Investire: battere il benchmark e rischiare di meno. Ecco come!

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

BETA: analisi del secondo portafoglio investimento di Compass. Il risparmiatore può anche decidere di NON essere un “pupazzo”

A seguito della denuncia dell’uomo di Goldman Sachs, molti risparmiatori si sono sentiti dei “pupazzi”. In questo post avete avuto modo di leggere e soprattutto di capire il mondo della finanza come è corrotto, falso e pilotato. Molto spesso capita che il povero risparmiatore sia “vittima” a sua insaputa di un sistema che tende innanzitutto a voler guadagnare sulle spalle degli altri, fregandosene dell’etica e delle vere priorità: la difesa del risparmio. Riprendetevi il post CLICCANDO qui e capirete.

Molti lettori del blog sono dei trader. Molti altri sono dei normali risparmiatori che cercano di difendere i loro risparmi, sfruttando le occasioni dei mercati, possibilmente massimizzando i rendimenti con un rischio il più possibile “sotto controllo”.

Come ben sapete I&M ha fatto partire il progetto Compass nel lontano 2009. Attualmente trovate 3 portafogli:

Alpha: 80% obbligazioni – 20% azioni

Beta: 50% obbligazioni – 50% azioni

Gamma: 20% obbligazioni – 80% azioni

Oggi vorrei farvi vedere come si è comportata “la via di mezzo”, ovvero BETA.

Guardatevi questa slide che illustra l’andamento del nostro portafoglio Beta, paragonato al benchmark Bilanciato Bilanciato. Un portafoglio in linea di massima composto  da un 50% di bonds e un 50% di equity, con un margine di oscillazione di +/- 10%.

Questo grafico GIA’ parla da solo. Lampante la differenza di performance tra il portafoglio BETA e il benchmark. Ma attenzione, non lasciamo nulla al caso e addentriamoci meglio nelle caratteristiche e nella qualità della gestione.

Sui rendimenti non sono necessari commenti. Parlano da soli e soprattutto la sistematica overperformance rispetto al bechmark non lascia grosso spazio all’immaginazione.

Ma un portafoglio NON è solo performance. Non è solo confronto con il benchmark. E’ anche gestione del rischio. Ovvero…il rendimento è stato ottenuto con che tipo di rischio? E badate bene, questo è un punto fondamentale nella gestione dei portafogli. Anche qui i risultati sono degni di nota ma, soprattutto per i meno “tecnici” vi dò una mano nell’interpretazione di alcuni degli indici sopra citati.

* Standard Deviation: 7.56 vs 10.48

La deviazione standard o scarto tipo o scarto quadratico medio è un indice di dispersione delle misure sperimentali, vale a dire è una stima della variabilità di una popolazione di dati o di unavariabile casuale. La deviazione standard è uno dei modi per esprimere la dispersione dei dati intorno ad un indice di posizione, quale può essere, ad esempio, il valore atteso o una stima del suddettovalore atteso. La deviazione standard ha pertanto la stessa unità di misura dei valori osservati (al contrario della varianza che ha come unità di misura il quadrato dell’unità di misura dei valori di riferimento). In statistica la precisione si può esprimere come deviazione standard.
In ambito finanziario, lo scarto tipo viene usato per indicare la variabilità di un’attività finanziaria e dei suoi payoff (rendimenti). Esso fornisce quindi, implicitamente, una misura della volatilità dell’attività, quindi del suo rischio. (Source).

Quindi. MASSIMIZZAZIONE DELLA PERFORMANCE RISCHIANDO DI MENO.

* Information Ratio: 1.44%

L’informatio ratio ha la proprietà di sintetizzare sia una misura di extra-rendimento sia di extra-rischio del fondo rispetto al benchmark. In base alla costruzione dell’indice emerge che un portafoglio gestito con una strategia passiva avrà un information ratio prossimo allo zero, mentre un gestore attivo dimostrerà una elevata qualità del proprio operato nella misura in cui sarà stato in grado di massimizzare il proprio rendimento differenziale rispetto al benchmark e minimizzare la rischiosità, sempre su base differenziale. E questo IR mette in forte evidenza la qualità gestionale. Provate a vedere l’IR dei vostri fondi….

