La festa è finita

Scritto il alle 14:13 da Danilo DT

Profondo rosso. Il mio monitor gronda sangue in ogni sua casella. Tranne in qualche riga “contrarian” legata alla volatilità dell’azionario, ovviamente in gran risalita, e tutto quello che diventa o genera fly to quality.

Il crollo come previsto è correlato direttamente tra equity, commodities, e indirettamente con Yen ed Euro, le due valute usate per il carry trade. Invece sempre di segno opposto il Bund tedesco e il T-bond Usa, i beni rifugio. Cosa sta accadendo?
Ve lo voglio dire riprendendo un veccho paragone fatto in passato. E chi legeg da più anni, sa a cosa mi riferisco.

Ero solito paragonare l’economia ad un malato, curato con medicine che alleviavano il male, ma che purtroppo non risolvevano i problemi.
Ormai la morfina si è esaurita. E il dolore torna ad accentuarsi.

 

Il mercato si sta svegliando dal sogno della ripresa ed è tornato fortemente a contatto con la realtà, quella vera, quella che stiamo difendendo da anni, quella che non ci veniva detta.


Le banche centrali ed i governi ahno fatto i possibile per sostenere l’economica, il quantitative easing è stata la forma più spavalda ed importante di un’espansione economica che, però non poteva durare . Infatti l’obiettivo era chiaro. Una volta finiti gli incentivi l’economia avrebbe dovuto avere la forza per continuare da sola la strada verso la ripresa. Solo che…i problemi sono rimasti lì.

Disoccupazione e debito

 

Il primo, il più lampante era la disoccupazione. Ma come diavolo si può pensare di crescere con una disoccupazione al 10% (20% in Spagna?)
Il secondo poi è il debito.
Lo switch del debito che ha trasformatola privato in pubblico è stata una mossa che ha, appunto, spostato (a danno di tutti) ma non ha risolto.
Morale: oggi ci troviamo senza lavoro, con un fardello di debiti sulla schiena che impediranno un sostegno dello Stato all’economia. Anzi… Ora viene il bello.

Si, perché in questo scenario già di per se molto difficile, c’è la vicenda Euro. Ed è una vicenda che si inserisce in modo drammatico in uno scenario già di per se molto complesso.
Se il malato era costretto a letto da una polmonite, curata ma non in modo risolutivo, ora notiamo non solo un peggioramento ma anche una nuova complicazione.

Scusate il paragone, ma era per farvi capire che ai problemi, non risolti, si stanno sommando altri problemi.
Lo scenario obbligato diventa quello deflattivo se non addirittura recessivo. E il mercato se ne sta rendendo conto.

 

E l’Europa va in crisi…politica

 

In un momento dove aumentano le incertezze, la speculazione diventa protagonista. E di certo, la politica non aiuta, anzi, contribuisce ad una maggiore volatilità. Infatti si sta perdendo un sacco di tempo e di parole su cause ed elementi che non sono le vere cause del male. Hedge funds, società di rating, cds, short selling…. Certo, tutto è importante. Ma il fatto è che bisogna risolvere i veri nodi della questione, non tutto ciò che ci gravita attorno.
I problemi sono il sistema bancario, che torna a fare acqua da tute le parti (vedi ad esempio la fusione tra banche a Madrid)  e soprattutto il piano di austerity che tutti dovremo subire.

 

May 25 (Bloomberg) — Four Spanish savings banks plan to combine to form the nation’s fifth-largest financial group with more than 135 billion euros ($167 billion) in assets, as regulators push ailing lenders to merge with stronger partners. Caja de Ahorros del Mediterraneo, Grupo Cajastur, Caja de Ahorros de Santander y Cantabria and Caja de Ahorros y Monte de Piedad de Extremadura submitted a proposal to Spain’s central bank to pool their busine sses, they said in a filing yesterday. The Bank of Spain is urging mergers for the regional “cajas,” mutually owned banks that boosted lending more than fivefold during Spain’s 10-year housing boom and account for about half the country’s loans. Spain is seeking to shore up the lenders as the nation’s sputtering economy and widening budget deficit, forecast at 9.3 percent of gross domestic product this year, drive away investors.

Le parole di Letta sono assolutamente sintomatiche e fotografano in modo (finalmente)ideale il vero scenario che abbiamo di fronte. E’ un modo UFFICIALE per dire :
“signori, finora vi abbiamo detto un mare di balle, la realtà è invece questa”. Letta dice:

“una serie di sacrifici molto pesanti, molto duri, per salvare il nostro paese dal rischio Grecia: Capiamolo così e ci capiamo tutti”.

E quello che dice Letta dovrà essere condiviso da tutti i governi dell’Unione Europea. Perché non potrà essere diverso. E’ una scelta obbligata.

E’ finita la stagione delle balle, come invece dice Casini. E, malgrado io non voglia mai parlare di politica, non posso che dargli ragione. Perché è proprio quello che penso io.

Mi spiace, caro On. Berlusconi. La favola è finita. Quindi tutti, ripeto tutti, Obama compreso, siete pregati di calarvi il più in fretta possibile nella realtà dei fatti e dire le cose come stanno veramente.
E se non lo dite, io cercherò di fare la mia parte, con il sostegno dei lettori e di chi crede nell’informazione indipendente e di qualità.

Il Piano di austerity

 

– Germania: 60 miliardi entro il 2015
– Spagna: 65 miliardi in tre anni
– Francia: 95 miliardi entro il 2013
Portogallo: 2.1 miliardi
– Grecia: 16 miliardi solo quest’anno
– Irlanda. 6.5 miliardi
– Italia: sta per varare una manovra da 24 miliardi

It’s time to austerity.

Con amarezza e preoccupazione, posso dirlo.
Noi lo avevamo detto.

STAY TUNED!

DT

NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Sostieni I&M! Clicca sul bottone ”DONAZIONE” qui sotto o a fianco nella colonna di destra!

Image Hosted by ImageShack.us

Vuoi provare il Vero Trading professionale?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+