Cerca nel Blog

OK all’Europa a DUE velocità. Intanto Crollano gli Ordini manifatturieri in Germania

Scritto il alle 08:33 da Danilo DT

Mi ha fato sorridere ritrovarmi stamattina il dato sugli ordini manifatturieri tedeschi di gennaio, usciti quasi in concomitanza con l’incontro di Versailles dove i quattro crociati che difendono la crescita economica di Italia, Francia, Spagna e Germania concordano sulla necessità di continuare “la costruzione europea” e di “avere il coraggio di accettare che alcuni Paesi possano andare avanti più rapidamente di altri”.

A Versailles prende forma l’Europa “a due velocità”, che trova la sua rappresentazione nella foto di famiglia del summit. Nella Reggia alle porte di Parigi si sono riuniti oggi il presidente francese Francois Hollande, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier spagnolo Mariano Rajoy. In sostanza i quattro Paesi rimasti a difendere il progetto dell’Unione, sempre più scricchiolante, hanno sentito la necessità di mostrare coesione, a pochi giorni dalla cerimonia per i 60 anni dei Trattati, in programma a Roma il prossimo 25 marzo.E l’idea di un assetto diverso dell’Ue, a geometrie variabili, con alcuni Paesi nel gruppo di testa e altri che procedano più lentamente, è stato messo ufficialmente sul tavolo. (Source)

Non è casuale che queste parole arrivino proprio in questo momento storico. Tutti i paesi sono pienamente concordi sul fatto che bisogna trovare soluzioni. Qualsiasi tipo di soluzione ma qualcosa occorre fare. E allora si sono inventati questa doppia Europa.

(…) In un “contesto con molte incertezze”, secondo Hollande, bisogna ripartire dal principio che “unità non è uniformità” e che serve una “nuova forma di cooperazione, una cooperazione differenziata, con Paesi che possano andare più veloci” anche se è “molto importante mostrare la solidarietà a 27″. Sulla stessa linea anche Merkel, secondo cui “dobbiamo avere il coraggio di accettare che alcuni Paesi possano andare avanti più rapidamente“, con “cooperazioni differenziate aperte a chi è più indietro”. (…)

Già ci sono difficoltà adesso, immaginiamoci dopo. Già adesso ci sono spaccature, non oso immaginare cosa accadrà quando i paesi più forti si sentono AUTORIZZATI ad essere privilegiati. Perchè questo è successo. Io, Germania, ho la benedizione da parte degli altri paesi ad essere più leader e più forte e quindi ad avere l’autostrada, evitando le problematiche da “effetto domino” dei piccoli. Non male. Uno schema “win-win” dove alla fine che ci rimette la Germania? Anzi, tutto questo è eccellente propaganda politica, in un momento dove TUTTI i 4 leadres sono fortemente deboli nei rispettivi paesi.

(…) C’è bisogno di una Europa sociale, che guardi alla crescita e agli investimenti, in cui chi rimane indietro non consideri l’Ue la fonte delle proprie difficoltà ma la possibile risposta”, ha detto Gentiloni, secondo cui la bussola devono essere “i bisogni, gli interessi, i sentimenti dei popoli europei” (…) Certo, poi, soprattutto in materia economica, le posizioni sono ancora differenziate, più di quanto non appaiano nella conferenza stampa. E le difficoltà sono acuite dalle tante scadenze elettorali, a partire dalle presidenziali francesi. Ma i quattro leader sembrano consapevoli di essere a un passo dal punto di non ritorno. “I nostri Paesi, i 27 Paesi, – ha concluso Gentiloni – devono fare delle scelte, perchè senza fare scelte rischiamo di mettere in difficoltà il futuro stesso del progetto europeo”.

Certo…in materia economica le posizione sono ancora distanti. Ma tu guarda, classico minestrone propagandistico che non cambierà un bel niente sui temi che contano.
Intanto però per la Germania la mattina si apre con qualcosa che invece conta.

Ordini di Gennaio nel settore manifattura a -7.4%, con ordini interni a -10.5% ed esteri a -4.9%. Le attese erano si negative, ma molto diverse…

ordini germania attese

Sembra proprio che la Germania abbia voluto lanciare dei segnali in un momento di difficoltà. Sarà un caso?

germany-manufacturing-orders

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.3/10 (3 votes cast)
OK all'Europa a DUE velocità. Intanto Crollano gli Ordini manifatturieri in Germania, 9.3 out of 10 based on 3 ratings
Tags:   |
1 commento Commenta
paolo41
Scritto il 8 marzo 2017 at 08:36

Credo che ci siano anche altri scheletri nel tank teutonico !!!!!! Due parole sul debito tedesco. Diverse fonti come Handelsblatt confermano quanto si sospettava e cioè che il “vero” debito pubblico teutonico dovrebbe essere di gran lungo superiore a quanto “ufficialmente” dichiarato. Nonostante Maastricht richiedesse una omogeneità nella stesura dei dati patrimoniali delle singole nazioni aderenti all’EU, Schauble è sempre andato per conto suo ( caso analogo vale per il non rispetto della bilancia commerciale). Fonti autorevoli come il Centro Studi Economici Tedesco (peraltro consulente della Merkel) sono perfettamente a conoscenza che le spese pubbliche per pensioni e servizi sociali non sono riportate nel debito “ufficiale” così come molti dei debiti in carico ai lander o alle banche locali dei vari lander molte delle quali sono o partecipate o a diretto controllo da parte di Weidmann. C’è chi stima che il “vero” debito si aggiri su € 4500/5000 MLD. Ad essere onesti penso che anche quello ufficiale italiano non sia omnicomprensivo dei vari debiti e, da quello che si legge sui giornali economici, pur avendo una percentuale di derivati inferiore a quelle di altri paesi europei quelli in pancia al nostro Tesoro generano perdite sostanziose tutti gli anni….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • 元サーファー su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • paolo41 su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • Danilo DT su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi
  • [email protected] su TRUMPONOMICS alle prese con gli ESAMI decisivi

Google+