Irlanda in miglioramento: i PIIGS perdono una I?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Default Irlanda definitivamente evitato? Non è una certezza ma Dublino si candida come il primo tra i PIIGS ad uscire dalla crisi.

Beh, non posso certo negarvi il fatto che nelle ultime giornate vi ho “torturato” con tante news non proprio allegre sugli stati: Cipro, Argenti,a Grecia, Sudafrica… Ma che ci volete fare, siamo in un mondo che affoga nel debito e preferisco raccontarvi le cose come stanno nella realtà. Poi come sempre, una cosa sono i fatti ed un’altra cosa sono i mercati, frutto di psicologia, dinamiche monetarie, sentiment, banche centrali ecc.  In realtà quello che voglio farvi vedere è semplicemente questo: grazie all’intervento di governi e banche centrali, la situazione è apparentemente migliorata. Peccato però che, alla fine della fiera, i problemi sono ancora e sempre tutti lì.

Ma stavolta invece, voglio portarvi una buona notizia. E questa buona notizia interessa uno dei PIIGS, quello più anglosassone: l’Irlanda.

Irlanda fuori dalla crisi?

Fitch finalmente butta un po’ di speranza e cambia il rating dell’Irlanda da negativo a stabile. Voi direte che è un nulla. In realtà è un cambio di rotta che avviene in un momento molto delicato.Il rating resta sempre BBB+ ma l’outlook migliora. Il rendimento del bond irlandese a 9 anni è praticamente tornato ai livelli pre-crisi, al 4.47%.

Irish government bond 9yr YIELD (Source Bloomberg.com)

E pensate che lo stesso bond, a luglio 2011, rendeva il 15.5%. E il deficit è collassato (in miglioramento). Se poi guardiamo i CDS, siamo passati dal notevole 725 bp ad un ben più tranquillo 185bp. 

E se guardiamo questo grafico, che mette a confronto rating e CDS, risulta evidente che lo stato meno coerente con la situazione attuale è proprio l’Irlanda, che meriterebbe un upgrade. (Per la cronaca, male invece il Portogallo).

 

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Irlanda in miglioramento: i PIIGS perdono una I?, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 8)Commenta

  1. Volendo potrebbe restare PIGS ma la i mancante potrebbe essere quella dell’Italia basterebbe far pagare alle multinazionali estere il 10% invece che del 12,5% come fanno in irlanda e il ribaltone riuscirebbe.

  2. Be’ d’altra parte l’irlanda, qualche anno fa, era la tigre celtica ed è stata la “i” aggiuntiva dei pigs. Gli originali PIGS erano (e saranno), purtroppo, Portogallo, Italia, Grecia e Spagna…

  3. kry@finanza,

    Ciao… capisco il tuo ragionamento ma lo condivido solo in parte… perchè se io fossi una multinazionale, non mi basterebbe certo il 10% per venire a “bestemmiare” in Italia… troppe regole assurde, troppa burocrazia e troppa gente inutile da mantenere…

    Io tra Irlanda al 12.5% e Italia anche allo 0%, con le regole attuali, preferirei comunque Irlanda…

  4. saremo nei PIIGS, però siamo gli unici della compagnia a non ricevere aiuti diretti, ma a pagare gli altri maialotti.

    che fortunelli :lol:

  5. mannoz@finanza,

    Sì… noi siamo sempre i più furbi… :oops: :twisted:

  6. sturmer@finanza,

    Concordo, teniamo anche presente che godiamo di una buona posizione geografica

  7. Penso che il “?” di DT sia molto corretto, la situazione è come dire ancora “fluida”… e con molte possibili interpretazioni. Senza una ripresa dell’economia reale globale la vedo dura…

    http://trueeconomics.blogspot.it