Il pantano Italicum : economia ridotta al lumicino (non solo a causa del maltempo

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

La correzione continua. Le cause sono ormai ben note. I timori per una nuova crisi dei mercati emergenti con tutto ciò che concerne una loro crisi valutaria, più alcuni dati societari usciti nelle ultime ore non proprio all’altezza delle attese degli analisti. L’indice Dow Jones ha perso sul finale lo 0,95% a 15698,20 punti mentre l’indice Nasdaq ha lasciato sul terreno lo 0,47% a 4103,88 punti. Per quanto riguarda Piazza Affari, la seduta si è chiusa alla fine con un “Nulla di fatto”. L’indice Ftse Mib termina gli scambi con un frazionale rialzo dello 0,03% mentre il Ftse all share registra un +0,07%., dopo aver visto in giornata anche un -1.50%.
Tutto questo malgrado dati sulla disoccupazione italiana più che preoccupanti.

(AGI) – Roma, 31 gen. – Il tasso di disoccupazione cala al 12,7% a dicembre, con una diminuzione di 0,1 punti rispetto al tasso record del 12,8% raggiunto a novembre. “Per la prima volta, dopo un bel po’, un miglioramento – ha scritto su twitter il premier Enrico Letta – Ulteriore spinta a fare del lavoro la priorita’ 2014″. Il dato di dicembre calcolato dall’Istat e’ tuttavia in aumento di 1,2 punti nei dodici mesi. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni e’ pari al 41,6%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in aumento di 4,2 punti nel confronto tendenziale. A novembre, nelle grandi imprese l’occupazione registra una diminuzione dello 0,2% su base mensile al lordo dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig) e una riduzione dello 0,5% al netto di quelli in Cig. Su base tenenziale l’indice calcolato dall’Istat scende dell’1,2% al lordo e dell’1,0% al netto dei dipendenti in Cig. Nell’Eurozona, invece, la disoccupazione a dicembre risulta stabile al 12%; nell’Ue28 scende leggermente a 10,7%. In Italia, riferisce Eurostat il tasso e’ diminuito al 12,7% da 12,8% di novembre. Secondo il Codacons, l’Italia resta la Cenerentola d’Europa. Per Confcommercio, “anche nello scorso mese di dicembre il numero di occupati si e’ ridotto (-25mila unita’ rispetto a novembre)” e “questo ennesimo deterioramento porta le persone occupate al minimo assoluto dal 2004 (inizio delle serie mensili sulle forze di lavoro). Il dato e’ preoccupante anche perche’ si associa a una riduzione del complesso delle forze di lavoro, tornate ai livelli di gennaio 2012″. (AGI) 

Questa cosa deve preoccuparci, e non poco. Ci stiamo giocando il futuro. Siamo un paese che si sta inabbissando, l’occupazione tracolla perché non si investe più, non si produce più, si chiudono le imprese, si manda la gente a casa. Mancheranno i soldi per vivere, per campare, e quelli che avranno un lavoro saranno costretti a subire contratti “canaglia” proprio come quello visto con l’Electrolux negli utlimi giorni.

Potrebbe finire male il caso Electrolux. Drastici tagli lineari sul costo del lavoro per tutti, e piano industriale solo per tre insediamenti, con il quarto quindi, Porcia, a rischio chiusura. Per non parlare degli stipendi, che da 1.400 euro al mese scenderebbero a 7-800, allineati a quelli polacchi. (IFQ) 

E le banche, come visto, investono sempre meno nell’economia reale. Chi presta ancora denaro alle imprese in questo momento? Chi è pronto a “scommettere” sulla ripresa tra le banche? Ma non temiamo, il nostro Saccomanni promette mari e monti, nella fattispecie fondi europei in arrivo….

(…) in un anno segnato ancora dalla crisi, la Banca per gli Investimenti ha assicurato una boccata d’ossigeno al settore imprenditoriale, soprattutto alle Pmi, che piu’ di altre imprese soffrono nell’accesso al credito. ”Auspico che l’impegno della Bei possa essere ulteriormente sviluppato in futuro, per sostenere e accompagnare la nostra industria e le nostre imprese nella fase di ripresa economica che – ha sottolineato – se pur ancora molto debole, sta mostrando i primi segnali anche in Italia”. Saccomanni ha poi ricordato che il nostro Paese ha sempre attribuito grande importanza al ruolo della Bei ed e’ anche per questo che l’Italia ha partecipato con entusiasmo all’aumento di capitale nel 2013 con la quota di 1,6 miliardi di euro. Il governo italiano ”e’ impegnato anche in prospettiva – ha concluso il titolare del Tesoro – a sostenere le iniziative che la Bei potra’ svolgere concretamente anche in connessione con il bilancio europeo”. (AGI) 

Vero, l’Italia ha sempre pagato, ma cosa ha mai ricevuto in cambio? Solo una cosa. Si chiama AUSTERITY.

