Il FMI apre il vaso di Pandora teutonico (e greco)

Scritto il alle 09:45 da Danilo DT

vaso-di-pandora-fmi

L’intervento del FMI sulla crisi Grecia non ci sorprende per nulla, anche perché è in linea con il suo comportamento passato.
Certo Alexis Tsipras continua nella sua propaganda politica, dicendo di meritare tutto il sostegno necessario a livello finanziario.
Questa è la posizione della “parte debole”, ovvero di chi deve restituire i soldi. Ma siamo sicuri che sia proprio la Grecia la parte debole?

principali-scadenze-debito-grecia-2016

Intanto però a scannarsi sono proprio FMI e Germania. La prima chiede, per continuare a sostenere la risibile resurrezione greca, un taglio del debito. La Germania fa orecchie da mercante e sembra contraria a qualsiasi accordo di ristrutturazione del debito prima del 2018.
Ora la palla passa all’Eurogruppo del 24 maggio anche se, a causa delle forti divergenze, si rischia il classico “nulla di fatto”. Ricordiamo che a luglio, la Grecia ha importanti scadenze (3.5 miliardi di Euro) e senza nuovi finanziamenti (previsti dal piano di sostegno pari a 5 miliardi), sarà l’ennesimo default greco.
Possibile un compromesso? Beh, forse si. Ma lo stile già lo conosciamo no? Comprare tempo allungando per l’ennesima volta le scadenza (mamma mia che ristrutturazione efficacce) tagliando ancora i tassi (e allora portiamoli coerentemente a ZERO, come i titoli tedeschi, tanto la solidità dei paesi è paritetica). Ma spiegatemi come potrà MAI risollevarsi la Grecia. Non parlo solo di economia ma di questioni umanitarie. La situazione è catastrofica per il paese e questa non rappresenta certo una via d’uscita.
Certo, una Germania più collaborativa (ricordiamo che è proprio colpa della Germania se la Grecia si è ritrovata con una situazione irreversibile, senza nulla togliere ovviamente alle responsabilità politiche di Atene) aiuterebbe non poco.
Ma la Germania è la Germania. Loro si ritengono superiori.

Bond Grecia 10yr: il rendimento crolla…

10yr-grecia-rendimento-2016

Germania: vuole fare la superiore, ma proprio il suo settore finanziario è un colabrodo!

Superiori un paio di ciuffoli. Ed è proprio lo stesso FMI che sembra voler dire: “ Cari Crucchi, volete fare tanto i fighi, ma sappiate che il vostro sistema finanziario è estremamente fragile”.
Ma tu guarda, anche il FMI se n’è accorto. Ed ecco che vengono snocciolate, una alla volta, tutte quelle criticità che abbiamo raccontato ormai migliaia di volte.

Il Fondo monetario accende un faro sul sistema finanziario tedesco, critica la scarsa redditività delle banche, soprattutto delle casse di risparmio e degli istituti pubblici, e sottolinea la necessità di accelerare l’aggiustamento delle banche stesse e delle compagnie di assicurazione al periodo prolungato di tassi d’interesse bassi. (…)

In una frase si riassume molto di quanto debba essere considerata la debolezza della finanza tedesca.

(…) Per le assicurazioni del ramo vita, osserva l’Fmi, «la solvibilità viene erosa» dalla diffusione delle polizze a rendimento garantito, una particolarità del sistema tedesco e di pochi altri Paesi. (…)

Ricordate, ne parlavamo in QUESTO POST. E come vedete non stavamo “gufando” solo per il gusto di dire cose negative. Eravano semplicemente realisti.

(…) il sistema bancario tedesco ha dovuto ricevere massicce iniezioni di denaro pubblico in seguito alla crisi finanziaria e che la più grande banca del Paese, Deutsche Bank, è stata coinvolta in tutti i principali scandali della finanza globale degli ultimi anni. L’Fmi è tra l’altro favorevole al completamento dell’unione bancaria nell’eurozona, con la creazione di uno schema comune di assicurazione dei depositi, che il Governo tedesco sta cercando di bloccare. (…)

Eccola li, la nostra vecchia amica Deutsche Bank. Una banca che molto spesso abbiamo avuto nel mirino e che, come dice giustamente il FMI, è sempre stata al centro di tutti scandali. Questo NON è sufficiente per mettere definitivamente luce su quanto sia marcia quella banca? E per lo più continua ad essere grande protagonista di leva finanziaria insostenibile.

