Mercati deboli e volatili ma in Italia al momento non è panico

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Italian Risk Index e andamento . Solo volatilità sul mercato ma nulla di più. Invece lo spread sul Bonos aumenta.

Mercati nuovamente in tensione, soprattutto in Italia. La nostra borsa sottoperforma gli altri mercati europei. Di certo, per una volta, non seguiamo in modo così ferreo il mercato americano ed europeo, nella fattispecie i relativi benchmark S&P 500 e Dax, ma siamo un po’ sganciati. Questa però non è una bella notizia visto che abbiamo minor forza relativa, ovvero siamo più deboli.

C’è da preoccuparsi? Personalmente non posso negarvi che lo scenario al momento non è certo idilliaco. Ma guardando alcuni indicatori, non mi sembra al momento di vedere il “panico”.
Per fare delle valutazioni corrette parto come sempre dal nostro titolo obbligazionario benchmark. Il BTP 10yr. Proviamo a guardare lo spread verso il titolo tedesco. Si, tutti gli spread BTP Bund si sono impennati ma non ci troviamo con quel caos visto a fine 2011. Inoltre analizzando alcuni incroci di tassi, ho creato un indicatore che ho battezzato IRI, in onore della famigerata azienda, ovvero Italian Risk Index.
Come vedere la situazione è abbastanza in linea con quello che è la media storica dell’indice. Il pericolo ci sarebbe se ci trovassimo nel breve con l’indice che torna a scendere. Il panico si registrerebbe con un indice che va sotto lo zero.
Quindi al momento l’indice sottolinea una situazione di calma apparente e non di panico.
Al momento.

Italian Risk Index e Spread Bund BTP

Di diverso avviso invece è lo spread Bonos  BTp, che torna a convergere sensibilmente verso il titolo di stato italiano. Il titolo di stato spagnolo rende ancora di più, ma la differenza tra i due si restringe. E questo non è un buon segno. Usando come metro di paragone il paese spagnolo, il rischio paese per l’Italia sta lievitando. MA anche in questo caso non siamo ancora arrivati al panico. come vedete prima occorre ritrovarsi con un Bono che rende MENO di un BTP. La distanza, però, ormai non è molta.

Spread Bonos BTP 10yr

 

Meritiamo questo trattamento? Se guardiamo i fondamentali, direi proprio di no, sopratutto nel breve periodo. Buttate un occhio all’indebitamento privato, ai consumi, alla disoccupazione sia totale che giovanile e anche ai due modelli bancari: spagnolo ed italiano. Al momento non c’è paragone. Ma questo è il prezzo dell’incertezza politica del momento.

E pensate che addirittura il CDS dell’Italia, oggi, supera quello spagnolo. 318 CDS Italia, 303 CDS Spagna.

STAY TUNED!

DT

Seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Mercati deboli e volatili ma in Italia al momento non è panico, 10.0 out of 10 based on 1 rating
  1. ALERT Debito Pubblico Italia: momento chiave per capire se sarà vera Crisi
  2. Panico greco a Piazza Affari: G-20 per evitare il collasso
  3. Mercati finanziari deboli: arriva l’autunno per il sentiment
  4. Mercati: Indici deboli con Wall Street, il sentiment sta cambiando?
  5. Momento chiave per i mercati

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 7)Commenta

  1. Oggi altra smentita clamorosa al panico……..forse i mercati festeggiano lo scampato pericolo del ritorno dei politici alla guida del Paese :mrgreen:

  2. gremlin scrive:

    ieri wall street è salita con volumi minimali

    max ancora due settimane di su e giù, poi solo giù

  3. gremlin,

    E il dollaro solo sù?

  4. gremlin scrive:

    kry@finanza,

    ai fini operativi penso sia più interessante occuparsi di eurusd che non ancora ritracciato il 50% dell’upleg iniziata a luglio, scenario più probabile sul breve swing area 1.28/1.34
    un eventuale panic selling azionario lo porterà ancora più giù ma non di tanto, è in corso la guerra e la FED impiega un attimo ad usare il nucleare

  5. pinco14 scrive:

    Quando anche il Corriere della Sera titola in 1 pagina così
    http://www.corriere.it/economia/13_marzo_05/borsa-milano-wallstreet-euforia_33bc0c7e-85a3-11e2-b184-b7baa60c47c5.shtml
    direi che l’euforia è al top e siamo pronti per una bella correzione
    Il rialzo insistito ed insistente contro ogni logica degli ultimi 2 gg di Wall St seondo me potrebbe essere già il campanello d’allarme

  6. pinco14@finanza,

    Caro Pinco non sottovalutare la longa manus….di mamma Fed :mrgreen:

  7. pinco14 scrive:

    Lukas,

    Caro Lukas, lo so, non possiamo sottovalutarla, anzi come ci siamo già detti più di 1 volta, questo rialzo Usa è figlio solo di mamma Fed e delle sue politiche non convenzionali, quindi chissà quando finirà. Una cosa è certa, più si sale, più la correzione sarà veloce ed importante