LEVA FINANZIARIA: Euro-banche da salvare con qualsiasi mezzo

Scritto il alle 10:30 da Danilo DT

Dossier-Analisi: Banche Europa ed USA, focus su Core Tier 1, leva finanziaria, performance e price earning. Se poi arriva il referendum della Grecia per uscire dall’Euro…

In questo momento di grande tensione per i mercati e per le banche in generale, vero punto dolente e vero problema che necessita di soluzioni rapide, efficace e possibilmente “liquide” vista la carenza di liquidità, vi presento un mio rapido aggiornamento della leva finanziaria, un paio di tabelle che possono esservi utili per poter valutare quanto il sistema finanziario abbia osato (col debito e appunto la leva) per poter aumentare i profitti. Nella fattispecie troverete:

1) la leva finanziaria
2) il Core Tier 1 relativo
3) il Price Earning
4) la performance annuale del titolo

Vi fornirò 2 tabelle. Una per il mercato europeo e una per il mercato americano.

Tabella A: Banche Europee: leva finanziaria & Co.

Nome breve

Leva finanziaria LF

Coeff Tier1 base

P/E

Rend totale YTD

ESPIRITO SAN-REG 78,04 6,9 9,15 -16,72
ESPIRITO SANTO 78,04 6,9 9,15 -12,15
DEXIA SA 62,98 12,1 N.A. -75,97
DEXIA SA 62,98 12,1 N.A. -75,56
LANDESBANK BERLI 46,91 N.A. 13,56 -23,58
DEUTSCHE BANK-RG 40,54 8,7 6,52 -13,92
COMMERZBANK 38,87 3,85 2,31 -56,48
CREDIT AGRICOLE 36,55 8,4 8,43 -32,34
DEUTSCHE POSTBAN 35,42 N.A. 54,47 -0,48
BANCO BPI SA-REG 34,4 8,7 3,81 -56,24
CREDIT SUISS-REG 30,54 12,2 10,88 -26,5
BNP PARIBAS 29,13 9,2 5,4 -20,59
BARCLAYS PLC 29,12 10,8 9,13 -21,75
CAJA AHOR DEL ME 28,89 N.A. 4,28 -78,27
KBC GROEP 28,23 10,5 3,39 -29,89
KBC GROEP 28,23 10,5 3,39 -30,61
SOC GENERALE 28,21 8,5 4,95 -39,38
AARHUS LOKALBANK 27,9 N.A. N.A. -85,67
NATIXIS 27,53 7,9 4,94 -23,47
UBS AG-REG 27,09 15,3 8,2 -22,02
DANSKE BANK A/S 27,02 10,1 16,04 -40,6
ALLIED IRISH BK 26,47 4 N.A. -67,67
SVENSKA HAN-B 26,11 13,83 9,99 -6,81
SVENSKA HAN-A 26,11 13,83 9,99 -6,15
NORDEA BANK AB 25,45 10,3 10,62 -11,74
NORDEA BANK AB 25,45 10,3 10,62 -11,34
NORDEA BANK-FDR 25,45 10,3 10,62 -11,93
AKTIA OYJ-R SHS 25,31 N.A. 8,05 3,57
AKTIA OYJ-A SHS 25,31 N.A. 8,05 -18,67
GRAUBUNDNER K-PC 23,33 N.A. 17,91 -1,94
BANK IRELAND 23,28 9,7 N.A. -71,51
