ITALIA: non è un paese per il ceto medio ricco…

Scritto il alle 11:32 da Danilo DT

Italian-Debt-Crisis

Autocelebrarsi non è mai bello. Ed in questo caso non è mia intenzione farlo, ma semplicemente sottolineare quanto era ovvio agli occhi di un ignorante blogger finanziario di periferia, alla fine è diventato chiaro anche agli organismi intermazionali ed a società che fanno analisi ad altissimi livelli.

Facciamo un tuffo nel passato. Esattamente ad un anno fa. A maggio scrissi un post intitolato: ITALIA: salari ed inattivi. Il PEGGIO in Eurozona. 
Il messaggio era già chiaro nel titolo. E il succo della questione era il seguente: inutile alimentare ottimismi quando l’evidenza è un’altra. E di certo il tempo farà il suo corso.
Il post lo potete rivedere CLICCANDO QUI  a scanso di equivoci.
Ed ecco che il sito dell’ANSA ieri ci annuncia quello che noi avevamo già anticipato. E non perché siamo dei veggenti ma perché forse un po’ più obiettivi.

L’Italia si aggiudica il primato negativo per “impoverimento” dei redditi delle famiglie nel confronto con i maggiori Paesi europei. La classe media italiana e la fascia a basso reddito, sono state le più colpite con un taglio del 20% nel primo caso e del 23% nel secondo, nell’arco di quasi 20 anni, dal 1991 al 2010. E se parte della colpa è da imputare anche alla Grande Recessione, va detto che nessun Paese ha registrato un crollo così pesante, neanche la Spagna che non va oltre un esiguo -5%. E’ quanto emerge da uno studio realizzato da PewResearch Center.  In Spagna dal 1991 al 2010 il reddito medio familiare è rimasto stabile su 31.885 dollari (poco più di 29.000 euro), mentre in Italia si sia assistito a un crollo del 20% passando (da 37.000 euro del 1991, circa 71 milioni di vecchie lire, ai poco più di 29.000 euro del 2010).
Ed entrando più nel dettaglio, si scopre che in Italia il “reddito medio della classe media” è piombato dai circa 41.000 euro del 1991 a meno di 33.000 euro del 2010. (ANSA

Ed eccovelo qui il sito di PewResearch  con l’analisi citata nel flash dell’ANSA. Ed eccovi i grafici che certificano quanto detto.

ST_2017.04.24_Western-Europe-Middle-Class_0-02 ST_2017.04.24_Western-Europe-Middle-Class_0-04 ST_2017.04.24_Western-Europe-Middle-Class_0-05 ST_2017.04.24_Western-Europe-Middle-Class_0-06

Ed è quindi ovvio l’impoverimento dell’italiano medio nei confronti dei cittadini europei, quelli dell’Eurozona, quelli che QUINDI hanno la moneta UNICA proprio come noi.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (6 votes cast)
ITALIA: non è un paese per il ceto medio ricco..., 10.0 out of 10 based on 6 ratings
Tags:   |
1 commento Commenta
conrad-johnson
Scritto il 3 maggio 2017 at 11:03

Caro Danilo, forse bisognerebbe correggere i dati italiani considerando anche il nero, l’elusione e l’evasione…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+