ITALIA: quanta sofferenza!

Scritto il alle 12:01 da Danilo DT

Euros_burning.jpg

Proprio ieri vi parlavo del fatto che, malgrado tutto, l’Italia sta cercando di “mettere la freccia” e ripartire. La cosa preoccupante è che questa ripartenza NON è dovuta a stimoli indigeni e tantomeno a miglioramenti strutturali, bensì è legata dall’effetto traino delle economie che ci stanno vicino, oltre che dalle iniziative di politica monetaria della BCE.
Quindi è vero che finalmente qualcosa si muove, ma è tutto grazie ad una spinta che “viene da fuori” e che quindi, una volta svanito l’effetto, si raffredderà inesorabilmente.
E parlando proprio di problemi strutturali ecco arrivare il sempre interessante Outlook mensile dell’ABI.
Se ve lo volete leggere con calma basta CLICCARE QUI. 

Le sofferenze nette a fine 2016, sono pari a 86,9 miliardi di euro, registrando un rialzo rispetto agli 85,2 miliardi di novembre e una riduzione di oltre il 2% rispetto al picco di 89 miliardi di fine novembre 2015. (…) “il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è risultato pari al 4,89% a dicembre 2016 (era il 4,91% a fine 2015 e lo 0,86% prima dell’inizio della crisi)”.

sofferenze-bancarie-abi-italia-fine-2016

Siamo onesti… le banche hanno svalutato l’ira di Dio, hanno accantonato una valanga di denaro, hanno portato a costi un sacco di crediti deteriorati e…questo è il risultato?
Massi, chissenefrega, tanto abbiamo Atlante, no?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (4 votes cast)
ITALIA: quanta sofferenza!, 10.0 out of 10 based on 4 ratings
Tags:   |
1 commento Commenta
draziz
Scritto il 15 febbraio 2017 at 15:26

Il problema è dato dallo sconfinato numero di papponi e nullafacenti, parcheggiato ad arte con i sistemi che ben conosci, che veramente pensano che finita la tempesta tutto tornerà come prima…
Ci sarà da piangere…ma anche da ridere…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+