BASELLAND KANTBK 22,95 N.A. 24,87 1,02
ALANDSBANKEN-B 22,23 N.A. N.A. -46,72
ALANDSBANKEN-A 22,23 N.A. N.A. -43,25
ZUGER KANTONA-BR 22,18 N.A. 23,63 3,21
SEB AB-C 21,74 12,2 6,99 -18,76
SEB AB-A 21,74 12,2 6,99 -20,59
LLOYDS BANKING 21,66 10,2 N.A. -46,5
BANCO VALENCIA 20,07 7,21 13,11 -68,9
LUZERNER KAN-REG 19,77 N.A. 17,64 5,7
TT HELLENIC POST 19,43 N.A. N.A. -85,53
ROYAL BK SCOTLAN 19,35 10,7 N.A. -32,71
BANQ NATL BELGIQ 18,96 N.A. 1,14 -28,79
SWEDBANK AB-PRF 18,86 13,9 8,67 3,52
SWEDBANK AB-A 18,86 13,9 8,67 3,44
BERNER KANTO-REG 18,4 N.A. 18,38 3,97
BANESTO SA 18,4 N.A. 7,97 -26,3
WALLISER KANT-BR 18,36 N.A. 22,98 18,63
BANQ CANT JUR-BR 18,1 N.A. 12,9 14,06
BANCA POP EMILIA 18,08 6,78 21,33 -36,6
DNB NOR ASA 17,96 9,2 7,94 -15,51
BANCO PASTOR 17,87 N.A. 18,25 -3,36
JYSKE BANK-REG 17,39 12,5 16,5 -38,57
EFG EUROBANK ERG 16,99 9,1 N.A. -79,73
BANCO SANTANDER 16,98 8,8 7,09 -13,82
BANCO SANTANDER 16,98 8,8 7,09 -13,87
BANCO COM PORT-R 16,96 6,7 3,59 -70,38
PIRAEUS BANK 16,91 7,6 N.A. -87,13
HSBC HLDGS PLC 16,86 10,5 10,2 -10,48
HSBC BANK MALTA 16,84 10,2 14,35 -14,49
ERSTE GROUP BANK 16,68 9,2 N.A. -50,31
CREDITO EMILIANO 16,42 8,62 14,04 -28,61
POHJOLA BANK-A 16,4 N.A. 10,34 3,28
BANCO SABADELL 16,14 8,2 14,83 -4,84
BANK COOP AG-BR 16,08 N.A. 22,1 -5,22
BANQ CANT GEN-BR 16,02 N.A. 13,29 -7,54
BANIF-REG 15,88 N.A. 25,28 -61,49
BANCO POPULAR 15,72 9,43 11,55 -9,71
BANCO POPULAR 15,72 9,43 11,55 -6,49
BBVA 15,54 9,6 7,85 -5,96
SPAR NORD BANK 15,52 N.A. 10,26 -38,69
HELLENIC BANK PU 15,38 N.A. 14,24 -51,98
SYDBANK 14,97 12,7 67,55 -30,33
BANQUE CANTO-REG 14,67 N.A. 12,85 1,3
RAIFFEISEN BANK 14,62 8,9 2,85 -44,02
BANK SARASIN-B 14,59 N.A. 15,2 -18,21
VALIANT HLDG AG 14,59 N.A. 15,57 -5,23
BANCA POP SONDRI 14,42 N.A. 15,93 -5,61
UNICREDIT SPA 14,33 8,58 9,1 -40,79
HYPOTHEKAR LEN-R 14,27 N.A. 13,33 1,94
VESTJYSK BANK 14,19 11,5 N.A. -59,12
OBERBANK AG 14,08 N.A. 12,18 5,84
OBERBANK AG-PFD 14,08 N.A. 12,18 3,5
BANCA POP SPOLET 14,06 N.A. 8,73 -31,84
SKJERN BANK 14,02 N.A. N.A. -40,94
SALLING BANK 14 N.A. N.A. -21,64
BANCA MONTE DEI 13,81 N.A. 2,39 -48,44
ST GALLER KA-REG 13,7 N.A. 14,16 -16,09
STANDARD CHARTER 13,7 11,8 12,02 -9,18
LIECHTENSTEIN-BR 13,51 N.A. 17,89 -30,49
