Intermarket Groove: i mercati perdono forza e convinzione. Benvenuti nella Nuova Era.

Scritto il alle 09:21 da Danilo DT

Sembra quasi che quella magia che guidava i mercati finanziari nel 2014 sia venuta improvvisamente a mancare con l’arrivo del nuovo anno. Di certo il grando protagonista, in negativo, è il petrolio. Ma non fossilizziamoci solo sull’oro nero. Tutto l’intermarket è in movimento.

Stamane il petrolio è nuovamente in forte correzione (-3% il future WTI a New York), mentre l’oro lancia un alert di decorrelazione. E le borse non possono che continuare ad essere deboli. Un trend che ha perso di tonicità e di forza. I rialzi non sono mai convinti, magari si apre bene ma poi nel corso della seduta i margini vengono erosi e si torna a performance zero. Certamente I prossimi giorni (FED; BCE e elezioni Grecia, oltre che decisioni su OMT da parte della Corte Costituzionale tedesca) pesano sul sentiment e generano incertezza.

Intermarket intraday

La griglia intermarket che ho ideato ha un timeframe intraday con uno sviluppo di 5 giornate lavorative. Quindi un grafico intraday a 5 giorni. Come già detto, il grafico intermarket intraday ha come obiettivo il cercare di fotografare lo scenario di breve periodo dei mercati finanziari.
Partendo dall’alto a sinistra (quadrante 1), e poi proseguendo via via (fino al quadrante 9 in basso a destra) troverete:

1. Future SP 500
2. Shanghai Comp Index
3. Bank Index
4. VIX Volatility index
5. T Note Gov.
6. Dollar Index
7. Future WTI
8. Gold Future
9. CRB index

intermarket-intraday-2015-01-13

La prima area (1-2-3) è relativa all’equity. Il comun denominatore di tutti i mercati è il termine “debolezza”. Il future sullo SP500 è al momento debole, come anche quello tedesco. Deboli soprattutto le banche. Lateralizza Shanghai che al momento vive di luce propria..

Seconda area (4-5-6) E’ relativa al VIX, al Dollar Index e al mercato obbligazionario. Il VIX resta in area 19. Un livello che storicamente non è elevato ma resta superiore alle medie (anomale) degli ultimi mesi. Un ulteriore segnale che la magia è sfumata via? Intanto però, in barba alle voci dei rialzi dei tassi, il Treasury USA continua nella sua corsa rialzista seguito anche dal Bund. Motivo duplice: di tassi in salita non se ne vedranno ancora per un po’ e con le tensioni sui mercati questi titoli tornano ad essere un “bene rifugio”.

Terza area (7-8-9) è quella delle commodity. Il forte e continuo rallentamento delle materie prime non è certo un buon segnale per l’economia. Una correzione che è dovuta certamente alle politiche OPEC sul petrolio, ama quando guardiamo per esempio il trend del rame, ci rendiamo conto che la questione è un po’ più ampia. Si tratta di rallentamento globale. Oro invece in controtendenza: visto che di tassi in rialzo non se ne vedranno, la motivazione è legta anche alla funzione di “safe haven” del metallo giallo e al raggiungimento di un prezzo che ormai si sta rivelando come uno “zoccolo duro” o una base di appoggio. O se preferite…di ripartenza.

MORALE: il mercato continua a manifestare la sua debolezza strutturale. Il sentiment non è quello dell’anno scorso ed è evidente il timore di ritrovarsi con un mercato con una fisionomia diversa rispetto a quella del 2014. L’ho già ripetuto un sacco di volte. Siamo entrando in una “Nuova Era” degli investimenti e nulla sarà facile come lo è stato fino ad oggi.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

I need you! Sostienici!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Intermarket Groove: i mercati perdono forza e convinzione. Benvenuti nella Nuova Era., 10.0 out of 10 based on 1 rating
6 commenti Commenta
adsodimelk
Scritto il 13 gennaio 2015 at 09:49

A me sembra che sia solo e soltanto il solito mercato, con i suoi alti e bassi, le sue correzioni e i suoi trend. Ricordo qualche post fa un tono che prendeva atto del tono rialzista del mercato (e i suoi eccessi, ovvio), già cambiato idea?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 13 gennaio 2015 at 10:44

adsodimelk@finanzaonline,

IL post a cui ti riferisci tu credo sia questo, dove praticamente Draghi ha annunciato di voler trasformare la BCE in una banca centrale modello FED.
Questa decisione potenzialmente potrebbe generare i presupposti per un rally non indifferente.
http://intermarketandmore.finanza.com/alert-draghi-trasforma-la-bce-in-una-banca-centrale-stile-fed-69913.html
Poi però sono intervenute delle variabili che hanno “macchiato” lo scenario, in primis il crollo del petrolio e poi l’ultima presa di posizione della BCE sulle banche
http://intermarketandmore.finanza.com/la-bce-affossa-i-mercati-e-chi-lo-avrebbe-mai-detto-70527.html
più ovviamente le incertezze su Grecia e QE Europeo.
Qual’è quindi la differenza rispetto a prima? il mercato sta perdendo quelle certezze che lo hanno guidato negli ultimi mesi. Ed un mercato senza questo tipo di guida diventa volatile. E la volatilità non è amica del trend. Dici che il mercato è sempre lo stesso? Non mi pare. Nel 2014 potevi comprare qualsiasi cosa e guadagnavi. Oggi non è più così.
Infine tieni conto che quest post è sull’intermarket INTRADAY quindi con una visione di breve.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 13 gennaio 2015 at 11:08

Volatilità regina. Ora FTSEMIB a +1%

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ob1KnoB
Scritto il 13 gennaio 2015 at 15:09

ALERT!!!!!
Te la ricordavi questa?

http://www.reuters.com/article/2014/10/26/us-eu-banks-deflation-idUSKBN0IF0GF20141026

siamo nelle mani di un branco di incompetenti?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 13 gennaio 2015 at 16:54

    Ammeto che me l’ero rimosso, e a rileggerlo mi viene il volta stomaco….
    Ottima segnalazione

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

ob1KnoB
Scritto il 13 gennaio 2015 at 18:10

Murphy’s Law: (“If anything can go wrong, it will”).

quindi ne per i consumi, ne per la crescita:
http://www.telegraph.co.uk/finance/newsbysector/banksandfinance/11191361/ECB-stress-tests-vastly-understate-risk-of-deflation-and-leverage.html

altro che Grexit.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+