Intermarket Groove: nervosismo e prudenza con lo spettro della stagflazione

Scritto il alle 09:36 da Danilo DT

Aumenta la tensione. Già nell’intermarket intraday di ieri avevamo notato un chiaro incremento del rischio percepito dal mercato. Alla fine anche gli USA hanno mollato con una correzione corposa, e quindi il quadro di RISK OFF si è pienamente avverato.

Ovvio, il mercato è sempre più nervoso. Nervoso a causa dell’irrisolta telenovela Greca, con EFSF che dovrebbe salvare capre e cavoli ma con agenzie di rating che non fanno altro che continuare ad abbassare il giudizio sulla Grecia, nervoso perché lo spettro del default tecnico USA sembra avvicinarsi, nervoso perché la macroeconomia non dà segnali di ripresa, nervoso perché il settore bancario è sotto tiro per mille motivi, nervoso perché sull’interbancario iniziano a sentirsi delle tensioni, nervoso perché ci si rendo conto che il futuro è a tinte fosche, poche certezze e tanti, tanti dubbi, nervoso perché in molti si chiedono come sarà il mondo senza un QE3. Quindi, resta gioco facile vendere gli asset su cui si è tradato e che sono in utile in attesa di maggior chiarezza (e di tendenze migliori).

Ritorno al passato? Al momento il rischio sta lievitando ma rientra nei parametri di un semplice “momento correttivo”. Anceh se poi noi sappiamo benissimo che la crescita economica è un gigante dai piedi d’argilla.

Intermarket Intraday

La griglia intermarket (con ben 12 grafici) che ho ideato ha un timeframe intraday con uno sviluppo di 5 giornate lavorative. Quindi un grafico intraday a 5 giorni. Come già detto, il grafico intermarket intraday ha come obiettivo il cercare di fotografare lo scenario di breve periodo dei mercati finanziari, analizzando cosa è successo nelle ultime giornate di borsa, alla ricerca delle divergenze intermarket intraday.
Partendo dall’alto a sinistra (quadrante 1), e poi proseguendo via via (fino al quadrante 12 in basso a destra) troverete:

1. Future mini SP 500
2. Shanghai Comp Index
3. Bank Index
4. Dax Future
5. VIX Volatility index
6. T Note Gov.
7. Dollar Index
8. Bund Future
9. Future WTI
10. Gold Future
11. CRB index
12. Future Copper (Rame)

Questa analisi diventa interessante quando si vanno a considerare le divergenze tra le varie asset class. Tali divergenze illustrano eventuali scenari di inversione. Quindi, badate bene, non è un tentativo di prevedere il futuro analizzando semplicemente il trend dei giorni precedenti (che è segnato in azzurro e che se mantenuto, significherà continuazione di tendenza) ma è un modo per cercare di anticipare eventuali cambiamenti di polarità dei mercati.



La prima area (1-2-3) EQUITY AREA . Mi impressiona soprattutto il DAX. Fuga dall’equity incondizionatamente. Non un bel segnale…Per il resto, come detto, tutto negativo.

Seconda area (4-5-6) RISK AREA: e dopo i segnali premonitori dei giorni scorsi, le conferme. RISK OFF, con VIX che riparte, oro forte e ai massimi, Bund super comprato e T Note in crisi esistenziale per via delle vicende sul debito USA. Ma NON venduto a piene mani.

Terza area (7-8-9) COMMODITY AREA . Continua il caos sulle commodity, influenzate dall’equity (negativo), dalla paura (positivo per l’oro) e dal rischio inflazione (positivo)



ANALISI DIVERGENZE

Il quadro confusionale sta riprendendo forma, e non è un bel quadro. Un’analisi oggettiva, a livello puramente epidermico, mi fa venire in mente una tremenda e pericolosa parola. STAGFLAZIONE.
Tocchiamo ferro, ragazzi…

Buona giornata e buon trading a tutti….

STAY TUNED!

DT

Sostieni I&M!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
4 commenti Commenta
Lukas
Scritto il 28 luglio 2011 at 10:04

Dream io al momento questo spettro della stagflazione non lo vedo…..sono ormai mesi che in termini reali il prezzo delle commodities è in discesa ( vedi grafico allegato )….. il problema piuttosto mi sembra essere la carenza di domanda soprattutto nelle economie occidentali……problema che nei prossimi mesi potrebbe altresì acuirsi……per la necessità di adottare politiche fiscali restrittive !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 28 luglio 2011 at 10:05

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

shoottheredc
Scritto il 28 luglio 2011 at 10:08

ciao Dream…forse non sono proprio in argomento, ma a che ora è l’asta dei btp???

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

84leonardo
Scritto il 28 luglio 2011 at 10:08

comunque le due nuove proposte di repubblicani e democratici sono molto più vicine.
Il problema rimangono le falange estreme dei repubblicani ultra conservatrici. Stanno veramente esagerando.
Comunque se ho capito bene hanno accantonato piani a breve termine e pare stiano lavorando ad un piano strutturale di lungo periodo. Forse fanno anche in tempo ad evitare un downgrade che pareva scontato.

Inoltre pare che le falange più estreme dei repubblicani siano in contrasto con i repubblicani stessi. Con un po di spinta penso che l’ accordo sia possibile nelle ultime ore.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+