CREDITO VALTELLI 13,47 6,31 9,81 -33,13
DIBA BANK A/S 13,46 N.A. 5,31 -39,83
BANK VALLETTA 13,38 10,5 9,35 -23,73
LAN & SPAR BANK 13,35 N.A. 140,97 -0,03
BASLER KANTON-PC 13,35 N.A. 18,63 -1,39
BANCO ESPIRITO-R 13,25 7,9 7,56 -43,02
BRADESCO SA-PREF 13,24 N.A. 10,57 -9,13
BANK FUER TIROL 13,09 N.A. 9,11 1,55
BANK FUER TIR-P 13,09 N.A. 9,11 -3,12
BANK OF CYPRUS 12,97 8,1 N.A. -57,27
BANK OF CYPRUS 12,97 8,1 N.A. -56,81
NATL BANK GREECE 12,84 12 N.A. -68,43
BANCO DE CHILE 12,51 N.A. 14,44 -11,35
GRUPO F BANORT-O 12,43 N.A. 12,93 -27,8
CREDITO ARTIGIAN 12,24 N.A. 7,47 -25,84
EFG INTERNAT AG 12,12 N.A. N.A. -40,24
NORDFYNS BANK 12,09 N.A. 8,7 -17,29
VERWALTUNGS-U-BR 11,93 N.A. 27,16 -20,93
BANCO SARDEG-RSP 11,63 N.A. 26,45 -36,69
SPARBANK 11,54 N.A. N.A. -55,13
ALPHA BANK A.E. 11,49 9 9,14 -71,58
MEDIOBANCA 11,46 N.A. 17,33 -9,46
UBI BANCA SCPA 11,43 6,95 5,97 -51,52
INTESA SANPA-RSP 11,37 7,9 7,86 -27,41
INTESA SANPAOLO 11,37 7,9 7,86 -23,54
ATTICA BANK SA 11,36 N.A. N.A. -74,36
BANCO POPOLARE S 11,35 N.A. N.A. -53,47
VOSS VEKSEL 10,71 N.A. N.A. -1,51
BANCA CARIGE 10,69 N.A. 14,91 -3,72
JULIUS BAER GROU 10,56 22 23,28 -18,56
BANCO DESIO 10,4 11,1 8 -20,84
BBVA BANCO FRANC 10,31 N.A. 4,92 -30,71
BKS BANK AG 10,16 N.A. 7,04 -1,65
BKS BANK AG -PFD 10,16 N.A. 7,04 1,03
SPAREKASSEN LOLL 10,13 N.A. N.A. -77,03
TOTALBANKEN 10,03 N.A. N.A. -78,67
BANCA POP MILANO 10,03 7,07 N.A. -41,13
MARFIN POPULAR B 9,94 N.A. N.A. -71,87
MARFIN POPULAR B 9,94 N.A. N.A. -72,41
DJURSLANDS BANK 9,68 14,3 21,02 -15,92
VESTFYNS BANK 9,55 N.A. 36,75 -4,16
LOMBARD BANK MAL 8,17 17,9 11,86 -1,79
SPAREKASSEN HIMM 8,11 N.A. N.A. -16,56
NORRESUNDBY 7,76 14,5 21,01 -13,87
SPAREKASSEN FAAB 7,7 N.A. N.A. -66,25
RINGKJOEBING LND 7,57 17,1 10,67 -17,29
NORDJYSKE BANK A 7,5 N.A. 7,39 -30,97
BANKNORDIK P/F 6,68 N.A. N.A. -46,91
FIMBANK PLC 6,58 N.A. 14,49 -24,21
KREDITBANKEN 6,23 N.A. 32,56 -18,85
GRONLANDSBANKEN 6,01 N.A. 10,12 -30,09
LOLLANDS BANK 5,92 N.A. 10,02 -39,54
SVENDBORG SPAREK 5,69 N.A. 74,74 -25,51
SPAREKASSEN HVET 5,6 N.A. 32819,17 -26,47
MONS BANK 5,57 N.A. N.A. -17,32
SCHWEIZ NATB-REG 4,38 N.A. 65,33 0,4
BANCA FINNAT EUR 2,91 N.A. 19,78 -30,06
EUROPEAN ISLAMIC 1,36 N.A. 15,12 8,2

