ITALIA: impoverimento senza fine

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Confronto tra PIL e PIL pro capite. Due grafici semplici che sintetizzano una situazione di recessione cronica che non riuscirà ad invertire senza radicali e traumatiche riforme.

Ancora due grafici che mettono a nudo la difficile situazione dell’Italia MA cosa ancor più grave, l’aumento delle distanze dai paesi che contano.
Due grafici che valgono più di mille parole, due istantanee che mettono a nudo uno scenario che non riesce ad invertire e che di certo non invertirà con una Legge di Stabilità che risulta insufficiente per smuovere veramente la situazione e ridare all’Italia quel trampolino per la ripartenza che tutti aspettano e che invece diventerà “Godot” se non capita nulla.
Il primo grafico illustra la crescita economica dal 1999. Una fotografia degli ultimi 14 anni, da quando insomma è nato l’Euro. Fintanto che l’Italia ha sfruttato la scia è andata bene ma poi, non si è intervenuti. La politica NON ha costruito nulla e anzi, non ha fatto altro che peggiorare la situazione, aumentando la spesa e non guardando MAI al futuro, in perfetto stile “magna magna”. E questo è il risultato.

Tutti sono saliti MA cosa ancor più grave, tutti hanno una TENDENZA comune. L’Italia no. L’Italia è fuori dalle righe e questo serve per farvi capire (se ce n’era bisogno) che l’Europa ed il Mondo in generale potrebbero anche godere di un po’ di ripresa ma il Bel Paese NON invertirà la sua tendenza depressiva e recessiva. Certo, ne beneficeremo indirettamente ma sempre in minima parte, se ci paragoneremo agli altri paesi.

E il grafico che ne consegue è la certificazione del fatto che l’italiano medio è sempre e sarà sempre più povero. Qui parliamo di PIL pro capite e variazioni negli ultimi 10 anni. Peggio di no SOLO la Grecia. E a parte Roma ed Atene, tutti (alcuni di poco) si sono comunque arricchiti rispetto a 10 anni fa.

Signori. Occorrono altri grafici o vi bastano questi per capire la realtà delle cose? Però per favore, piantiamola con queste leggende metropolitane: le parole crescita economica, ripresa, ripartenza, lasciatele dire agli altri paesi. Non prendiamoci in giro. Fintanto che non si cambia sul serio, le linee azzurre dell’Italia nei due grafici non potranno che proseguire il loro trend ribassista

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

Buttate un occhio al nuovo network di Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.2/10 (6 votes cast)
ITALIA: impoverimento senza fine, 9.2 out of 10 based on 6 ratings

Commenti (n° 22)Commenta

  1. astonmartindb9 scrive:

    Peccato, non vedo i grafici

  2. anche io non visualizzo i grafici

  3. Ciao DT, confermo: non si vedono i grafici…

    Anche senza vederli, ma prendendo spunto dalle tue prime parole, chiedo:
    quali potrebbero essere, secondo te, gli aggiustamenti/avvenimenti traumatici necessari a rimettere in sesto la baracca…?

  4. Sono fuori sede ma con l’ausilio di Maurizio spero si sia sistemato tutto.

  5. Ok, grafici visibili. Me lo confermate?
    (special thanks to Gremlin!)

  6. sistemati i grafici

    invece per l’italietta:
    - dei ladri di Stato (e ovviamente delle regioni, delle province, dei comuni, delle municipalizzate, delle partecipate, e di migliaia di altre istituzioni)
    - della criminalità superoganizzata che porta miliardi di euro da ripulire al centro nord, in europa e in tutto il mondo e che fa eleggere sindaci politici ecc. e che si infiltra in tutte le istituzioni pubbliche (Parlamento in primis) e private, e pure nella Chiesa

    non riesco a sistemare nulla

  7. draziz@finanza,

    A dire il vero volevo poi scriverci un pezzo ma te lo anticipo volentieri.
    In massima sintesi, ma proprio massima….
    L’Italia deve innanzitutto rinegoziare i patti con l’Europa, e di questo ne parlo ogni giorno. E poi…occorrerebbero delle riforme radicali. Ma noi abbiamo la forza politica ma anche genetica (nn so se mi spiego ) per farlo?
    In realtà…brutto dirlo ma il ns DNA nn ce lo permette.
    E allora le scelte dovranno essere imposte dall’alto. Ovvero da Bruxelles. In questo modo si potrà veramente fare pulizia. Però è ovvio, si parla di totale commissariamento e…con tutti i rischi che ne conseguono. L’ideale sarebbe che certe imposizioni arrivino prima che sia troppo tardi.
    E poi ovviamente…ci sono anche soluzioni traumatiche che di certo non ti vengono a raccontare prima, come l’haircut ma che al momento non lo vedo come realistico NEL BREVE

