Il corporate non investe perché non crede nella ripresa economica

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

USA: mai come oggi le aziende detengono denaro in liquidità senza investire

Che ci sia una crisi economica tutt’altro che superata è un fatto arcinoto a tutti. Ma per molti l’economia USA è già riuscita ad uscire dalla crisi, con però il rischio di ritornarci. Stasera sapremo la FED e vorrà nuovamente intervenire con un altro QE.

Però a questo punto sorprende un altro dato. Se veramente l’economia USA fosse ormai fuori dalla crisi, come mai le aziende (corporate) hanno denaro come non mai in cassa? La storia insegna che i momenti di crisi sono anche ottime opportunità per investire, magari acquistando qualche azienda, prendere nuove quote di mercato, rafforzare il brand. Ed invece, il mercato è ingessato… Morale: le stesse aziende NON credono assolutamente nella fine della crisi, hanno miliardi di dollari a disposizione e non li investono perché sanno che rischiano di buttare soldi dalla finestra.
Oggi siamo ai nuovi massimi storici. 931 miliardi di dollari. Immaginate quanto soldi sono… e cosa significherebbe investire nel mercato questa cifra anche in termini borsistici! E se le grandi aziende NON investono perché non si fidano, come mai…dovremmo fidarci noi?

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI | Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (7 votes cast)
Il corporate non investe perché non crede nella ripresa economica, 9.9 out of 10 based on 7 ratings

Commenti (n° 2)Commenta

  1. Questa situazione idilliaca di molte grandi corporate USA non è sufficiente, come ben dice DT, per giustificare investimenti in un contesto economico mondiale come quello attuale.
    Per quanto riguarda l’Italia poi la situazione è proprio disastrosa. Le aziende sane, dotate di elevata liquidità, sono rare e fanno bene a stare ancora più accorte di quelle americane.
    Quelle sane, che nei 2 anni trascorsi, hanno avviato importanti investimenti, anticipando l’invito della Ministro Fornero, ora sono veramente nei guai anch’esse, come quelle che stavano già male. E con loro anche le banche che le hanno finanziate.
    Insomma gli investimenti in Fabbrica Italia del condottiero Marchionne non saranno finanziati da nessuno, perché investire in questo paese è, nelle condizioni odierne, una pazzia.