PETROLIO e SHALE OIL: quello che ancora non dicono i bilanci

Scritto il alle 11:11 da Danilo DT

shalo-oil-wall-street

Petrolio sempre sugli scudi, in preda alla volatilità e alle news in arrivo da più fronti. Un giorno l’OPEC, il giorno dopo le quantità estratte, e poi le scorte e così via. Ieri poi ha pesato sul mercato la Mega fusione tra Shell e BG che creerà un colosso petrolifero da circa 270 miliardi di Euro da una parte, e i nuovi massimi produttivi dell’Arabia Saudita dall’altra.

Malgrado tutto, sembra che sul settore stia migliorando il clima ed il sentiment in generale. Probabilmente i minimi del prezzo petrolio sono già stati toccati, soprattutto se guardiamo il petrolio come commodity. Ma possiamo dire altrettanto delle società petrolifere? In realtà occorre dire una cosa molto importante.
Sempre in merito di riserve petrolifere, il mercato non ha ancora scontato la realtà dei fatti. E vi spiego perché.

Come ben sapete, le società estrattive hanno un bilancio che è fortemente correlato all’andamento del prezzo del petrolio. Quindi, con un oro nero molto debole, avremo bilanci molto deboli e rischi di default a catena. Ma per certi versi questi default non si sono ancora visti. Come mai?

Anche se il greggio ha già cominciato dall’estate scorsa una debacle che ha portato il suo prezzo a dimezzarsi, le compagnie petrolifere USA hanno ancora avuto la possibilità di contabilizzare il petrolio a bilancio ad un prezzo irrealistico, il che ha reso gli stessi bilanci quantomeno discutibili ed incoerenti. Il prezzo medio contabilizzato nel quarto trimestre del 2014 è stato pari a 90 $/barile. Fatevi due conti e capirete che forse siamo abbastanza lontani dai 50 dollari /barile fatti registrate ieri sera.

wti-petrolio-chart-grafico

Per carità, nulla di illegale visto che la SEC permette alle società di fare queste valutazioni. Ora però i prezzi devono essere rivisti fortemente al ribasso. Tanto per cominciare, per questo primo trimestre il prezzo medio non potrà superare quota 80 $ circa. Ma ovviamente non ci si ferma qui, perché per i trimestri prossimi, se non cambierà la tendenza ed il petrolio resterà inesorabilmente pizzicato tra i 50 ed i 60 USD al barile, ci ritroveremo con ulteriori e sonori ribassi.

E’ chiaro che il grande problema sono le società che hanno un taglio più “aggressivo”  e conti meno solidi, ovvero quelle dello “Shale oil”. Il motivo è noto. Sono società che raggiungono il break even solo se il petrolio è a ridosso di quotazioni importanti. Guardate questo grafico, è stato fatto quando i petrolio valeva ancora di più. Oggi siamo a 50 $. Quante di queste società USA specialzzate nello shale oil ha la prospettiva di un futuro?

us-shale-oil-società-breakeven

Non dimenticate poi che le società di shale oil sono per la maggior parte delle vere start up indebitatissime che quindi salteranno con una facilità estrema. Nel 2014 sono saltati debiti delle stesse per 45 miliardi di USD. Ora le banche saranno costrette a “stringere” ulteriormente le corde dei finanziamenti proprio per tutelarsi. E stringere quelle corde, per le società di shale oil, significherà rimanere impiccate.

Molte società hanno cercato di approfittare del momento positivo del mercato per rifinanziarsi emettendo nuovi bonds sul mercato o allungare il debito e magari rinegoziare i loro finanziamenti. Ma il quadra sta progressivamente degenerando, il che mette fortemente a rischio il destino di queste società.

Domanda banale ma necessaria: guardando il grafico dell’indice XOI, l’indice che racchiude il mondo energetico USA che conta, sta scontando tutto questo?

xoi-amex-oil

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
PETROLIO e SHALE OIL: quello che ancora non dicono i bilanci, 10.0 out of 10 based on 1 rating
2 commenti Commenta
kry
Scritto il 9 aprile 2015 at 11:31

Secondo me sullo shale oil si sta mettendo il gatto nel sacco prima del previsto. Quello che conta ( al momento ) sono i numeri. Stanno producendo quantitativi record con il 40% inferiore di numero di pozzi , che significa che non investo e consegno il doppio di petrolio a 50$ come prima che era a 100$. Vediamo quanto dura il gioco che se usiamo i parametri FED sarà ancora a lungo. Sarebbe interessante conoscere le nuove riserve ” ufficiali ” con le nuove tecniche d’estrazione che sembrerebbero meno costose quindi più profittevoli. Dai John delucidaci.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 9 aprile 2015 at 12:38

NELLE PATRIE GALERE NE DOVREBBERO FINIRE PARECCHIE DI PERSONE IN QUESTO PAESE !CI FOSSE QUALCUNO CHE SCOPERCHIA QUESTA PENTOLA MALEDETTA DEL PREZZO ALLE POMPE ???? OPPURE IL PETROLIO NON è IL SOLO CHE PRODUCE I DERIVATI DISTILLATI ???? MEDITATE GENTE MEDITATE !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+