  8. Danilo DT,

    Commissariamento? Ci arriveremo. Il panorama politico è troppo frammentato e la maggior parte degli aventi diritto al voto insiste a pensare di poter votare sempre gli stessi simboli di sempre contando sulle rassicurazioni di chi ha sempre mangiato (e mangerà proponendosi come nuovo) alle loro spalle addebitando la colpa del loro fallimento (soprattutto nelle riforme economiche) “agli altri”…
    Ma in questo modo l’imposizione fiscale verrà decisa altrove e si attuerà il prelievo forzoso.
    Haircut? Si renderà necessario perchè Bruxelles sa già che alcuni crediti sono inesigibili e soprattutto il livello degli interessi rende impossibile la restituzione del debito, anzi ne crea di nuovo…
    DNA italico? Forse dimentichi che i Moti carbonari e, negli anni seguenti, le successive spinte indipendentiste sono partite dalla borghesia, quella classe media che da anni qui fanno di tutto per spezzare e reprimere soprattutto economicamente, con la scusa della lotta all’evasione, con una tassazione infame e pilotata, con una vessazione burocratica che ci vede scavalcati anche dal Burkina Faso…

  9. gremlin,

    io da mesi sto provando ad attuare la censura all’incontrario:
    - ho impostato come dannose sul firewall le parole: politico, politica, parlamento italiano, i vari simboli dei partiti.
    - non compro più quotidiani nazionali, leggo notizie da fonti indipendenti
    - ogni volta che in televisione compare qualche riferimento alla politica o ai pagliacci che ben conosciamo cambio canale, magari per guardarmi Tom & Jerry o uno delle miriadi di cartoni animati che ci sono su diverse reti (ahhh, che bello il decoder e la televisione digitale…) dalla mattina a notte fonda…

    Sai che da allora vivo molto meglio?

    ps: ho anche stampato, su carta adatta, le foto di diversi plitici e professoroni e la uso nella toilette: ogni giorno, con una scelta democratica e favorendo l’alternanza ed il pluralismo, ne
    scelgo uno diverso, lo uso e poi lo guardo sparire nei flutti generati dallo sciacquone…

  10. draziz@finanza,

    Io invece ho il mio fornitore di fiducia

    Da quando la uso ho il culetto rosa come quello di un bambino

  11. bergasim,

    …se mi fai avere l’indirizzo la compro anche per la mia Azienda… per i nostri bagni…
    tutto fatturabile, quindi deducibile come costo d’impresa…
    tra l’altro, tutti quelli che lavorano da noi ne avranno un rotolo in omaggio, da portare a casa quale premio/incentivo a compensazione delle ore di Cassa Integrazione che si sono fatti…

  12. ma, secondo voi, l’illustre Napolitano e il verboso Letta si sono mai posto la domanda perché le aziende italiane chiudono o, se intelligenti, trasferiscono l’attività in paesi che agevolano e finanziano le iniziative industriali ??????

  13. bergasim,

    draziz@finanza,

    Io non la userei perchè con quelle facce di me–a rischierei di sporcarmi ancora di più.