(Reuters) – (…) La Bei è stata ricapitalizzata per 10 miliardi recentemente e l’Italia ha partecipato per 1,6 miliardi. “A fronte del nostro investimento il moltiplicatore è stato significativo. La Bei è stata molto vicina all’Italia”, ha detto il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni.

Fate quelli che volete, signori della politica. Visto il momento difficile a livello climatico, possiamo proprio dire che l’importante è uscire dal pantano….

”Il Tevere da Ponte Milvio alla foce e’ in continuo monitoraggio. Al momento non si registra alcuna esondazione all’altezza di Ponte Milvio”. Lo comunica in una nota la Protezione civile di Roma Capitale ricordando che per segnalazioni e richieste di interventi e’ possibile contattare la Sala operativa h/24 dell’ufficio Protezione civile al numero 06.67109200 o al numero verde 800.854854. (ASCA) 

Top of the blog: Bulls & Bears (condividete questo post!)

YESTERDAY

FTSEMIB: congestione

FTSEMIB time frame grafico: DAILY time forecast: 1 settimana trend: laterale/ribasso Nota del 31/1/14: la correzione continua e il cluster di supporto segnalato nella nota precedente svolge efficacemente la sua funzione di blocco ribassista mediante formazione di una congestione caratterizzata da … 

La fuga dai mercati emergenti non è finita

Nei giorni passati ho parlato spesso delle dinamiche dei flussi finanziari in movimento tra le varie aree geografiche con conseguenze abbastanza pesanti soprattutto per i mercati emergenti. In particolar modo è stato questo grafico a creare curiosità. Questo post va … 

Banche Eurozona: esposizione su debito pubblico è vero rischio sistemico

E’ ben noto il ruolo di Mario Draghi all’interno del progetto di salvataggio dell’Euro e dei paesi che ne fanno parte utilizzando qualsiasi mezzo (…whatever it takes…). LTRO, ovvero liquidità con cui riempire la pancia alle banche, le quali hanno … 

JAN 30

Italia sempre al palo. Ogni ora chiudono due aziende.

Per la serie “un grafico vale più di mille parole” ecco lo stato di salute del debito, in due paesi dell’Eurozona che consideriamo come “periferici”, ovvero la nostra Italia e la Spagna. Mi riferisco ai default societari e ai mutui … 

Valute emergenti: problemi e opportunità

Nel giro di pochi giorni abbiamo visto un ulteriore crollo delle valute dei mercati emergenti, a partire dall’Argentina, e forti apprezzamenti dei CDS su Ucraina. Ma ecco che alcune banche centrali hanno reagito prontamente con l’aumento dei tassi di interesse … 

FOMC conferma exit strategy programmata: mercati in evoluzione

La politica monetaria domina sui mercati finanziari e le mosse della FED condizionano e condizioneranno le tendenze futuro. Come da copione. Come atteso dal mercato, come detto ieri in questo post, la Fed ha annunciato al termine della sua riunione … 

JAN 29

Bye Bye Bernanke. Ultimo FOMC con incognita sul tapering

Questa sera il buon Ben Bernanke lascerà la cloche di comando della FED alla sua delfina, quella Janet Yellen che è vista dal mercato come la colomba tra le colombe. E subito sarà un importante test. Scontato il “nulla di … 

Aumenta la tassa sul trading “veloce”. Dal 20% al 27%. Anzi no.

Come anticipato ieri in un tweet dedicato, il Governo ha deciso di dare un altro colpettino con un inasprimento fiscale a chi fa trading, alzando la tassazione del capital gain da 20% a 27%. Verranno interessate dal provvedimento tutte quelle … 

Turchia. La banca centrale alza i tassi in difesa della Lira. E le valute emergenti ringraziano.