* Sharpe Ratio: 1.38 vs -0.03

…l’indice di Sharpe rappresenta una misura del premio per il rischio determinata sulla singola unità di rischio assunto. Emerge quindi che il fondo con l’indicatore più elevato è quello che è riuscito a creare il maggior valore per unità di rischio e si è dunque collocato nella migliore posizione nell’ambito del trade-off rischio-rendimento.

Attraverso l’indice di Sharpe è possibile confrontare e classificare fondi omogenei per benchmark. Infatti, essendo la misura basata sulla relazione esistente tra rischio e rendimento, risulta che il fondo con il più alto indice di Sharpe è anche quello che ha prodotto il rendimento più alto in base al proprio livello di volatilità . (Source)
Credo sia tutto deto nella definizione qui sopra…

* Tracking Error: 7.41

Il tracking error rappresenta il valore aggiunto che il portafoglio in esame ha prodotto rispetto al benchmark e costituisce quindi una misura delle capacità del gestore determinata su basi relative, dato che ogni portafoglio gestito viene confrontato con i propri obiettivi e non con un indicatore generico come l’attività risk-free. (Source)

Volete vedervi tutta la scheda del portafoglio BETA? Eccovi serviti, con dati aggiornatissimi.

BETA Portfolio

E per vedere tutti i report su Alpha, Beta e Gamma, cliccate QUI. Si, perchè non c’è solo Beta. Nelle prossime puntate vi farò scoprire anche Alpha e Gamma.

TIPO PORTAFOGLIO PERFORMANCE BENCHMARK PLUS/MINUS VS BENCHMARK Data partenza
ALPHA 18,367% 4,740% 13,627% Data partenza: 22/10/09
BETA 31,699% 9,365% 22,334% Data partenza: 28/10/09
GAMMA 42,045% -19,682% 61,727% Data partenza: 29/10/09

E poi…un lieto evento in casa Compass. E’ nato Sirio, il portafoglio Total Return.
Come sempre…state sintonizzati.
Per info, curiosità e quant’altro cliccate QUI
e/o scrivete a :

[email protected]

Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

STAY TUNED!

DT

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (6 votes cast)
Investire: battere il benchmark e rischiare di meno. Ecco come!, 9.8 out of 10 based on 6 ratings

Commenti (n° 15)Commenta

  1. gremlin scrive:

    ma è chiaro, neanche un commento perchè non si riesce a credere ai propri occhi, sbigottimento da performance?

    MASSIMIZZAZIONE DELLA PERFORMANCE RISCHIANDO DI MENO

    qualcuno sa come fare e ci riesce

  2. gremlin scrive:

    ieri in COMPASS&MORE avevo aperto:

    - short su Eurostoxx, in gain ma target breve periodo, sto dentro, tanto sono protetto
    - long EURUSD, sono protetto
    - multi-asset dinamico protetto di lungo periodo

    segue dell’altro a breve

  3. Seguo il portafoglio Beta da circa un anno con indubbiamente ottimi risultati, grazie anche all’uso delle vetrine online per l’acquisto di fondi.

    Ad essere preciso ho apportato alcune variazioni a livello di timing, in particolare per l’oro (adesso per esempio sono uscito il 29/02 … ma ero entrato prima il 04/01… troppo prima purtroppo anche se ho realizzato comunque un gain).

    Adesso, per esempio, sarei tentato… visto l’aumento della probabilità di correzione dell’azionario, di portare a casa i guadagni del MORGAN STANLEY GLOBAL BRANDS classe A e del PICTET – GLOBAL MEGATREND SELECTION “R” EUR… ma preferisco aspettare ancora domani per vedere l’evoluzione.

  4. gremlin,

    Mi interessa in particolare la tua visione del long EURUSD, visto che anche io avevo fatto una puntatina entrando con tale ETN il 02.03.
    Il mio obiettivo però è di più lungo termine… visto che con tutti gli LTRO che hanno fatto mi aspetto una correzione dell’EUR rispetto al dollaro, che mi meraviglio non sia ancora avvenuta (probabilmente è dovuto ai rumors della GS sul varo di un nuovo QE in aprile o giugno).

    Io per fine anno mi aspetto un 1.20 o anche meno come rapporto… (forse lo tocchiamo anche prima)… specialmente se avranno bisogno (come sospetto dagli “entusiasmanti” dati economici) di un altro LTRO.

    P.S.

    Volevo segnalarti che nella scheda dell’apertura del long EURUSD nella parte riguardante l’operatività è erroneamente riportato l’ISIN del FR0010424143 al posto del JE00B3QQ4551. In basso invece è corretto.