  14. paolo41,

    Ti pare che certa “gente” abbia a cuore la vita o il benessere del popolo che è chiamata ad amministrare?
    Tanto più che non c’è stata la manifestazione diretta, democratica, per la loro elezione…
    Vi sembra un caso?
    Pancia piena non pensa a quella vuota… loro lo stipendio lo prendono sempre…
    …e spero che le loro famiglie presto spendano per il loro funerale, che l’età avanza per tutti e prima o poi ci tolgono l’incomodo, così per via naturale…
    Guarda caso Papa Francesco oggi ha sussurrato loro alcune paroline…
    Ma si sa, certa “gente” va in Chiesa, presenzia alle cerimonie (quanti morti che si rivoltano nelle tombe…) ed in punto di morte chiede perdono e si pente… proprio delle belle figure di uomo, non c’è che dire…

  15. paolo41,

    Oltre a quelli da te citati….ti sei chiesto dov’erano e cosa hanno fatto negli ultimi 10 anni quelli da te “volutamente” omessi…..ossia i Berlusconi, Tremonti, Bossi & Figlio…..Calderoli, etc etc ?

  16. Lukas,

    che fai? cerchi rogna o dai i numeri? si vede che ti sei fatto un’idea sbagliata di come la penso e non hai avuto la capacità o la pazienza di leggere i commenti che ho postato in questo blog praticamente dalla sua nascita. Ti puoi immaginare se ho intenzione di salvare qualche politico, per me è una casta, destra, sinistra, centro ed estremi da mettere al muro per… tre mesi di fila..
    Certo è, come osserva anche Draziz, che stento a riconoscermi in un governo semi-presidenziale che non può avere la forza di fare alcuna concreta riforma, perché abbiamo una costituzione sbagliata che è capace solo di attanagliare con la burocrazia qualsiasi iniziativa riformista.
    E cosi è sempre stato!!!!!!

  17. paolo41,

    Beh vedo che anche in quest’ultimo tuo intervento del tutto ipocritamente pensi che ci sia una casta politica immonda a fronte di un popolo pieno di virtù……allora ti consiglio di andare a rileggerti ad esempio ” Discorso sopra lo stato presente dei costumi degli italiani ” di G. leopardi…….oppure le pagine del Guicciardini relative al ” Culto del particulare ” dei nostri antenati. :mrgreen:

  18. Lukas,

    ‘nà volta abbiam civilizzato e creato l’occidente con l’aggiunta del pensiero greco.
    Solo i Cinesi dall’altra parte hanno fatto altrettanto.
    Se i Cinesi sono risorti, vuoi che anche noi non riusciamo a combinare di nuovo qualcosa, almeno un pochetto?
    Ho conosciuto e conosco persone condannate oggi alla marginalità che hanno molto ma molto, più cervello ed etica del nuovo astro nascente salvatore della Patria cool.
    Non metterla così male.
    E’ solo un popolo condannato a servire e ad arrangiarsi per sopravvivenza da una cultura secolare.

  19. non riesco a capire questo tuo accanimento nei miei confronti, usando espressioni offensive come “volutamente omessi” o “ipocrisia”, etc. Mi domando chi ti dà l’autorizzazione a ergerti a giudice dei miei commenti; il mio suggerimento è che tu ti occupi di postare le tue opinioni senza criticare od offendere le esternazioni degli altri. Se hai un minimo di statura in questo blog, così facendo stai perdendo punti…. e comunque per evitare inutili discussioni con me hai chiuso !!!!

  20. paolo41,

    Lungi da me il pensiero di ergermi a giudice….ho solo espresso il mio punto di vista che credo sia diametralmente diverso dal Tuo…e senza offendere nessuno .

    Eppoi offese quali? aver semplicemente constatato ……che hai citato ” sarcasticamente” i Soli Napolitano e Letta…..omettendo, ( forse a caso o per fretta ) tutti gli altri ?

    Ed ancora…… sei Tu che mi pare ti erga a giudice, a mio avviso, non imparziale, di una “sola” parte della nostra classe politica……che ti ricordo viene eletta da circa 70 anni in libere elezioni democratiche….. dal popolo italiano….e non da alieni marziani .

    O vorresti forse riproporre il sistema del Listone Unico del ventennio precedente ?

  21. ihavenodream scrive:

    Lukas,

    Bravo, se vuoi completare leggi anke il de republica di cicerone e vedrai ke già 2000 anni fa avevano capito le problematiche della democrazia e tirato fuori qualke idea x risolverle…infatti la nostra forma di governo i romani non la chiamavano democrazia ma demagogia…i nostri politici sono tutti dei demagoghi perke’ appartengono a un sistema demagogo…l’egualitarismo è una ideologia pericolosa come il fascismo o il comunismo…