Tabella B: Banche USA: leva finanziaria & Co.

Nome breve

Leva finanziaria LF

Rapporto capitale tier 1 LF

P/E

Rend totale YTD

SLM CORP 46,02 N.A. 7,46 9,87
WESTERN UNION 19,1 N.A. 11,47 -1,78
MORGAN STANLEY 15,61 16,7 7,91 -28,43
SCHWAB (CHARLES) 14,56 23,4 16,92 -23,97
NORTHERN TRUST 13,65 N.A. 16,79 -22,72
GOLDMAN SACHS GP 13,49 14,7 12,5 -30,57
AMERIPRISE FINAN 13,04 N.A. 9,37 -14,35
JPMORGAN CHASE 12,98 12,1 7,1 -11,7
ZIONS BANCORP 11,24 16,04 202,67 -24,61
CITIGROUP INC 11,02 13,5 9,23 -27,74
HUNTINGTON BANC 10,88 12,37 9,27 -19,51
US BANCORP 10,77 10,8 11,67 -2,02
BANK OF AMERICA 10,76 11,48 5,29 -44,75
FIRST HORIZON NA 10,47 14,47 27 -37,9
HUDSON CITY BNCP 10,4 8,77 7,96 -49
STATE ST CORP 10,36 18 11,83 -8,12
WELLS FARGO & CO 10,22 11,28 9,37 -11,54
INTERCONTINENTAL 9,97 N.A. 21,29 11,15
E*TRADE FINANCIA 9,58 11,2 23,73 -27,31
REGIONS FINANCIA 9,53 12,8 32,85 -38,66
BB&T CORP 9,49 12,5 15,04 -6,79
KEYCORP 9,35 13,55 7,05 -16,4
BANK NY MELLON 9,28 14 9,87 -24,43
M&T BANK CORP 9,21 9,52 11,12 -7,76
FIFTH THIRD BANC 9,1 11,96 10,34 -14,71
COMERICA INC 8,86 10,65 11,12 -38,04
SUNTRUST BANKS 8,72 11,05 17,48 -29,87
DISCOVER FINANCI 8,32 13,6 6,53 33,08
PNC FINANCIAL SE 8,3 13,1 8,75 -7,43
AMERICAN EXPRESS 8,2 12,3 12,99 23,29
BLACKROCK INC 7,14 N.A. 13,91 -8,93
CAPITAL ONE FINA 6,89 12,4 6,1 10,54
PEOPLE’S UNITED 5,01 11,6 21 -2,51
NASDAQ OMX GROUP 2,7 N.A. 10,49 8,26
INVESCO LTD 2,52 N.A. 12,22 -11,69
FEDERATED INV-B 2,14 N.A. 12,05 -20,25
JANUS CAPITAL GR 2,1 N.A. 7,85 -43,39
EQUIFAX INC 1,97 N.A. 17,76 1,19
NYSE EURONEXT 1,92 N.A. 12,67 -3,94
CME GROUP INC 1,69 N.A. 17,32 -11,67
MASTERCARD INC-A 1,64 N.A. 21,93 58,56
FRANKLIN RES INC 1,52 57 12,87 0,4
LEGG MASON INC 1,5 N.A. 15,98 -19,22
VISA INC-CLASS A 1,32 N.A. 19,02 35,9
T ROWE PRICE GRP 1,16 N.A. 19,43 -10,94

Come potete vedere, è evidente il fatto che il settore delle banche europee è decisamente più “infognato” rispetto a quello americano, proprio perché quest’ultimo, con la “crisi subprime” ha subito una procedura di ristrutturazione e risanamento passando da piani governativi come il TARP.
Eccovi spiegato perché sostengo che nei prossimi mesi anche in Europa avremo un piano analogo di sostegno, mirato proprio alla ristrutturazione delle banche del Vecchio continente. Il problema però è semplicemente questo: chi mette i soldi?
Quando si parla di USA, c’è uno stato federale ed un’unione VERA. Quando si parla di Unione Europea tutto è relativo.
E però necessario che gli interventi arrivino quanto prima, anche perché, come dice giustamente la comunità internazionale, non ci si può permettere un intervento tardivo. Il motivo? Non solo effetto domino, non solo rischi per i mercati finanziari, ma soprattutto il fatto che queste banche sono troppo grosse per essere poi salvate, in caso di crisi.

Too Big to Bailout: il caso inglese e francese

Meglio intervenire prima che la situazione scappi di mano.


E quindi più che auspicabile un intervento coordinato della comunità finanziaria internazionale.
Da una parte la “zoppa” Unione Europea, con il suo EFSF a leva (anche lui!) che non convince, il suo piano di ristrutturazione greco che alla fine risolve ben poco e la stringente necessità di liquidi per poter ricapitalizzare le banche.
E dall’altra…il mondo. Fondo Monetario Internazionale in primis, con USA ovviamente protagonisti, e poi Cina, paesi emergenti e tutti quegli stati che sono in surplus di bilancio, che hanno risorse da spendere e che, in un certo senso, hanno l’occasione per mettere i piedi in quell’area che fino a qualche anno fa, era terreno minato: l’invalicabile Europa. Ma i tempi sono cambiati ed ora la necessità diventa opportunità per entrambi le parti.
Anche tra i vs. commenti leggo spesso critiche sul fatto che potrebbe essere la Cina a salvare l’Euro. Ahimè, ipotesi molto probabile. Però ci sono altre alternative? E soprattutto come evitarlo?
Credo sia difficile sia rifiutare i capitali cinesi e sia trovare alternative, soprattutto in tempi rapidi.
La verità è che i tempi cambiano, gli equilibri mondiali cambiano, il mondo cambia. Dovremo pagare gli eccessi di tanti anni di politica economico-monetaria spavalda (guardate l’Italia). E per restare in piedi, questo potrebbe essere un primo prezzo da pagare. Ma non temete, è solo il primo capitolo.

Certo che poi, se ti arriva la notizia che non ti aspetti, ovvero di un referendum in Grecia per uscire dall’Euro, tutto si complica drammaticamente. Ed il futuro, già incerto, diventa realmente imprevedibile….

Stay Tuned!

DT

Sostieni I&M! Il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
6 commenti Commenta
ob1KnoB
Scritto il 1 novembre 2011 at 11:14

Io non conterei tanto sulla Cina o sugli altri Brics. Primo perchè sanno fare molto bene i conti (e adesso nessun investitore assennato metterebbe un dollaro in Europa – altrimenti non ci sarebbe il problema o no?-), secondo perchè fra poco ne avranno anche loro da grattare (black loan, rallentamento, bolla del debito locale etc), terzo perchè è una occasione unica per dettare le regole del commercio mondiale (e aspetteranno che glielo si chieda in ginocchio). Per uscire dal cul de sac sono solo due le strade, lo ripetero’ fino alla noia, o inflazione selvaggia nella zona euro, o haircut su tutto il debito pubblico e bancario (in fondo è una gigantesca patrimoniale sovrannazionale)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

atomictonto
Scritto il 1 novembre 2011 at 14:06

Sarò un sempliciotto ma bisognava buttare fuori la Grecia dell’euro nel 2009 quando si è scoperto che aveva i conti truccati, avremmo perso l’1,3% di PIL di eurolandia (una bazzeccola rispetto al -6% dela recessione dovuta ai sub prime e derivati) ma a quest’ora le banche EU avrebbero solo qualche rimasuglio dei titoli del loro debito.
La Grecia da parte sua sarebbe prima finita in una guerra civile e poi sarebbe caduta sotto l’influenza politico-economica della vicina Turchia che cresce a ritmo dell’8% ed ha 5 volte la popolazione.
Le sorti dei Turco-Greci francamente non mi avrebbero interessato granchè.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 1 novembre 2011 at 14:09

atomictonto@finanza:
Sarò un sempliciotto ma bisognava buttare fuori la Grecia dell’euro nel 2009 quando si è scoperto che aveva i conti truccati, avremmo perso l’1,3% di PIL di eurolandia (una bazzeccola rispetto al -6% dela recessione dovuta ai sub prime e derivati) ma a quest’ora le banche EU avrebbero solo qualche rimasuglio dei titoli del loro debito.

Sono d’accordo…. un po’ meno sulla second parte del commento…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gainhunter
Scritto il 1 novembre 2011 at 15:18

atomictonto@finanza: Sarò un sempliciotto ma bisognava buttare fuori la Grecia dell’euro nel 2009 quando si è scoperto che aveva i conti truccati,

Allora cosa aspettiamo a buttare fuori la Germania, visto che i conti li trucca anche lei?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ob1KnoB
Scritto il 1 novembre 2011 at 17:01

ob1KnoB@finanzaonline:
Io non conterei tanto sulla Cina o sugli altri Brics. Primo perchè sanno fare molto bene i conti (e adesso nessun investitore assennato metterebbe un dollaro in Europa – altrimenti non ci sarebbe il problema o no?-), secondo perchè fra poco ne avranno anche loro da grattare (black loan, rallentamento, bolla del debito locale etc), terzo perchè è una occasione unica per dettare le regole del commercio mondiale (e aspetteranno che glielo si chieda in ginocchio). Per uscire dal cul de sac sono solo due le strade, lo ripetero’ fino alla noia, o inflazione selvaggia nella zona euro, o haircut su tutto il debito pubblico e bancario (in fondo è una gigantesca patrimoniale sovrannazionale)

http://www.zerohedge.com/news/former-pboc-monetary-policy-committee-member-beijing-will-not-ride-eurozone%E2%80%99s-rescue

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 1 novembre 2011 at 20:45

ob1KnoB@finanzaonline,

Sullo sfondo resta la guerra euro-dollaro sulla moneta di riserva e per i pagamenti internazionali che gli US hanno già vinto.
Politicamente l’europa non esiste e non esiste come Stato Federale = nessuna convenienza per chiunque di salvare l’euro. Convenienza invece all’acquisto a prezzi stracciati dei gioielli della corona tecnologici, industriali, beni pubblici, finanziari e mercati. Uno sceglie quando compra esattamente come noi. L’unica difesa dall’esproprio è il ritorno agli stati nazionali e di uscire dal sistema finanziario europeo. Concordo anche sulle due che suggerisci ma credo che il fenomeno, in particolare il primo, sarà globale.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+