non li prestano perchè mancano buoni debitori e buone prospettive.
[James Kenneth Galbraith]

La creazione di denaro della BCE serviva per contrastare i movimenti finanziari tendenti all’ampliamento dello spread tra i titoli degli stati europei, quindi salvare l’euro, o meglio, comprare tempo affinchè il problema dell’euro fosse risolto dalla politica: Draghi è riuscito in questo obiettivo (previsto dal suo mandato), peccato che il problema di fondo dell’euro sia irrisolvibile.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+