Quantitative easing: correlazioni ed implicazioni tra borsa USA e Titoli di stato

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

a settembre? Vedremo, intanto eccovi un grafico interessante che vi illustra i veri effetti del QE ed in particolar modo quanto poi, nell’effettivo, la politica monetaria espansiva ha condizionato i mercati nella realtà e quanto invece sono state determinanti le aspettative.
Per farla breve, questo grafico per l’ennesima volta va a confermare quell’immagine alternativa che da mesi stiamo cercando di dare alla FED. Ovvero un istituzione che cerca di comandare, muovere, dirigere i mercati ovviamente con un’operatività espansiva, e ci mancherebbe, ma soprattutto con la gestione della COMUNICAZIONE e delle aspettative.

Questo argomento è stato trattato in passato anche con qualche intervento critico (se non erro di Bergasim). Il risultato che ne deriva da questa analisi (in accordo con quanto dal suddetto lettore) è certamente molto interessante.

: implicazioni per equity e bond

In arancio l’andamento dello SP 500. In bianco il rendimento del decennale USA. In giallo gli interventi di politica monetaria espansiva con frecce pari alla durata di ciascun intervento.
Cosa notiamo? Che il mercato obbligazionario NON si è mosso (scendendo coi rendimenti) quando la FED era operativa, ma quando c’era aspettativa e veniva comunicata la strategia prossima ventura. Infatti, quando per esempio siamo partiti con il QE1, i tassi sono schizzati in alto. Invece tutti si sarebbero aspettati l’opposto. Chi invece è veramente figlio del QE è il RALLY del mercato azionario.
Un grafico che conferma tra le altre cose la totale dipendenza del trend rialzista dell’equity dalla politica monetaria.

Ma…ora che si parte col tapering…conviene quindi comprare titoli decennali?
Ovviamente se si guarda questo grafico, si potrebbe dire “E’ un’idea interessante”!
In realtà occorre andarci cauti: innanzitutto non dimentichiamo che si tratta di un’ ”inversione di tendenza” della FED che difficilmente non avrà ripercussione sui bond.

Inoltre…se la FED non sottoscriverà più i titoli di stato USA…chi li comprerà? E se c’è un eccesso di offerta, che fine faranno i tassi del T-Note?
E ovviamente, che fine farà l’azionario?

Tra qualche mese avremo le risposte a tutto. Intanto noi, un’idea , ce la siamo già fatta

STAY TUNED!

DT

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.7/10 (3 votes cast)
Quantitative easing: correlazioni ed implicazioni tra borsa USA e Titoli di stato, 9.7 out of 10 based on 3 ratings
  1. FOMC: Bernanke annuncia la fine del quantitative easing tra 12 mesi
  2. Quantitative easing: ecco le prove che la politica monetaria USA non può funzionare
  3. Anomalie tra borse, spread, Titoli di Stato e Corporate
  4. Link Finanziari: ulteriore quantitative easing in arrivo. E non solo in USA.
  5. FOMC: rischio inflazione, niente quantitative easing

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 13)Commenta

  1. candlestick scrive:

    ciao cari,
    stasera qualcuno sa di cosa parlerà Ben B.?

  2. bergasim scrive:

    candlestick@finanza,

    Di gnocca gratis con il Q4

  3. candlestick scrive:

    però!

    previsioni? gnocca con o senza tanga?

  4. bergasim scrive:

    candlestick@finanza,

    inizialmente con tanga poi con Q5 senza tanga

  5. un Q5 decisamente spudorato… 8O

  6. candlestick scrive:

    :oops: :lol: 8)

    la classe non è acqua!

  7. bergasim scrive:

    candlestick@finanza,

    Attenzione al Q6 è ancora allo studio, ma si parla di scambio di coppia con alieni

  8. candlestick scrive:

    quindi secondo voi euro e borse su?

  9. idleproc scrive:

    Annuncerà che su Marte c’è vita e che hanno trovato il modo di piazzargli un po’ di carta.
    Metodo Ponzi planetario.

  10. Ieri tra le mille cose che leggo, mi è capitata un’analisi interessante in cui si sosteneva che non ha senso per Bernanke uscire dal QE dopo settembre, durante il cambio della guardia alla FED.

    Non è mai successo.

    Per cui settembre è l’ultima occasione per far partire il tapering… altrimenti bisogna aspettare l’insediamento della prossima (opss ho usato il femminile… ) che si insedierà sul trono della banca centrale più importante al mondo (chissà per quanto ancora).

    Però far partire il tapering il prossimo anno vuol dire non alterare la politica monetaria fino ad allora… ovvero lasciarla così (leggi avere le mani legate) indipendentemente dagli eventi e dati economici.
    Mi pare assurdo… per cui è molto probabile, anche per non lasciare il peso alla nuova arrivata (di nuovo il femminile…) di tale scelta.
    Per cui è molto probabile che venga improntata la politica monetaria di uscita dal QE, già a settembre… in modo che poi il pilota automatico faccia tutto il resto durante l cambio della guardia.

  11. bergasim scrive:

    lampo,

    il è proprio l’opposto come comunicare ai mercati contemporaneamente l’inefficacia dei Qe e allo stesso tempo l’impossibilità di farne a memo.