MPS: semplicemente vergognoso!

Scritto il alle 07:59 da Danilo DT

Quando si parla di Monte dei Paschi inizio a trovarmi in difficoltà. La più vecchia banca del mondo, datata 1472, distrutta dalla mala gestione e dalla politica, all’interno di un circolo vizioso da cui proprio non se ne esce…
Facciamo così, vi propongo integralmente l’articolo di Davide Vecchi, apparso su “Il Fatto Quotidiano” e lascio giudicare a voi.
Io, personalmente, ho esaurito qualsiasi tipo di valutazione. Non mi resta che lo sconcerto…

Mps, responsabilità dei vertici: no del Tesoro al risarcimento

Mentre diceva sì allo stipendio dell’ad Viola, il ministero respingeva la richiesta di un azionista: “Bilanci falsi, con questo voto capiremo da che parte sta il governo”

Un’azione di responsabilità contro i nuovi vertici di Monte dei Paschi di Siena. È stata proposta nel corso dell’ultima assemblea dei soci, lo scorso 14 aprile. Il ministero del Tesoro, in quel frangente azionista al 4,02% di Mps, espresse voto contrario. Lo stesso ministero, durante la medesima assemblea, approvò invece la relazione di remunerazione del passato management e del direttore generale Fabrizio Viola.

La semestrale di MPS

Grafico: La semestrale di MPS

La circostanza emerge dalla corposa relazione conclusiva della Commissione di inchiesta su Mps istituita in Regione Toscana dopo quasi due anni di lavoro. Tra le oltre cento audizioni compiute c’è quella di Giuseppe Bivona, ingegnere ed ex banchiere della City di Londra, che ha ricordato quanto accaduto all’assemblea di aprile. Fu lo stesso Bivona, presente per delega di Bluebell partners Ltd, insieme all’avvocato Paolo Emilio Falaschi, a prendere la parola davanti ai soci e a proporre l’azione di responsabilità contro Alessandro Profumo e Fabrizio Viola. In quella sede Bivona prese la parola per ricostruire lo stato in cui versa Mps.

Tutto iniziò da qui...

Tutto iniziò da qui…

E, dopo aver ricordato i Monti bond, gli aumenti di capitale bruciati in pochi mesi, il crollo del valore del titolo, il ruolo della Procura, il fatto che Viola abbia “scoperto” dell’esistenza dei derivati camuffati da titoli di Stato solo dalla magistratura. Insomma, dopo aver fotografato il drammatico stato dell’arte di Rocca Salimbeni, chiede di mettere ai voti l’azione di responsabilità. “Capiremo da che parte sta il governo. Noi oggi documenteremo se il governo è disposto ad accettare che una banca possa falsificare i bilanci, presentare bilanci non conformi sistematicamente, sulla base di come deciderà di votare sull’azione di responsabilità: votandola, votando contro o astenendosi. Noi capiremo perfettamente qual è il ruolo del governo in questa vicenda”. L’esecutivo ha votato contro.
Secondo Bivona, i vertici sono responsabili di aver, tra l’altro, fatto contabilizzare alla banca “derivati come titoli di Stato” e aver presentato “tutti i bilanci 2012, 2013, 2014 e la semestrale al 30 giugno 2015, falsi”. Ancora. “Noi soci abbiamo speso 8 miliardi in aumenti di capitale”, “la banca ha reso dichiarazioni non conformi e false in merito alla procedura degli aiuti di Stato, al governo e al Parlamento”. Infatti, “ha detto che servivano per ripianare un deficit di capitale che era costituito da minusvalenze sul portafoglio titoli. Peccato che quelle due operazioni di titoli, che hanno contribuito al deficit per 2,2 miliardi, sono derivati, quindi al governo e al Parlamento, non solo a noi soci, sono state date rappresentazioni false”. Insomma, la responsabilità di Profumo e Viola sulla drammatica situazione della banca era evidente. È dal 2012 che Bivona solleva dubbi – presentando relazioni ed esposti – sui conti e sulle operazioni dubbie di Mps. Per lo più inascoltato. E così anche ad aprile scorso. Adesso, alcuni soci, hanno denunciato la banca in sede civile con richieste danni. La notizia è stata rivelata pochi giorni fa riportando la relazione semestrale di Rocca Salimbeni.

conti-derivati-mps-crollo-borsa

Alcuni soci – a partire dall’argentino Fintech Advisory – hanno diluito la loro presenza a seguito delle forti perdite registrata da Mps. E ne chiedono conto ai vertici. Al momento, le richieste danni ammontano a 283 milioni. In particolare Coop Centro Italia, socio per anni con il 2% circa della banca, ha citato il Monte, per gli aumenti di capitale da 5 miliardi nel 2008, da 2 miliardi del 2011 e, infine, quello da altri 5 miliardi del 2014. Per quest’ultimo è citata anche la Consob per le attestazioni dei derivati Alexandria e Santorini spacciate per titoli di Stato quando invece erano derivati. Sostanzialmente quello che sosteneva Bivona, ad aprile, inascoltato.

Ora il Tesoro è diventato azionista di maggioranza della banca e sarà il tribunale di Firenze a fare ciò che i soci hanno preferito evitare. Per ora le richieste danni sono solamente due. Non è escluso che a breve, considerato anche la costante situazione di difficoltà di Rocca Salimbeni, non se ne aggiungano altre.

di Davide Vecchi | (Il Fatto Quotidiano) 

Tranquilli, tutti la faranno franca come sempre. E la notizia di oggi su Viola e Profumo non mi fa certo urlare al miracolo in quanto so già come andrà a finire.