Guardate quest slides ed in particolare la seconda. I risultati della gestione dei derivati possono influenzare in modo determinante non solo la redditività del gruppo ma anche la sostenibilità dei numeri di bilancio. Insomma, DB è un hedge fund e non una banca. Ma un hedge fund decisamente aggressivo, come potrebbe essere un “relative value” nella speranza che il “risk arbitrage” venga sempre gestito positivamente e che la situazione non scappi di mano.


Ma torniamo al FMI che bacchetta anche la Germania sulla loro criticità all’operato della BCE.

(…) Le banche tedesche sono le più attive nel protestare contro la politica dei tassi d’interesse bassi della Bce, ma i bassi tassi hanno semplicemente portato alla luce una serie di inefficienze strutturali di lungo periodo, fra cui la bassa redditività, un problema particolarmente acuto per le casse di risparmio, che hanno costi molto alti. In alcune banche, inoltre, la leva finanziaria resta molto elevata e «nei grandi istituti gli sforzi di ristrutturazione devono ancora portare frutto e il taglio dei costi resta lento», due riferimenti che appaiono diretti soprattutto a Deutsche Bank. Le banche tedesche, dice l’Fmi, devono inoltre adattare più rapidamente il proprio modello di business alle nuove regole e al cambiamento tecnologico. Le Landesbanken, gli istituti a controllo regionale, un altro comparto critico del settore bancario tedesco, coinvolto in tutte le crisi finanziarie internazionali degli ultimi decenni, hanno bisogno di ridimensionarsi, aprirsi ai capitali privati e riformare la governance. (IlSole24Ore) 

Ecco fatto. Le banche tedesche protestano con la Bce perché ovviamente mirano ai loro interessi e qui sopra è ben spiegato  ilmotivo. Ma attenzione, prima di puntare il dito sugli istituti di credito dell’Eurozona, la Germania farebbe bene a guardarsi in casa propria e mettere un bel po’ di ordine. Perché certe realtà saranno anche “to big to fail” ma rappresentano certamente un rischio sistemico molto maggiore rispetto a certe realtà che i tedeschi criticano.
Quindi possiamo proprio permettere sempre tutto a Berlino? E soprattutto, ne ha poi così diritto?

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (10 votes cast)
Il FMI apre il vaso di Pandora teutonico (e greco), 9.9 out of 10 based on 10 ratings
10 commenti Commenta
aorlansky60
Scritto il 12 maggio 2016 at 16:41

possiamo proprio permettere sempre tutto a Berlino ???

il concetto va rovesciato :

loro [i tedeschi] si arrogano di dettare regole che favoriscono i propri interessi economici [prima di tutto]

poi, se ne rimane un pò da concedere, caso mai anche per gli interessi degli altri [Stati membri UE].

Finchè non si ha ben chiaro questo concetto (PERCHE’ COSI’ E’ in Europa, attualmente) si continuerà a correre dietro al vento per cercare di spiegare come mai un unione simile -come quella imbastita solo sulla condivisione della moneta unica- non funziona, non può funzionare e non potrà mai funzionare :

semplicemente perchè un associazione come quella nota (l’UE) comandata dal socio maggioritario [tedesco] deve per prima cosa favorire l’interesse di 80 milioni di tedeschi; anche a scapito degli altri se occorre.

