ITALIA: il vero spread da monitorare DEVE essere la disoccupazione!

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Continua ad essere fermamente convinto che lo stato di salute finanziaria non può sottovalutare il tasso di disoccupazione come elemento fondamentale per fare delle valutazioni costruttive.
Quindi, con disoccupazione in aumento NON ESISTE ripresa economica.
NON ESISTE !!!!
Capito ministro Saccomanni? NON ESISTE! Tanto più in un sistema economic come il nostro dove la disoccupazione è RADDOPPIATA in sei anni (dal 2007).

Eccovi in sintesi quanto ho postato su TWITTER  in merito ai dati sulla disoccupazione italiana. Se ancora non lo avete fatto, vi consiglio di iscrivervi al mio canale twitter  per restare sempre aggiornati su cosa accade nel mondo della finanza e dell’economia.

Tasso disoccupazione ITALIA

 

Confronto tra disoccupazione italiana ed Europea

Ovviamente la situazione si fa anche difficile in ambito di disoccupazione giovanile. Ecco la mappa europea. (clicca per ingrandire)

A livello europeo la disoccupazione giovanile è pari al 23.6%, con i picchi in Spagna (57.7%), Grecia (54.8%) e poi….Italia (41.6%).
Chiudo e lascio a voi i commenti con un ultimo tweet…

 

STAY TUNED!

Danilo DT

Condividi questo post sui social media. Non ti costa nulla e ci aiuti a crescere!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

Buttate un occhio al nuovo network di Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
ITALIA: il vero spread da monitorare DEVE essere la disoccupazione!, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Commenti (n° 1)Commenta

  1. Se devo pagare oltre il 50% di contributi sociali, sullo stipendio pagato ad un dipendente, io non assumo!
    Se devo pagare una tassa (IRAP) del 3.5 per mille non sugli utili effettivi ma sul costo del lavoro utilizzato per produrre, io non assumo!
    Se scopro un dipendente infedele, o peggio ladro, e devo comunque trattare con un sindacato capace solo di estorcere denaro minaccciando chissà quali ulteriori gravi ripercussioni e moltiplicazioni di mensilità accessorie come penali (oltre al danno anche la beffa, quindi) per togliermi di torno colui o colei che contravvengono pure al 7o Comandamento, pagando pure e soltanto io Azienda gli oneri della cosiddetta “trattativa”, io non assumo!
    Volete qualche altra ragione per la disoccupazione eccessiva?
    Fatevi prestare i soldini dal babbino o dalla mammina oppure usate la vostra bella liquidazione e mettetevi in proprio e poi me lo raccontate…
    Oppure fatevi assumere da qualche azienda a capitale straniero e quando vi manda a casa provate a telefonare ad un numero che rimane sempre muto o a contattare un amministratore fantasma e che se lo beccate non sa proprio come aiutarvi…
    Tutti uguali? Sì, tutti poveri…
    Ministro chi?
    Quello che ci piglia per il c…o con lo spread e la diminuzione del carico fiscale?
    Minghia, adesso sì che siamo a posto… uno così si che sa cosa fare…