Anche i banchieri arrivati al Montepaschi nel 2012 per curare i guasti della gestione Mussari-Vigni, cioè l’amministratore delegato Fabrizio Viola e l’ex presidente Alessandro Profumo (ha lasciato nel 2015), sono stati indagati dalla Procura di Siena — che a luglio ha girato le carte a Milano per competenza territoriale — per falso in bilancio e manipolazione del mercato, per i periodi 2011-2014. L’inchiesta, aperta dopo esposti di singoli azionisti e associazioni di soci, riguarda l’operazione Alexandria, realizzata nel 2009 con la giapponese Nomura per coprire perdite a bilancio. (CdS)

Ovviamente tutti sono innocenti…

19 agosto (Reuters) – Banca Monte Dei Paschi Di Siena Spa

* In riferimento alla notizia che l’AD Fabrizio Viola e l’ex-presidente di Mps, Alessandro Profumo, sono sotto inchiesta la banca “ribadisce con forza la piena correttezza del proprio operato, e confida con piena serenità che l’attività della magistratura, con la quale la nuova dirigenza ha peraltro sempre collaborato in quattro anni, contribuendo fattivamente alle inchieste in corso, porterà ad un rapido e tranquillizzante chiarimento della situazione”.

* Ieri Reuters ha scritto che Viola e Profumo sono indagati dalla procura di Siena per falso in bilancio e manipolazione del mercato nell’ambito di un’inchiesta che ipotizza una rappresentazione non corretta dei derivati Alexandria e Santorini nei bilanci dal 2011 al 2014.

* All’inizio di luglio i pubblici ministeri senesi hanno inviato il fascicolo alla procura di Milano, territorialmente competente per il reato più grave tra quelli ipotizzati, la manipolazione del mercato.

 

Ormai mi resta in bocca quel senso di amarezza che mi disgusta anche perchè ormai la frittata, su più fronti, è fatte e quindi cercare di raccogliere i cocci non è cosa semplice, sopratutto poi quando ormai certe cose sono state polverizzare e quindi non sono nemmeno rattoppabili. Ma sia ben chiaro, Monte dei Paschi è solo una delle tante storie italiane che potremmo raccontare…

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (12 votes cast)
MPS: semplicemente vergognoso!, 9.0 out of 10 based on 12 ratings
Tags:   |
3 commenti Commenta
nimbro
Scritto il 19 agosto 2016 at 10:15

Poverini!!! Che colpa hanno Viola e Profumo nell’aver “trovato” in cassaforte i documenti relativi alle operazioni Santorini ed Alexandria!!!!
Diventa sempre più scandaloso e vergognoso.
Mi sembra che un signore che si chiama Maddoff sia in carcere e ci resti per il resto dei suoi giorni.
Non voglio condannare nessuno ma un minimo di responsabilità in capo a coloro che hanno creato questi disastri non sarebbe poi così sbagliato.
Auguriamoci che una quota parte degli NPL non finisca nei portafogli delle casse previdenziali a garantirci le nostre future pensioni.
Allegria la giornata è bella ed è appena passato Ferragosto!!!
Me

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 2 votes)

albertopletti@gmail.com
Scritto il 19 agosto 2016 at 11:55

Molte volte gli italiani si lamentano per i troppi immigrati. Facciamo così: espelliamo tutti gli italiani disonesti e teniamo gli immigrati onesti!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 6 votes)

aorlansky60
Scritto il 23 agosto 2016 at 10:08

non c’è nulla di peggio (nel senso di violentemente auto-purgativa) e di patetico di una lettura CRITICA REVISIONISTA quando operata dalla politica di sinistra,

nel caso specifico di MPS,

dove la Commissione di Inchiesta del Consiglio Regionale pd nominata a far luce sulle ombre della banca senese (ombre dalle quali passa pure un cadavere, quello di David Rossi funzionario di alto livello dell’istituto, suicidio o omicidio non si sà ancora bene…) tuona nella sua relazione conclusiva :

“La catastrofe Monte dei Paschi ha molti responsabili: il management che ha guidato la Banca negli anni passati, gli organi di vigilanza bancaria, (Consob e Bankitalia ndr) la “senesità” abbarbicata sulla conservazione del 51% di azionariato, ma anche la Regione e soprattutto la politica e il Pd, locale e nazionale; se la politica ha avuto responsabilità a vario titolo nella vicenda MPS, il Partito Democratico ed i partiti alla sua origine Pci-Pds-Ds e Ulivo che hanno governato la città ininterrottamente da molti decenni, ne hanno avute in misura molto maggiore rispetto agli altri partiti politici”. – cit. pag 92 dalla relazione finale della Commissione di Inchiesta del Consiglio Regionale;

praticamente la sinistra che attacca la sinistra, cioè il pd che disconosce Pci-Pds-Ds e Ulivo cercando di prenderne le distanze…

A rincarare la dose un altro uomo di sinistra, Vittorio Mazzoni della Stella, ex-presidente e vicepresidente del Monte dei Paschi e sindaco della città dal 1983 al 1990 che ieri ha dichiarato : E’ una tragedia della ditta. E’ colpa del Pci-Pds-Ds e Ulivo sottolineando che “gli altri partiti politici in passato hanno avuto per lo più solo ruoli marginali.

La catastrofe Monte dei Paschi di Siena ?? …andate a chiedere a chi ha governato la città e la banca negli ultimi 20anni, lo dice e lo consiglia la stessa sinistra… da ridere… se no ci fosse DA PIANGERE!…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+