In un unione costituita da paesi troppo diversi tra loro, peraltro, dove la fiscalità è diversa per ogni paese, ed ogni paese ha diverse esigenze rispetto agli altri; troppo complicato da mettere insieme, non può funzionare; per farlo, occorrerebbe imporre la perdita reale di sovranità dei singoli paesi membri a vantaggio di un organismo unico centralizzato a coordinare politiche economiche e fiscali uguali per tutti, ma chi è realmente disposto, tra i paesi dell’UE, a volere concedere questo ? Nessuno, credo. Anche perchè nessuno si fida dell’altro, soprattutto dopo i precedenti della nota crisi economica che dal 2010 ha messo a dura prova la tenuta dell’unione stessa (e non è ancora finita).
.
.
.
ne ha poi così diritto?

anche questa domanda lascia il tempo che trova; il concetto è che “anche se non ne ha il diritto, la Germania se lo prende”,
in virtù di ritrovarsi come socio maggioritario dell’associazione nota; per riuscire a rendere più ragionevoli e concilianti i tedeschi(*), occorrerebbe una coalizione di Stati membri all’interno dell’UE che prendessero ferma posizione contro i tedeschi, ma al momento questa non si intravede, a tutto vantaggio dei tedeschi che possono continuare nella loro strategia fine a se stessa.

(*) in verità, uno in grado di fare la voce grossa e ridimensionare [anche solo momentaneamente] le mire tedesche esiste :

gli USA;

un particolare in grado di provare questo : quando nell’estate scorsa, l’uomo [tedesco] in carrozzella era determinato a gettare fuori dall’€uro la Grecia, ad un certo momento arrivò la ferma presa di posizione contraria di Barack Obama che pose il veto [all’estromissione della Grecia dall’€urozona]

questo particolare dovrebbe far riflettere.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Lukas
Scritto il 12 maggio 2016 at 19:42

aor­lan­sky60,

E non dimenticare lo scandalo wolkswagen tirato fuori al momento opportuno……..e se serve all’occorrenza tireranno fuori pure dell’altro………ma dopo aver piazzato Draghi alla Bce son tranquilli…li tengono al guinzaglio……….ERGO sono solo uno spaventapasseri che in realtà non spaventa nessuno…….e fanno comodo ai vari populismi europei per imbastire un pò di caciara all’interno dei singoli stati membri dell’EU.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 12 maggio 2016 at 22:22

    …domani torneremo sull’argomento…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 13 maggio 2016 at 00:14

e chi sono gli investitori nell’hedge fund DB?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

aorlansky60
Scritto il 13 maggio 2016 at 07:54

@ Perplessa

brava,
:-)
hai trovato il termine giusto,

“hedge fund” è il termine che meglio si addice attualmente a DB, più che “banca”…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 13 maggio 2016 at 08:21

aorlansky60,

perplessa@finanza,

“Insomma, DB è un hedge fund e non una banca. Ma un hedge fund decisamente aggressivo, come potrebbe essere un “relative value” nella speranza che il “risk arbitrage” venga sempre gestito positivamente e che la situazione non scappi di mano.”
Ma un HEDGE FUND può essere “too big to fail”?
Ricordate la vicenda LCTM?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

rubicon
Scritto il 13 maggio 2016 at 12:22

Danilo DT,

dalla vicenda LTCM hanno imparato…. dare sempre acqua al mercato, indipendentemente dalle restanti variabili, tanto il mercato beve… Gli ultimi anni confermano questo!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

rubicon
Scritto il 13 maggio 2016 at 12:25

Danilo DT,
descriverei il rapporto fra USA e la Germania, come un rapporto di amore ed odio… Vi sono vicende che le vedono contrapposte, vd. volkswagen, vd. scandalo intercettazioni di esponenti governo tedesco, ma vi sono anche vicende che li vedono a braccetto, come l’approvazione del trattato transatlantico TTIPS, che la Germania appoggia e così gli USA vendono loro la Monsanto…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

aorlansky60
Scritto il 13 maggio 2016 at 12:36

@ DT

Ma un HEDGE FUND può essere “too big to fail”?

assolutamente SI, nel caso di DB

se a garantire per essa c’è uno Stato sovrano da 3800 miliardi di € di pil con un surplus comm.le estero attualmente a +8,8%

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

perplessa
Scritto il 14 maggio 2016 at 22:20

la domanda era: chi incassa materialmente?

Da­ni­lo DT,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+