PETROLIO: lo scenario di breve e di medio periodo

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Grafico petrolio a breve long, ma la curva future non promette grossi spazi di rialzo

E’ veramente notevole il dato di ieri sulle scorte di petrolio USA. Un vero e proprio crollo verticale delle scorte di greggio. E’ dal 2002 che non si vedevano livelli così bassi. C’è poco da fare, non dobbiamo ignorare l’evidenza. La cura Bernanke ha tanti punti negativi, ma effettivamente ha stimolato la ripresa. Certo, tutto questo non genera una “vera ripresa economica” in quanto il rally del PIL è legato soprattutto ad incentivi e stimoli statali.

Ma…quando mancherà la benzina, che succederà? Questo al momento lo ignoriamo, o meglio, già lo sappiamo in quanto la crescita non ha basi solide e quindi è destinata a sgonfiarsi. Però è anche vero che non possiamo attendere all’infinito il crollo delle borse. Occorre essere propositivi ed accettare le regole del gioco (quante volte l’ho già ripetuto?).

Il giochino di Bernanke è nato per generare ricchezza “artificiale”. Vedasi anche il sostegno alle borse che, salendo, hanno comunque arricchito Mr Smith, il quale torna a consumare. Ed ecco quindi i dati sul petrolio, una delle conseguenze di questo ragionamento. Scorte scese di circa 10 milioni di barili. Il tutto poi condito dal dato dell’OPEC che decide di non aumentare la produzione. Una manna per i rialzisti.

Curva prezzi future in…contango o backwardation?

Future WTI

Malgrado tutto questo però, c’è una cosa che non mi convince proprio. Come ho fatto giorni fa col rame, oggi col petrolio vi faccio vedere la curva dei prezzi future (bianco), e ve la sovrappongo a quella di 6 mesi fa (verde) e 12 mesi fa (arancio).
Come potete vedere la curva future si è “deteriorata” passando da un deciso e rialzista contango di un anno fa, ad un contango iniziale seguito da backwardation successivo per i giorni attuali.
E’ come se il mercato scommettesse su un rialzo ancora per qualche mese ma poi una fase correttiva in arrivo. La configurazione della curva future secondo me è da tenera in seria considerazione perché ci illustra la posizione e le vere previsioni sul mercato per il futuro.

Grafico Petrolio

Grafico petrolio

Il grafico del petrolio, di per sé, non dà grosso spazio all’immaginazione.
Rotto il livello 100% di Fibonacci ovvero i massimi relativi precedenti, cerchiati in azzurro, ora il grafico petrolio vuole spingersi al rialzo. La rottura del triangolo (giallo) ci porta addirittura a calcolare un target che diventa addirittura un livello chiave di medio periodo, ovvero area 100 $/bar (a dire il vero, il calcolo porta a 102). Inutile dire che le implicazioni intermarket ci suggeriscono un occhio di riguardo, a questo punto, anche a dollaro e equity, vista la grande correlazione tra queste asset class.

Conclusioni

A breve lo scenario per il petrolio è senza dubbio rialzista se si valuta il grafico daily. Ma per il medio periodo la cautela è d’obbligo, e non è una sensazione a dircelo, bensì il mercato stesso.
Ma come sempre, teniamo in considerazione l’intermarket. Infatti togliamoci dalla testa l’idea che il petrolio potrà muoversi in modo autonomo da tutto il resto. Come sempre le correlazioni saranno determinanti. Altrimenti che senso aveva chiamare questo blog intermarketAndmore?

Clicca qui a fianco e Vota questo articolo su Wikio!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
PETROLIO: lo scenario di breve e di medio periodo, 10.0 out of 10 based on 5 ratings

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 5)Commenta

  1. molto interessante la storia del contango, la memorizzo
    petrolio alto fa bene ai paesi produttori e rafforza le diplomazie,
    fa bene anche alle società che estraggono e a BP che si ripaga i debiti del disastro
    fa male al potere d’acquisto del parco buoi
    è come se il parco buoi pagasse i debiti di BP
    un colpo al cerchio e uno alla botte: quando al bove continui a togliere ogni giorno un po’ di biada per abituarlo a smettere di mangiare ma poi capisci che tende a stramazzare invece di abituarsi, allora verrà il momento di far scendere un po’ il petrolio magari con la scusa che ci sarà una primavera più calda del solito, tipo primavera di Praga

  2. gremlin,

    http://intermarketandmore.finanza.com/rame-grafico-curva-forward-e-messaggi-per-il-futuro-20987.html
    Se ti affascina la curva backwardation e il contango, allora butta un occhio a questo post dove secondo me il discorso è ancora più interessante :wink:

  3. ottofranz scrive:

    …alle borse che, salendo, hanno comunque arricchito Mr Smith, il quale torna a consumare

    Ma non costava meno aprire un ufficio nel quale Mr. Smith andava ogni mese a ritirare 2400 $ a scalare di 100 dollari o al mese per 2 anni con la raccomandazione (con pacca sulla spalla incorporata e strizzatina d’occhio)di risparmiare qualcosa ? 8O

  4. DT sono tornato , volevo chiederti una cosa , avresti un ETf italiano o ETC sul petrolio che non risenta del cambio euro dollaro ? o ce ne uno che sale con il salire del petrolio e con il rafforzarsi dell’euro ???

  5. Ma come sei tornato…ma se dovevi partire per le vacanze di Natale!!! eddaiiiii Stacca un po’! Sempre a pensare alla borsa!!! :D