La TRUMPONOMICS scricchiola? NON c’è problema!

Scritto il alle 14:31 da Danilo DT

trumponomics-obamacare

Il mondo della finanza è inondato di liquidità. E banche centrali hanno contribuito generosamente in ogni parte del mondo, come più volte spiegato, ad alimentare un mercato che, in realtà, all’origine non si voleva alimentare. La liquidità doveva servire a far ripartire l’economia ed invece ha contribuito fondamentalmente a gonfiare il prezzo dei vari asset quotati.
Qualche giorno fa vi parlavo della politica espansiva delle banche centrali che potrebbe progressivamente rientrare con una sorta di exit strategy. Ma fino ad allora il problema maggiore degli asset allocation managers è quelli di investire questa valanga di soldi. E visto che il mercato obbligazionario inizia a scricchiolare, meglio puntare sull’azionario, visto che Trump ha promesso crescita e prosperità.
MA se i piani di Trump iniziano anche loro a scricchiolare, che si fa? Ci si lascia prendere dal panico e si parte con un generalizzato RISK OFF oppure si preferisce… semplicemente spostare per l’ennesima volta la liquidità creata artificiosamente dalle banche centrali?
Buona la seconda.

Last week’s rout in American stocks amid concern over the failure of the health-care bill wasn’t enough to spook traders in riskier peers. Almost half of the $5.1 billion allocated to all U.S.-listed equity exchange-traded funds went to about 20 developing-nation products in the span, with BlackRock Inc.’s iShares Core MSCI Emerging-Markets ETF posting the largest inflow ever. While some traders see cracks in the so-called Trump Trade as an opportunity to continue piling into the asset class, bearish bets on emerging-market shares have surged to a three-year high. (BBG)

emerging-market-trumponomics.obamacare

ScreenHunter_175 Mar. 28 22.36

Malgrado tutto, malgrado i tassi USA in rialzo, malgrado una percezione del rischio maggiore, il denaro viene nuovamente mosso. Direzione azionario paesi emergenti… E non solo.

The biggest exchange-traded fund tracking euro-area shares saw its largest inflows since the Brexit vote last week. The iShares MSCI Eurozone ETF gathered $518 million as the Euro Stoxx 50 Index held steady while stocks in Britain and the U.S. slumped. U.K. Prime Minister Theresa May is poised to trigger the Article 50 starting the exit process from the European Union on Wednesday. (BBG)

brexit-inflow-europe

E difatti, complici i buoni dati macro, il denaro si muove anche verso i paesi europei. Al momento quindi, acceleratore sempre pigiato sull’equity. Fino a prova contraria.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
La TRUMPONOMICS scricchiola? NON c’è problema!, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+