  5. giandino scrive:

    A proposito di pupazzi…

    Volete leggere qualcosa di sconvolgente?
    “Le bugie del Marketing” di Martin Lindstrom pubblicato da Hoepli.
    Apprenderete come le aziende tentano di entrare nella “pancia” della madre per arrivare al feto… in modo da farne, dopo la nascita, un consumatore a vita dei loro prodotti.
    Apprenderete come le aziende aggiungano sostanze “stupefacenti” ai loro prodotti, per creare dipendenza (Red bull, ad esempio, è stata “pizzicata” con tracce di cocaina in Germania ed il prodotto, in molto zone della Germania, è stato proibito per legge).
    Se pensate che le banche facciano il bello ed il cattivo tempo… questo libro vi farà capire che, in realtà, noi siamo considerati “muppetts” (pupazzi) da manipolare e far muovere a comando.

  6. gremlin scrive:

    lampo,

    grazie per la segnalazione provvedo…

    il dollaro è sottoposto a forze contrastanti e riesce a sviluppare solo trend di breve medio periodo; il trend primario ribassista per eurusd è ancora lì congelato da un laterale che dura sempre di più
    il QE non si dovrebbe più fare visto l’andazzo dell’inflazione e la probabile ripresina e dentro al FOMC c’è gente eletta dal parlamento che non è er ninete in sintonia sui tassi a zero fino al 2014

  7. giandino scrive:

    Scusa Dream, :mrgreen:
    ho dimenticato i complimenti per le la performance e per la serietà dei Vostri portafogli…

    P.s. avevo scritto il post con il blocco note e nel copia ed incolla ho perso questo parte :!:

    Se possibile, in futuro potresti pensare di introdurre l’ opzione modifica post?

  8. lucianom scrive:

    SIRIO mi incuriosisce, spero sia il portafoglio che aspettavo

  9. gremlin,

    Anche secondo me il QE non si dovrebbe fare… ma siamo sicuri che il mercato l’abbia scontato?
    Secondo me no… per cui ecco uno dei motivi della mia scommessa, appunto per il trend ribassista che indicavi.
    Vedremo…

  10. gremlin scrive:

    lampo,

    appena riesco riprendo a commentare EURUSD

    in un portafoglio dinamico (Dream lo chiama total return, SIrio appunto) libero di seguire le dinamiche delle varie asset class e senza vincoli di investimento, non dovrebbe mancare in questo periodo una buona percentuale di commodity, soprattutto agricoli e energia. Qui nessuno è specialista ma guardando grafici e parlando con specialisti meglio approfittare del momento; a giorni preparo un ptf di questo genere per Compass&More
    Oggi Dream è latitante, sarà la juventus… chissà…

  11. gremlin scrive:

    giandino@finanzaonline,

    la modifica è cosa nostra… no, non è tecnicamente possibile, solo gli amministratori del sito

    ti ringrazio io a nome del tifoso juventino per i complimenti che sono sempre graditi soprattutto se sinceri :D

  12. Mamma che sfacchinata… Ora a nanna, sono devastato. grazie a tutti ma questo…non è che linizio.

    bye

  13. maurobs scrive:

    Ragazzi ciao a tutti, posto qui anche se sono OT…….
    curiosando si Yahoo finance noto che tanti insider in tutti i settori sono venditori di azioni e la cosa non mi sfagiola…..per me sentono puzza di bruciato……ricordo di aver letto settimana scorsa un’articolo(ma non ricordo in quale sito o blog) che appunto si notava questa “anomalia”
    Tu dream col potente bloomberg riesci a dare un’occhiata e renderci edotti?
    se qualcuno sa di qualche sito dove si possono reperire gratis qs notizie è ben accetto erchè su yahoo te li devi passare uno ad uno i titoli…..

  14. tengobotta scrive:

    Grem, preso dalla foga ho comprato subito anch’io 400 di ETF STOXX50 SH, però l’ho fatto ieri quando già era in gain del 2%….temo però che sia la solita correzione veloce che dura un giorno e domani riparte di botto. Per ora sono protetto con un ETF INDIA comprato sui supporti

  15. giandino@finanzaonline,

    :-) DENGHIU’!

    maurobs@finanzaonline,

    DOMANI ci butto un occhio ok? :D se ce la faccio… :cry: