Outlook 2011: Europa vincente coi price earning

Scritto il alle 15:30 da Danilo DT

Ormai sui vari siti si sta iniziando la campagna dei “forecast” e dei price earning, ovvero delle previsioni per l’anno prossimo coi rispettivi outlook 2011.
Gli analisti giocano a fare le previsioni in un momento storico economico di grande difficoltà, dove l’unica certezza è che ci sarà incertezza.
In molti non lo dicono, ma ho avuto modo di notare per la maggior parte dei vari “guru” una certa preoccupazione sul da farsi per l’anno a venire. Detto in parole povere, ci si domanda quali saranno le asset class che sapranno realmente esprimere del valore nei portafogli.

Mercato dei bonds in bolla speculativa? Rischio inflazione e forte frenata dei pesi emergenti? Commodity irrazionalmente care? Oro a rischio crollo? E le borse?

Rispondere in modo esatto a queste domande non è solo difficile, ma è francamente impossibile. E chi, a fine 2011, avrà azzeccato pienamente tutte le scommesse fatte ad inizio anno, non merita un premio come miglior gestore, ma una menzione come portafortuna ideale, visto che secondo me sarà dotato di una dose ineguagliabile di fattore “C”.

Lasciando a parte questi inutili discorsi andiamo al dunque. Ho provato a buttare un occhio a molti grafici, analisi, studi, e alla fine credo che in una sola slide ci sia tutto quanto ci serve per fare delle valutazioni generiche ma non superficiali.
Qui sotto trovate una slide con le principale borse mondiali. Oltre al valore del’indice, trovate i vari price earning: quello del 2009, del 2010 e 2011. Agli occhi salta subito fuori un’importante notizia. Le borse dell’area euro sono in assolute le “meno care”.

Price earning borse ed indici azionari mondiali

price-earning-mercati-globali (clicca per ingrandire)

Ovviamente non mi riferisco tanto al price earning 2009 che rappresenta la storia (e che non interessa al mercato) e tanto meno al price earning atteso per il 2010 (che ormai è storia pure lui), ma soprattutto al price earning atteso per il 2011. Certo, siamo d’accordo che sono previsioni, ma certo è che i mercato europeo, in questo momento rappresenta la piazza azionaria più a sconto, secondo la previsione media degli anal-isti. Ma non parliano nemmeno di Grecia, (che tra l’altro ha un P/E sopra i 10) ma asoprattutto dell’Eurostoxx50, un listino con le 50 big company dell’Area Euro, aziende multinazionali e, ahimè, anche diverse banche che ne fanno aumentare i rischi in ambito di crisi Euro . Altrettanto ottimo il price earning di Londra, oggi a 10.31.

Invece, se presi a paragone, USA ed emergenti risultano persino cari.

Morale: le magnagne dell’Eurozona stanno condizionando in modo determinante anche la performance dei mercati. Facciamo molta attenzione, che non si esclude un fatto quasi assurdo ed impensabile. I paesi emergenti per il 2011 potrebbero essere proprio quelli europei. Crisi Euro permettendo, of course…

Clicca qui a fianco e Vota questo articolo su Wikio!

STAY TUNED!

DT

Tutti I diritti riservati ©
Grafici e dati elaborati da Intermarket&more sulla database Bloomberg

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M!
Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI!

Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.3/10 (3 votes cast)
Outlook 2011: Europa vincente coi price earning, 7.3 out of 10 based on 3 ratings
10 commenti Commenta
daino
Scritto il 15 dicembre 2010 at 16:27

sciabadu!La verità la conosciamo: il futuro è imprevedibile e davanti alla morte saremo soli. Quindi una volta ascoltato il parere di molti e ponderato in base alla stima che abbiamo di loro, non ci resta altro che tirare fuori il coniglio dal nostro cappello e sperare che non sia un coccodrillo.
Per il 2011 io mi voglio coprire dal rischio sul debito europeo e da questo parto per la costruzione dei miei portafogli:
20% volatilità (volatility euro equities – credit agricole)
15% flessibili (carmignac patrimoine)
10% azionario materie prime e agricoltura (e un po’ di tech)
10% pac da monetario a azionario emergente (scadenza metà 2012)
10% oro o dollaro (ora dollaro)
20% obbligazionario paese emergenti (franklin templeton global bond e schroders emerging market abs ret debt e pictet local emrging market e black rock local short duration)
10% global inflation linked (fidelity)
5% bond high yield usa (pictet)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

nervifrank
Scritto il 15 dicembre 2010 at 16:52

Grazie Dream, è proprio il post che avevo invocato!
Inutile dire che il mio frigo lo accoglierà volentieri.
:D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 15 dicembre 2010 at 18:37

A breve nuovo numero di TRENDS.
Grazie all’intermarket, un momento che sembra di estrema noia e piattezza, a tinte fosche, assume ben altri colori!
:mrgreen:

A dopo, entro in sala di registrazione!

DT

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

michele pancher
Scritto il 15 dicembre 2010 at 18:49

Mi scuso Sig.Daino cosa significa “oro o dollaro” ? se mi posso pemettere mi sembra una posizione in antitesi …

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lucianom
Scritto il 15 dicembre 2010 at 19:04

daino,

Davvero grazie della consulenza .

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 15 dicembre 2010 at 19:18

michele pancher@finanza,

esatto, sono in antitesi. Uso uno a l’altro a seconda di quello che mi convince di più; ora il dollaro, magari fra tre mesi l’oro

lucianom,

prego, il blog nasce per questo, condivisione. Spero che altri colleghi diano la loro….non è che li “ascolto”, ma li ascolto, senza virgolette, volentieri. Ad esempio il Carmignac sicuramente dovuto all’influenza di qualcuno (non mi ricordo chi), Usa high yield è tutto made in Dream, lo short duration sugli emergenti è di Bergasim

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 15 dicembre 2010 at 19:35

daino,

un po’ di short duration sugli emergenti però è anche un di paternità mia, visto che ho i portafogli che puntano in modo evidente su questa asset class… :mrgreen: Ma non importa , anzi , complimenti a te e a Bergasim e a tutti gli altri. Dici bene, condivisione e se riesco domani facciu uscire il post OUTLOOK 2011…
:D

michele pancher@finanza,

Ehilà ! Ma allora ci sei ancora! :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

michele pancher
Scritto il 15 dicembre 2010 at 20:50

Dream Theater,

ciao dream..sono stato a leggermi la mifid :D:D..personaggio rilevante e cazzate varie…. :lol::lol:…ora posso riparlare :lol::lol:credo capirai :D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

michele pancher
Scritto il 15 dicembre 2010 at 21:16

daino,

Perchè non utilizzare qualche etf?
Amundi propone etf short su euro govies su tratti diversi della curva 3,5 -5,7 etc..e poi ci sono belli come il sole gli etf short su bund…se non si vuole usare il future…
Più che all’asset class azionaria,sono ptf core sul rialzo rendimenti :D:D
P.s.
Come le ripaghiamo le scadenze dell’italico debito il prox anno? :D:D

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

daino
Scritto il 16 dicembre 2010 at 10:21

michele pancher@finanza,

quello non è il mio portafoglio ma quello dei miei clienti (quantomeno quello della maggior parte, poi ci sono quelli con più bassa propensione al rischio e lì è un bel casino) e siccome gli etf non mi pagano mentre i fondi si e lavorare a gratis non si lavora….. :P

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+