Nei limiti delle loro possibilità, i paesi emergenti cercano di difendersi dalla speculazione e dall’uscita di capitali con mosse di politica monetaria abbastanza aggressive. Se l’Argentina cerca di sostenere il Peso, svenandosi, la Turchia decide invece di difendere la Lira … 

JAN 28

CRISI Argentina: i nodi vengono al pettine. Una dura lezione anche per chi spera nel ritorno alla Lira

Chiarezza e trasparenza. E’ quello che è sempre mancato a chi ha creduto nell’Argentina anche dopo la rinegoziazione del debito. Un paese che ha sempre nascosto alla comunità internazionale il reale stato delle cose e che oggi si trova in … 

To Taper or not to taper: ma i paesi emergenti sono deboli non solo per questo motivo

Le valute di molti paesi emergenti, in particolare quelli con deficit delle partite correnti più sostenute, dovranno fare i conti con un’ulteriore fase di debolezza. Stiamo assistendo alla stessa debolezza già vista quest’estate quando la FED ha annunciato con troppa … 

Italiani sempre più poveri. Ma non tutti.

I dati Bankitalia ci illustrano uno Stato in impoverimento. Ma poi andando a fondo scopriamo realtà sconcertanti che certificano il fatto che il Bel Paese non ha futuro (ahimè) Scattare un’istantanea dello stato di salute delle famiglie italiane non è … 

JAN 27

WALL STREET: tempo di correzione ma per il breve periodo

GUEST POST – Wall Street appare più debole mentre invece PIazza Affari è in gran forma. Analisi dei dati del CFTC secondo la personale visione di Lukas. Cari amici, nella scorsa settimana, come temevamo, i mercati azionari, dopo mesi di … 

PIAZZA AFFARI: in attesa di conferme correttive

Guest post: crash emergenti e borse core che seguono a ruota. Trading Room #120, analisi tecnica dell’indice FTSEMIB e analisi azioni italiane e…per l’occasione occhio a Banco Popolare e Tod’s. A mio modesto modo di vedere, la settimana che si … 

Massacro valutario nei paesi emergenti

Come in un domino, la situazione nei vari paesi emergenti progressivamente va peggiorando. Partendo dalla Crisi Argentina ed in Venezuela, senza dimenticare il rischio contagio. L’elenco delle economie in crisi (e con esse le loro valute) è veramente ben fornito. … 

MACROECONOMIA ed ORO: perché essere positivi sul metallo giallo per il 2014

GUEST POST: dopo il tremendo 2013 il metallo giallo potrebbe vivere un anno di riscosse. Il solito barometro settimanale dell’oro e gli avvenimenti più importanti della settimana e il ruolo dell’oro nei portafogli di investimento e degli investitori istituzionali. Dopo … 

JAN 25

Flussi in uscita dai Paesi Emergenti (che tramontano)

Tanto tuonò che piovve. Nell’ultima settimana avrete avuto modo di leggere su questo blog una serie di post che andavano ad anticipare la correzione che era ampiamente nell’aria ma che non poteva essere definita a livello dimensionale. Solo una mini … 

Eccesso di Velocità. Ecco perché la borsa USA è a rischio correzione

Quali sono i multipli scontati dai mercati azionari? Sono sostenibili? E cosa comporta uno stop. Un post di importanza notevole per chi vuole investire in borsa con consapevolezza. Si fanno mille parole ed ipotesi, ma NON..

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!)

STAY TUNED!

Danilo DT

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui, contattami via email.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

I need you! Sostienici!

Buttate un occhio al nuovo network di Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

§ Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news dal web §


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (3 votes cast)
Il pantano Italicum : economia ridotta al lumicino (non solo a causa del maltempo, 9.0 out of 10 based on 3 ratings

Commenti (n° 2)Commenta

  1. guarda che il caso Electrolux è un esempio eclatante di quanto diciamo da molto tempo: c’è un innegabile calo di domanda a livello mondiale per certe categorie di prodotti, e il “bianco” è uno di quelli. O produci un prodotto di nicchia ad alta qualità e alto valore aggiunto, oppure entri in concorrenza con quei paesi dove i minori costo del lavoro e il sistema fiscale favoriscono maggiori margini per essere competitivi. Non c’è altra strada che ridurre i costi dello Stato e delle varie caste (vero Mastrapasqua???), agire condannando chi spreca e/o ruba a livello servizio pubblico, combattere l’evasione e favorire l’industria, perché è solo lì che si creano posti di lavoro…….

  2. Leggo oggi la dichiarazione di Zanonato sull’Electrolux: il governo mostrerà i denti e non accetta che si parta dalle discussioni del costo del lavoro!!!!! Ma, Signor Ministro, vuole parlare del carico fiscale (58%) inclusa l’irap che è una tassa sul lavoro (sic!!!) o del costo dell’energia o dell’efficienza della giustizia civile, o della asfissiante burocrazia?????? di cosa vuole parlare con la famiglia Wallenberg????